Una gita a Gardaland

È il parco divertimenti più importante in Italia, preso d’assalto da decine di migliaia di persone desiderose di vivere una giornata di svago. Lo abbiamo visitato per voi e...

Articoli Correlati

VISIONE DI INSIEME
Coloro che hanno visitato Gardaland parecchi anni fa, rimarranno positivamente colpiti dalle migliorie apportate al parco, dal numero di attrazioni presenti, dalla grandezza dell'area. Non è Euro Disney, ma al cugino francese ha poco da invidiare. I giochi sono tanti, così tanti che in giornata è praticamente impossibile provarli tutti, anche in assenza di code e file che rallentano i percorsi. Ce n'è per tutti i gusti, anche per i più piccini ai quali è dedicata tutta la zona di Fantasy Land.


Unico punto a sfavore il prezzo che penalizza gli adulti senza agevolare i piccini (il divario tra il biglietto a prezzo intero e quello a prezzo ridotto è di qualche euro. Pochi se si pensa che spesso genitori, nonni e zii sono semplici spettatori delle prodezze dei bambini). Per chi ne ha la possibilità vale, quindi, la pena acquistare ingressi plurigiornalieri, indubbiamente più vantaggiosi dal punto di vista economico e che consentono di effettuare la propria visita in tutta tranquillità senza l'angoscia di non riuscire ad ammortizzare il prezzo del biglietto. Esistono anche tessere stagionali sia diurne che serali. Ma convengono solo ed esclusivamente se veramente si è convinti di ripetere la gita più e più volte nell’ambito dello stesso periodo.
Importante anche tenere d'occhio offerte, buoni sconto e promozioni, che in bassa stagione sono abbastanza frequenti.
Il parco, proprio per la fama di cui gode, è spesso sovraffollato con il rischio di rimanere in coda per diverse ore nel tentativo di accedere a un'attrazione che dura solo pochi minuti (quando non secondi). Il nostro consiglio, quindi, se ne avete la possibilità, è quello di non programmare la visita durante il weekend e nei giorni festivi, ma di riservarla per un giorno infrasettimanale, eventualmente anche nel periodo delle vacanze estive.

PERNOTTAMENTO E PASTI
Di recentissima costruzione, il GARDALAND HOTEL RESORT, a 800 metri dal parco con cui è collegato grazie a un bus navetta gratuito e a soli 2 km dalla stazione di Peschiera del Garda, rappresenta probabilmente la soluzione più comoda per chi desidera visitare Gardaland in giornate diverse. L’albergo è molto bello, nuovissimo e modernissimo in tutte le sue parti, dotato di tutti i comfort e posizionato in una zona tranquilla lontana dal frastuono e dal caos cittadini. I bambini sono, ovviamente, i benvenuti e per loro sono pensate le animazioni con Prezzemolino durante i pasti (menu a 19€ per gli under 10) e le serate musicali del venerdì e del sabato. Inoltre, sono a disposizione dei piccoli le due sale giochi presenti nell'hotel. Da sapere, infine, che alla reception sono in vendita i biglietti di ingresso per il parco senza maggiorazioni.

LA NOSTRA CLASSIFICA DELLE ATTRAZIONI
 

  • Ikarus: il nostro preferito, insieme a Colorado Boat (percorso emozionante sui tronchi galleggianti, che abbiamo ripetuto 3 volte!) è il gioco sul quale i bimbi si sono divertiti di più. Si tratta di una sorta di albero alto 28 metri a cui sono appese delle navette che girano senza sosta. Non è pericoloso, anche se è piuttosto emozionante e i bimbi con un’altezza inferiore al metro e 37 cm devono essere accompagnati.
  • I Corsari e La valle dei re: molto simili, queste due attrazioni sono sostanzialmente due percorsi per tour nel mondo un po’ spettrale dei pirati e in quello misterioso dei faraoni egizi. Non ci sono particolari controindicazioni, anche se, forse, I Corsari non è molto adatto ai bambini troppo impressionabili.
  • Jungle Rapids: anche questo un gioco che è piaciuto tantissimo ai piccoli, affatto pericoloso, perfetto per tutta la famiglia (esclusi i piccolissimi che non vengono fatti salire). Attenzione, però, che ci si bagna parecchio.
  • Peter Pan: attrazione consigliata per i più piccini (fa parte, infatti, dell’area Fantasia) è, in realtà, adatta anche ai bimbi più grandi, considerata la velocità di movimento delle pale. Avvisate, quindi, le mamme dei bambini sotto ai 5 anni che non si aspettino la giostrina dei cavalli!
  • Magic Mountain: da brivido! Montagne russe con discese mozzafiato, avvitamenti laterali, doppi loop. Se il bambino soffre di cinetosi meglio non farlo salire. Ma se, invece, desidera andarci...mandatelo, si sentirà un eroe alla fine!
  • Spettacoli in 4D: diversi a seconda delle ore (noi abbiamo visto quello relativo alla Miniera Fantasma), questa simulazione della realtà in 4D è piaciuta a tutti. Da provare assolutamente.
  • Space Vertigo: allucinante! Ci siamo rifiutate di far salire i bambini, anche quelli più grandi. Potremmo sbagliarci ma l'impressione è che un gioco simile possa stimolare eccessivamente la colonna vertebrale.
  • Sequoia Adventure: la new entry del parco. Indubbiamente i bimbi più coraggiosi ne saranno automaticamente attratti. Noi, invece, abbiamo deciso di provarlo più avanti, quando i bimbi saranno più grandi!
    In molti dei giochi, viene scattata una foto nel momento più emozionante, che poi si può acquistare alla fine e che costituisce un simpatico ricordo di un momento di follia!

     

    UN ULTIMO CONSIGLIO
    Su alcune attrazioni è sconsigliato portare lo zaino che va lasciato incustodito in biglietteria o consegnato a pagamento (le code sono piuttosto lunghe) al guardaroba. Il consiglio, quindi, è di non portare valori con voi, tenendo sempre addosso il portafogli ed, eventualmente, il cellulare.

    Per tantissime altre informazioni, www.gardaland.it.


  • Commento inserito da lucia il 16 giugno 2010 alle ore 10:12

    Ma sti bambini suche giochi sono andati?Io domani forse piove e quindi forse non vado a Gardaland,mi viene da piangere!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Alfabeto-Montessori

Attività creative per insegnare a scrivere ai bambini

Seguendo il metodo Montessori, ecco alcune attività ludiche e creative allo stesso tempo da proporre ai bambini per insegnar loro a leggere. 

continua »
rugbytots

Avete mai sentito parlare di rugbytots?

Nato in Inghilterra 11 anni grazie all'idea di Max Webb, il rugbytots è un programma di motricità che si avvale della palle ovale come strumento destinato ai bambini in età prescolare.

continua »
Laboratori-creativi-autunno

Giocare con l'autunno

Idee per giocare con foglie, pigne, castagne e materiale raccolto in questa stagione al parco o in campagna. Il fascino dell'autunno in tanti laboratori creativi da fare in casa durante il tempo libero. 

continua »
Must-Have-Fall2017

Abbigliamento bimbi: capi must have per l'autunno

8 capi che ogni bambino dovrebbe avere nell'armadio per affrontare l'autunno. Dagli stivali al trench ecco alcuni capi moda indispensabili e il consiglio per gli acquisti.

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network