Bambini con il DNA di 3 persone: l'Inghilterra dice sì

É della scorsa settimana la notizia che la Camera dei Comuni della Gran Bretagna ha approvato una legge che prevede la fecondazione in vitro con il DNA di 3 persone per prevenire alcune malattie genetiche che normalmente vengono trasmesse dalla madre al figlio.

Articoli Correlati

di Alessia Altavilla
Nei giorni scorsi, la Camera dei Comuni di Londra ha votato a favore ­ e con una larga maggioranza ­ una legge che, se approvata dalla Camera dei Lord e dall'HFEA (Human Fertilisation and Embriology Authority) - consentirebbe di effettuare fecondazioni in vitro utilizzando 3 DNA anziché i due standard usati finora. Questo permetterebbe di prevenire alcune malattie genetiche ­ le cosiddette patologie mitocondriali - che normalmente vengono trasmesse dalla madre ai figli.
La Gran Bretagna diventerebbe così il primo paese al mondo ad adottare questo tipo di tecnica ponendosi sulla buona strada per prevenire alcune patologie gravi, il più delle volte incurabili o mortali, che, scomparendo di fatto dal DNA, finirebbero per scomparire del tutto.


Il primo ministro David Cameron, conservatore, ha commentato la notizia dichiarandosi soddisfatto del risultato raggiunto che rappresenta senz'altro un passo avanti per la scienza e che offrirebbe la possibilità a tanti genitori di avere figli del tutto sano, semplicemente con il trasferimento di una piccola percentuale di DNA di un terzo donatore sano (lo 0,1% contro il 99,9% di DNA dei genitori naturali).

La metodologia, sviluppata da un gruppo di ricercatori dell'Università di Newcastle, consiste nel trasferimento nell'embrione di DNA mitocondriale (i mitocondri sono l'unica struttura cellulare, oltre al nucleo, a contenere DNA). Le malattie mitocondriali, che possono causare problemi gravi al sistema nervoso, al cuore, ai polmoni, diabete, danni cerebrali..., vengono trasmesse per via ereditaria dalla madre. In pratica, se se la madre se la madre è affetta da una malattia a trasmissione mitocondriale, saranno malati tutti i figli. Se ne è affetto il padre, no.

Trasferendo nell'embrione solo mitocondri sani di una terza donatrice ed escludendo i mitocondri malati dalla cellula della madre, la sicurezza che il nascituro sia sano è totale. Inoltre, le caratteristiche genetiche del bambino, fatta eccezione per quelle legate ai mitocondri, rispetterebbero in toto il patrimonio dei genitori naturali.

Naturalmente, le polemiche in merito non sono mancate. I più conservatori, la Chiesa e anche diversi scienziati (per motivi, in realtà, più medici legati alla sicurezza della tecnica e alle conseguenze sulla salute del bambino) si sono opposti e si stanno battendo perché la legge non passi l'esame e non venga approvata. Le motivazioni sono sempre le stesse e hanno a che fare con l'idea che la scienza non debba e non possa giocare a fare Dio e che una simile possibilità aprirebbe, in realtà, la strada ad altre 'manipolazioni' genetiche non necessariamente finalizzate alla salute del nascituro.
.

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Segnali-desiderio-gravidanza

Sei pronta ad avere un bambino?

Non esiste il momento perfetto per avere un bambino. C'è chi prima preferisce dedicarsi al lavoro. Chi vuole godersi la vita a due. Chi pensa solo a divertirsi. Alcuni segnali, però, abbastanza ricorrenti, lasciano trasparire quello che, di lì a breve, diventerà un desiderio concreto: avere un bimbo.

continua »
miti-da-sfatare-avere-bambino

10 miti da sfatare per chi vuole avere un bambino

10 miti da sfatare per chi sta cercando di rimanere incinta senza successo. Tolti di mezzo i problemi di salute, ecco alcune cose da sapere se state cercando di avere un bambino.

continua »
9cosedafarefertilita

7 cose da fare per rimanere incinta

7 consigli per aumentare le chances di rimanere incinta (qualora non siano stati riscontrati problemi). Dall'alimentazione al sesso, ecco cosa fare.

continua »
FertilityDay

Fertility Day. Quando la campagna è un fallimento

Poche ore è sopravvissuto il sito legato alla campagna #fertilityday lanciata in questi giorni dal Ministro Beatrice Lorenzin e vita breve sembra debba avere l'iniziativa stessa. A ribellarsi in rete con tutti gli hashtag e le recriminazioni possibili il target stesso cui la comunicazione è rivolta: le donne in età fertile.

continua »

Cerca altre strutture






Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network