La moda dello scolaro

Comodi, pratici e facili da lavare. Così i vestiti per la scuola. E per evitare che il bambino prenda freddo o senta troppo caldo, meglio vestirlo a strati.

Articoli Correlati

di Alessia Altavilla

REGOLE GENERALI
Indipendentemente dal fatto che il bambino debba o meno indossare il grembiule, il guardaroba per la scuola dovrebbe essere composto da capi pratici, comodi e facili da lavare. Inoltre, soprattutto nelle stagioni intermedie quando i frequenti sbalzi di temperatura potrebbero essere causa di malanni (per esempio, alla vie respiratorie), l'abbigliamento a 'strati' risulta il più indicato per evitare che il bimbo prenda freddo o senta troppo caldo durante la giornata.


Per ciò che concerne la scelta dei tessuti, meglio optare per fibre naturali (cotone, lino, lana) che lasciano traspirare la pelle impedendo al piccolo di sudare in modo eccessivo.

CAPO PER CAPO: GLI IRRINUNCIABILI
 


  • Pantaloni: jeans, pantaloni in cotone o lino (per la primavera e l'estate), pantaloni di velluto (per l'autunno e l'inverno) rappresentano un must sia per un maschietto che per una femminuccia. Sono comodi per il bimbo e si lavano facilmente anche ad alte temperature. Tra i vari modelli, da preferire quelli con elastico in vita se il bambino è piccolo e con bottone singolo più cerniera per gli scolari più grandicelli. Decisamente utili le tasche (da controllare sempre prima di qualsiasi lavaggio dal momento che spesso i bambini vi infilano tappi di penne, monetine, giocattoli…). Per le giornate calde, sia per i maschi che per le femmine, da preferire i pantaloni corti o le gonne.
  • Gonne e abitini: far indossare la gonna piuttosto che i pantaloni a una bambina è una scelta soggettiva che dipende dalle abitudini della piccina. Ci sono bimbe, infatti, che si sentono decisamente più a loro agio con un paio di calzoni. Meglio, quindi, non forzarle e assecondare le loro preferenze. Per ciò che concerne i modelli, meglio optare per quelli più pratici, in felpa, cotone, jeans o lana. Da evitare, invece, pizzi, merletti… Stessa cosa dicasi per eventuali abitini.
  • Camicie: sono decisamente poco pratiche, sia per i bambini che per le mamme che, poi, dovranno provvedere a lavarle e, soprattutto, stirarle. Inoltre, richiedono una discreta manciata di secondi per essere indossate e se la mattina avete poco tempo sono proprio sconsigliate. Tra i modelli, scegliete quelle in cotone da indossare, eventualmente, con una felpa o un maglioncino per le giornate più fredde.
  • Magliette: perfette per l'abbigliamento della scuola. Ne esistono di mille forme e colori e non c'è che l'imbarazzo della scelta. Ottime da usare in sostituzione delle camicie sono le polo, dotate di colletto e che possono essere utilizzate anche sotto ai maglioni.
  • Felpe e maglioni: fatta eccezione per le torride giornate estive, le felpe (in cotone) o i maglioni (in lana durante l'inverno e in cotone in primavera) non dovrebbero mai mancare tra i vestiti dei bimbi. Se uscendo di casa la giornata dovesse risultare calda, legateli in vita al bambino o infilateglieli nello zaino. Potrebbero tornare utili nel caso in cui il tempo dovesse cambiare improvvisamente (come spesso capita, per esempio, in autunno o in primavera). Per quanto riguarda i maglioni in lana, spesso i piccoli sembrano mal sopportare questo materiale (per via della sua ruvidità al contatto con l'epidermide). Optate, in questo caso, per i pile oppure per le felpe in cotone possibilmente imbottite. Evitate, comunque, di far indossare al bambino la felpa o il maglione direttamente sulla pelle nuda.
  • Biancheria intima: andrebbe cambiata tutti i giorni dal momento che i bimbi sudano molto. Mutandine in cotone per le bambine e slip o boxer per i maschietti (a seconda di come sono abituati). Consigliato l'uso della canottiera (in cotone o in lana) o della mogliettina per lo meno nei mesi invernali.
  • Scarpe: dovrebbero essere comode e lavabili, dotate di para in gomma per evitare scivoloni e cadute. Perfette in questo senso le scarpe da ginnastica che hanno, però, il difetto di non lasciar traspirare la pelle. Durante la primavera e l'estate scegliete scarpe aperte in cuoio. Per l'inverno, scarponcini alti antipioggia. Gli stivali in gomma vanno bene per le giornate di pioggia, ma tengono il piede freddo e andrebbero fatti indossare con calzettoni pesanti in lana.
  • Guanti, cappelli e sciarpe: indispensabili durante i mesi invernali, sono tra gli oggetti che i bambini perdono più facilmente. Insegnate, quindi, loro a riporli sempre nella tasca del cappotto o della giacca o, al limite, nella cartella. In questo modo non rischierete che li dimentichino in classe all'uscita di scuola.

     

    IL GREMBIULE
    Nonostante per le famiglie l'acquisto del grembiule rappresenti indubbiamente un costo che va ad aggiungersi alle altre innumerevoli spese di inizio anno scolastico, questo capo d'abbigliamento è sicuramente utile dal momento che limita il rischio di macchie (di inchiostro, merenda, cibo…) sui vestiti. Anche in questo caso, l'offerta è illimitata: dai semplici grembiulini bianchi o neri a quelli colorati, dai grembiuli più eleganti a quelli più semplici. Il consiglio è di concentrarsi sulla qualità della stoffa e sulla praticità (per esempio, i grembiuli con i bottoni sulla schiena non sono molto comodi perché richiedono sempre la presenza di un'altra persona per essere allacciati). Inoltre, a meno che non vi sia una richiesta specifica da parte della scuola, meglio optare per tinte neutre (bianco o nero). Tre grembiuli sono più che sufficienti per un anno scolastico permettendovi di organizzare i lavaggi senza eccessiva apprensione (due sono pochi, quattro anche troppi). Ricordate, infine, di Personalizzare il grembiule con un segnale di riconoscimento (il nome del bambino e la classe di appartenenza).


  • Commento inserito da margherita il 5 giugno 2010 alle ore 18:45

    L'armadio che scoppia,produce sia divise scolastiche che grembiulini in puro cotone per delle scuole di Bologna. Vi assicuro che i genitori ed i bambini sono contenti di indossarli!
    WWW.ARMADIOCHESCOPPIA.IT ordinali on-line come vuoi!

  • Commento inserito da carlo il 10 settembre 2008 alle ore 12:22

    E' PIU' ELEGANTE LA DIVISA SCOLASTICA CHE IL GREMBIULE,ADOTTEREI L'UNIFORME STILE INGLESE,ANCHE LA POLO UNISEX CON IL COLORE SCELTO DALLA SCUOLA E IL RELATIVO LOGO,GONNA PER LE RAGAZZE E PANTALONI PER I MASCHI,CALZONI CORTI STESSA FOGGIA PER IL PERIODO CALDO FISSATO DALLA SCUOLA.iDENTICA DIVISA ANCHE PER LA SCUOLA MEDIA INFERIORE.ANCH'IO DA BAMBINO PORTAVO L'UNIFORME,CALZONI CORTI TUTTO L'ANNO.

  • Commento inserito da Francesco il 6 settembre 2008 alle ore 17:40

    il grembiule nella scuola è utile e amche un modo di appartenenza, concetto di uguaglianza tra scolari, e predispone anche alla disciplina imparano che ci sono delle regole da rispettare. lo proporrei anche alle medie tutti indistintamente senza discriminazioni. abbottonato dietro o dvanti non hs importanza si aiutano a vicenda un modo per socializzare con nuovi compagni. lo indossano a casa c'e sempre la mamma. Io lo proporrei abbottonato dietro.

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Scrivania-bambini

L'angolo studio: come arredarlo

Creare un angolo studio per i bambini significa anche progettare uno spazio in cui piccoli possano sostare a lungo e che non provochi disagio alla schiena o alla vista. Ecco come scegliere tavoli, sedie e complementi d'arredo.

continua »
Shultute

Il primo giorno di scuola nel resto del mondo

Mentre il countdown è iniziato e i giorni di vacanza si contano sulle dita delle mani, ecco cosa succede il primo giorno di scuola nel resto del mondo. Tra prassi consolidate e tradizioni.

continua »
Back-to-school-2017

Back to school. Partire organizzati

La check list delle 7 cose da fare in queste ultime settimane che precedono l'inizio della scuola per non ritrovarsi il giorno prima con l'acqua alla gola e1000 cose da fare e comprare. 

continua »
Bambini-e-denaro

4 modi per insegnare ai bambini il valore dei soldi

Tra gioco e apprendimento, 4 attività divertenti per insegnare ai bambini ad avere il senso del denaro, capirne il valore e intuirne le diverse possibilità di utilizzo.

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network