L'età giusta per diventare genitori? Dopo i 35!

Mamma giovane? No grazie. Secondo una ricerca inglese, l'età giusta per avere un bambino è compresa tra i 35 e i 49 anni. Quando non solo maggiori sono le disponibilità economica, ma più aperta è la mente per accogliere il bebè e prendersene cura.

di Alessia Altavilla
Quand'è il momento migliore per avere un bambino? Secondo una ricerca condotta da Mikko Myrskyl della London School of Economics e da Rachel Margolis della Canada's Western University, portata avanti in collaborazione con la German Institute for Economic Research, l'età più indicata per mettere in cantiere una gravidanza sarebbe tra i 35 e i 49 anni.
Insomma, quelle che un tempo erano considerate 'mamme attempate', improvvisamente, diventano le mamme più indicate per accogliere un bebè e prendersene cura.


Lo studio condotto per otto anni su coppie inglesi e tedesche di diverse età alle prese con i figli non ha dubbi al riguardo: maggiore è l'età dei genitori, migliore è la loro predisposizione alla genitorialità.
Non solo perché aumentano le possibilità economiche della famiglia (fattore non da poco e, certamente, non trascurabile); ma perché, di fatto, aumenta il benessere che il piccolo apporta alla coppia.
Inoltre, sempre secondo gli autori della ricerca, più la coppia è giovane, più la felicità procurata dalla nascita di un bambino è a corto raggio: tra i 23 e 34 anni l'entusiasmo per il nuovo nato scema dopo due anni. Sotto i 22 anni l'entusiasmo cala immediatamente dopo il parto e i primi giorni a casa.


Individuare i motivi non è certo difficile. In una società in cui il proprio piacere viene prima di tutto, in cui i 'sacrifici' sono poco contemplati, edonistica e improntata sull'appagamento di tutte le necessità primarie e non, un figlio rappresenta senz'altro un ostacolo al raggiungimento dei propri obiettivi. Laddove, invece, questi siano stati già ottenuti e consolidati, un bambino si pone come un'occasione in più per reinventarsi, migliorarsi, mettersi alla prova.
Si presuppone, poi, che un figlio arrivato 'tardi' sia stato, nella maggior parte dei casi, consapevolmente cercato e desiderato. Laddove prima potrebbe essere il frutto di un errore, di un pensiero momentaneo, di un gioco poco consapevole.

C'è, poi, la questione dei secondi e terzi figli che lo studio prende in esame. Anche in questo caso, pare che se fino al secondo bambino, la felicità della coppia e il livello di soddisfazione siano massimi, con l'arrivo di un eventuale terzo figlio le cose cambiano. Per quest'ultimo, infatti, sembra esserci meno partecipazione emotiva, meno aspettative, meno entusiasmo.

Gli autori della ricerca, a ogni modo, ci tengono a precisare che il loro studio non intende affatto affermare che sotto i 35 anni i mamma e papà non siano in grado di amare i loro figli o li amino meno di quanto non facciano i genitori over 35. Così come non è intenzione dello studio dire che i terzi figli siano meno amati o desiderati degli altri.
Semplicemente, però, sulla base di indicazioni comportamentali ripetute (e per altro analoghe sia in Germania che in Gran Bretagna), la tesi affermata rimane valida.


Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Segnali-desiderio-gravidanza

Sei pronta ad avere un bambino?

Non esiste il momento perfetto per avere un bambino. C'è chi prima preferisce dedicarsi al lavoro. Chi vuole godersi la vita a due. Chi pensa solo a divertirsi. Alcuni segnali, però, abbastanza ricorrenti, lasciano trasparire quello che, di lì a breve, diventerà un desiderio concreto: avere un bimbo.

continua »
miti-da-sfatare-avere-bambino

10 miti da sfatare per chi vuole avere un bambino

10 miti da sfatare per chi sta cercando di rimanere incinta senza successo. Tolti di mezzo i problemi di salute, ecco alcune cose da sapere se state cercando di avere un bambino.

continua »
9cosedafarefertilita

7 cose da fare per rimanere incinta

7 consigli per aumentare le chances di rimanere incinta (qualora non siano stati riscontrati problemi). Dall'alimentazione al sesso, ecco cosa fare.

continua »
FertilityDay

Fertility Day. Quando la campagna è un fallimento

Poche ore è sopravvissuto il sito legato alla campagna #fertilityday lanciata in questi giorni dal Ministro Beatrice Lorenzin e vita breve sembra debba avere l'iniziativa stessa. A ribellarsi in rete con tutti gli hashtag e le recriminazioni possibili il target stesso cui la comunicazione è rivolta: le donne in età fertile.

continua »

Cerca altre strutture






Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network