Spermiogramma in caso di difficoltà di concepimento

Dopo un anno di tentativi, in caso di difficoltà di concepimento, lo spermiogramma è un esame di laboratorio per lui praticamente obbligatorio. Consente di individuare eventuali problematiche maschile, definendo in modo preciso la causa. 

di Alessia Altavilla

Dopo un anno di tentativi mirati andati a vuoto, in caso di difficoltà di concepimento, si rendono obbligatorie alcune verifiche, sia in merito alla fertilità femminile sia in merito a quella maschile.
Tra gli esami obbligatori per lui, il primo è senz'altro lo spermiogramma, un esame di laboratorio abbastanza semplice e diffuso che consente di esaminare il liquido seminale e procedere a una prima diagnosi preliminare (non definitiva, è bene sottolinearlo), escludendo o confermando che la causa dell'infertilità possa essere maschile.



COME SI EFFETTUA
Lo spermiogramma consiste nel prelievo di una piccola quantità di liquido seminale. I risultati ottenuti sono attendibili ma non definitivi, anche perché tantissime sono le condizioni esterne che influenzano la qualità dello sperma (stress, stanchezza, temperatura...). Qualora fossero, però, rivelati problemi, è necessario procedere a ulteriori analisi e a un secondo spermiogramma per confermare o smentire la diagnosi.

Affinché il test dia risultati attendibile è necessario attenersi ad alcune regole che vengono comunicate al paziente nei giorni che precedono l'esame e che è bene rispettare:
  • Astinenza sessuale nei 3 giorni che precedono l'esame e non superiore ai 5 giorni
  • Eiaculazione ottenuta solo ed esclusivamente per masturbazione e non per coito interrotto o utilizzando un preservativo
  • Massima igiene della mani e del pene nel momento della masturbazione
  • Raccolta immediata dello sperma ottenuto in un contenitore sterile che va ermeticamente chiuso e consegnato al laboratorio di analisi il giorno stesso.
  • Eventuali malattie precedenti all'esecuzione dell'esame (anche influenza o raffreddore) vanno comunicate al personale sanitario di riferimento perché potrebbero essere la causa di eventuali problemi.
     

CHE PARAMETRI VENGONO ANALIZZATI
Lo spermiogramma prende in esame i seguenti parametri, senza valutare, però, quella che potrebbe essere la causa (o le cause) del problema:

  • Colore e aspetto che deve essere grigio opalescente
  • Concentrazione (il numero di spermatozoi presenti) nella norma se pari o superiore a 20milioni/ml
  • PH che deve essere compreso tra 7,5 e 8
  • Motilità (capacità di movimento): nella norma quando la percentuale di spermatozoi  con moto rettilineo A+B (moto rettilineo veloce e moto rettilineo lento) è uguale o superiore al 50%, di cui almeno il 25% con motilità veloce. Questo parametro può essere negativamente influenzato da varie cause: astinenza superiore ai 5 giorni, temperatura di conservazione del campione, eventuale uso di farmaci...
  • Morfologia nella norma se almeno il 25% degli spermatozoi analizzata ha una forma considerata normale.

In base ai risultati si parla di:

  • Normozoospermia
  • Astenozoospermia quando si riscontrano problemi di motilità
  • Oligospermia di fronte a un basso numero di spermatozoi nel campione analizzato
  • Azoospermia assenza di spermatozoi nel campione analizzato
  • Teratospermia quando ci si trova di fronte ad alterazioni morfologiche
  • Oligoastenoteratozoospermia quando tutte le caratteristiche analizzate presentano problemi.

In caso di problemi, viene di solito consigliata una visita andrologica completa che identifichi quelle che potrebbero essere le cause del problema.

Leggi anche Cause di infertilità maschile.

 

 

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

miti-da-sfatare-avere-bambino

10 miti da sfatare per chi vuole avere un bambino

10 miti da sfatare per chi sta cercando di rimanere incinta senza successo. Tolti di mezzo i problemi di salute, ecco alcune cose da sapere se state cercando di avere un bambino.

continua »
9cosedafarefertilita

7 cose da fare per rimanere incinta

7 consigli per aumentare le chances di rimanere incinta (qualora non siano stati riscontrati problemi). Dall'alimentazione al sesso, ecco cosa fare.

continua »
FertilityDay

Fertility Day. Quando la campagna è un fallimento

Poche ore è sopravvissuto il sito legato alla campagna #fertilityday lanciata in questi giorni dal Ministro Beatrice Lorenzin e vita breve sembra debba avere l'iniziativa stessa. A ribellarsi in rete con tutti gli hashtag e le recriminazioni possibili il target stesso cui la comunicazione è rivolta: le donne in età fertile.

continua »
5-segni-ovulazione

5 segnali di ovulazione

Se stai cercando di avere un bimbo e sei attenta a quelli che sono i giorni fertili per programmare la gravidanza, ecco 5 segnali che ti avvisano che il tuo corpo è pronto e sei in fase ovulatoria. 

continua »

Cerca altre strutture






Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network