La colazione dello scolaro

La scuola ha riaperto i battenti e per i bambini è tempo di ritrovare le vecchie e sane abitudini. Anche in fatto di alimentazione. Si comincia, naturalmente, dalla colazione. Per un inizio di giornata sprint.

Articoli Correlati

di Alessia Altavilla

La colazione, ormai lo sanno tutti, è il pasto più importante della giornata. In particolare per chi deve affrontare lunghe ore sui libri e i banchi di scuola. Accanto a una buona dormita, infatti, è proprio il pasto del mattino ad aiutare la concentrazione e a tenere viva l’attenzione in classe. Sostenendo il bambino fino all’intervallo con la giusta dose di nutrienti (vitamine, calcio, carboidrati, zuccheri…) indispensabili per il benessere dell’organismo e della mente.
Ma cosa non deve mancare sulla tavola degli studenti subito dopo il risveglio?


 
LA COLAZIONE MODELLO DELLO SCOLARO

Innanzitutto, ma questa dovrebbe essere una regola valida sempre, al bando le colazioni frettolose, consumate in piedi con la cartella già in spalle e praticamente sull’uscio.
La colazione è un pasto a tutti gli effetti. E come tale deve essere impostato e “imposto” ai bimbi.


Il consiglio, quindi, è di apparecchiare la tavola e dedicare alla colazione almeno venti minuti tutte le mattine. Minuti che potranno essere utilizzati per chiacchierare in famiglia, organizzare la giornata, rendersi conto degli impegni di tutti, comprendere le esigenze e le paure di ciascuno.
Per molti è, naturalmente, una fatica. La mattina, è noto, si è sempre di fretta e molti bambini faticano a svegliarsi. In tal caso, anticipate la sveglia di qualche minuto. Sebbene possa sembrare terribile, alla lunga questa abitudine si rivelerà salutare per tutta la famiglia.

Dal punto di vista nutrizionale, invece, la colazione dovrebbe fornire il 20% del fabbisogno giornaliero e dovrebbe includere zuccheri, vitamine, carboidrati, proteine e fibre. Il tutto sapientemente mixato nelle giuste proporzioni.
Un esempio di buona colazione dovrebbe, dunque, includere: una tazza di latte (o un vasetto di yogurt) eventualmente addolciti con un cucchiaino di miele (da preferire allo zucchero dal momento che contiene anche sali minerali quali ferro, calcio e fosforo), una razione di cereali ricchi di fibre (in alternativa potrebbe andar bene anche una fetta di pane con un cucchiaio di marmellata o due fette biscottate sempre con marmellata. Da evitare, invece, brioche, merendine, biscotti troppo dolci… eccessivamente ricchi di zuccheri e grassi), una spremuta o frullato di frutta o una coppetta di macedonia fresca.
Un menu di questo tipo garantisce al bambino tutto il nutrimento necessario per affrontare la giornata, senza appesantirlo e senza un eccessivo sbilanciamento verso grassi e zuccheri.
Una volta alla settimana, meglio nel weekend, si può proporre al piccolo un uovo sodo strapazzato, cotto senza grassi aggiunti in una padella antiaderente.

 

 
…. DA NON DIMENTICARE LO SPUNTINO DELLE 11.00

Lo spuntino di metà mattina è uno spezza fame utile sia ai grandi che ai piccini. Nella maggior parte delle scuole italiane, da qualche anno, sono state stabilite delle regole che impediscono ai genitori di infilare nelle cartelle e negli zaini dei figli enormi pezzi di focaccia unta, merendine confezionate ricche di grassi, pezzi di pizza…
Il consiglio è quello di dare al bambino un frutto, facendogli scegliere quello che preferisce, già lavato e sbucciato e tagliato a pezzetti a mo’ di macedonia o il classico pacchetto di crackers. Vanno bene anche fette di riso, un piccolo panino con prosciutto crudo o cotto o una fettina sottile di formaggio, un pezzetto di Parmigiano Reggiano…
Insomma, qualunque cosa aiuti il bimbo ad arrivare all’ora di pranzo senza, però, rovinargli l’appetito.

 

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Fidget-spinner

Tutti pazzi per il fidget spider

Letteralmente scatto rotante, il widget spider è, a tutte le età, il gadget del momento. E come tutte le mode non poteva non far parlare di sé. C'è chi lo osanna come il nuovo rimedio contro la distrazione, chi ne vanta le proprietà anti-stress e rilassanti e chi lo condanna come nuovo oggetto di perdizione. Di cosa stiamo parlando?

continua »
Tudsa

Disturbi Specifici dell' Apprendimen- to? Arriva TuDSA

Tudsa è un progetto nato per supportare i genitori dei bambini/ragazzi con Disturbi Specifici dell’Apprendimento.

continua »
infettive_1

Malattie infettive

Portano il nome di malattie esantematiche, ma sono più conosciute come Varicella. Morbillo. Rosolia... Sintomi e informazioni su alcune tra le principali malattie dell'infanzia.

continua »
Stanchezza-primavera

Perché in primavera ci si sente più stanchi?

Le giornate sono calde e lunghe. La voglia di stare all'aperto aumenta. Eppure per molte persone, soprattutto bambini, la primavera è sinonimo di stanchezza cronica. Che fare? 

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network