Realtà scolastiche: storie italiane

A pochi giorni dalla riapertura dell'anno scolastico, raccontiamo la storia della Scuola di Montegridolfo, primo esempio di struttura ecosostenibile, aperta con fondi pubblici e ora destinata alla chiusura.

In una giornata di fine agosto, a pochi giorni dalla riapertura dell'anno scolastico, con le vacanze ormai agli sgoccioli e le famiglie sulla via del ritorno, decidiamo di raccontare la storia di questa scuola della provincia di Rimini, una delle prime in Italia ad avere una struttura ecosostenibile, realizzata con finanziamenti pubblici, perfettamente funzionante e destinata ora alla chiusura.



 
MONTEGRIDOLFO: LA SCUOLA È ECOSOSTENIBILE


Quella di Montegridolfo è la prima scuola sostenibile della provincia di Rimini, un'innovativa struttura preassemblata in legno con l'utilizzo di impianti per sfruttare le fonti di energia rinnovabili come la geotermia per la produzione di calore e gli impianti fotovoltaici. La struttura sfrutta la pendenza collinare per la creazione di una corte interna e spazi di attività collettive all'aperto. Il progetto contempla anche una zona di fitodepurazione delle acque e una stazione per il compostaggio dei rifiuti.

Il plesso è rivolto a sud per favorire l'illuminazione naturale all'interno degli ambienti e la temperatura interna delle aule allo scopo di non disperdere energia e calore.
L'edificio sostenibile è stato inaugurato il 28 novembre 2009 e appartiene ai parametri energetici di Classe A.

Il primo stralcio di una scuola-villaggio che in futuro avrebbe dovuto comprendere, oltre alla scuola primaria, alla biblioteca e agli spazi espositivi anche la scuola dell'infanzia, la mensa e la palestra.

 
MONTEGRIDOLFO: LA STORIA


Il progetto Scuola elementare sostenibile del Comune di Montegridolfo nasce da una precisa volontà dell'Amministrazione comunale di sostenere, strutturalmente e culturalmente, l'attività educativo-formativa locale, attraverso la realizzazione di un nuovo edificio che complessivamente rispondesse a precisi requisiti funzionali e ambientali in termini di prestazioni.

Il concetto di sostenibilità ambientale e sociale viene, grazie alle prerogative del progetto stesso, applicato volutamente su larga scala coinvolgendo tutta la cittadinanza, attraverso un processo partecipato (forum scuola), alla definizione funzionale scolastica ed extra-scolastica della struttura. Il progetto utilizza un sistema che la Provincia di Rimini ha adottato chiamato SB 100 (Sustainable Building 100 azioni), strumento messo a punto da ANAB che consente di definire e valutare preventivamente le possibili caratteristiche di una costruzione individuando il mix di provvedimenti più opportuni per ottenere il livello di sostenibilità ambientale desiderato.

La definizione progettuale ha visto quindi anche il contributo, in termini funzionali, dei bambini, dei loro genitori, degli insegnanti e del personale non docente così da consentire a tutti di avanzare proposte sentendosi responsabilmente coinvolti nel processo di progettazione.

 
MONTEGRIDOLFO: L'EPILOGO


Quello della scuola di Montegridolfo può essere considerato come una sorta di progetto pilota che era stato in grado, proprio per la sua unicità, era riuscito a ottenere finanziamenti pubblici per un valore di un milione duecentomila euro.

La scuola è aperta e ospita al momento 40 alunni. A causa, però, dei tagli previsti dal Governo rischia la chiusura perché gli alunni frequentanti sono meno dei 50 previsti dalle nuove norme ministeriali. Anche se nel tentativo di mantenere la struttura aperta, si stanno organizzando corsi di varia natura, la situazione è problematica. E' un progetto di bioarchitettura sociale che merita di vivere.

Un presidio di sostenibilità dal valore strategico e competitivo oggi dai più riconosciuto, diventa allora anche un presidio di attenzione sulla tematica legata al significato di 'fare scuola' in questo inizio di millennio nelle piccole realtà comunali disseminate lungo lo stivale e dimostra quanto questo possa diventare problematico, quando non impossibile, in conseguenza delle scelte ministeriali compiuti da Mariastella Gelmini, laddove il tutto è ricondotto puramente ad aridi numeri.


 

  • Commento inserito da tatina77 il 29 agosto 2010 alle ore 20:24

    è uno scandalo!una scuola nata con tutte le normative giuste,anche a mia figlia e' successo lo stesso la classe era di 14 bambini ma con i tagli hanno dovuto unire 2 classi e cosi' mi sono trovata una classe di 27,ho cambiato scuola.non è giusto quelli che ci rimettono sono sempre i bambini.

  • Commento inserito da sabrina.franceschi@tin.it il 27 agosto 2010 alle ore 10:41

    è un'indecenza, invece di prendere questa scuola come modello per la costruzione di altre strutture si ci basa solo sui numeri dei bimbi frequentanti. Come sempre è più importante la scuola-azienda che la scuola-istruttiva

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Scrivania-bambini

L'angolo studio: come arredarlo

Creare un angolo studio per i bambini significa anche progettare uno spazio in cui piccoli possano sostare a lungo e che non provochi disagio alla schiena o alla vista. Ecco come scegliere tavoli, sedie e complementi d'arredo.

continua »
Shultute

Il primo giorno di scuola nel resto del mondo

Mentre il countdown è iniziato e i giorni di vacanza si contano sulle dita delle mani, ecco cosa succede il primo giorno di scuola nel resto del mondo. Tra prassi consolidate e tradizioni.

continua »
Back-to-school-2017

Back to school. Partire organizzati

La check list delle 7 cose da fare in queste ultime settimane che precedono l'inizio della scuola per non ritrovarsi il giorno prima con l'acqua alla gola e1000 cose da fare e comprare. 

continua »
Bambini-e-denaro

4 modi per insegnare ai bambini il valore dei soldi

Tra gioco e apprendimento, 4 attività divertenti per insegnare ai bambini ad avere il senso del denaro, capirne il valore e intuirne le diverse possibilità di utilizzo.

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network