La banca del tempo...

Una banca pensata per chi non ha tempo da perdere. Per scambiarsi servizi prelvandoli direttamente dal catalogo del 'GiraTempo'.

Articoli Correlati

di Alessia Altavilla

Ci fu un tempo in cui i rapporti tra persone di una stessa comunità venivano regolati dal baratto. Un litro di latte in cambio di un intervento di riparazione alla stalla. Due polli per una visita medica… Poi, il denaro cambiò le abitudini e chi offriva un servizio, di qualunque tipo esso fosse, pretendeva il pagamento di una parcella in moneta sonante, moneta che veniva reinvestita per acquistare beni e altri servizi. Questa prassi, nonostante siano trascorsi secoli da quando fu introdotta, non sembra affatto essersi esaurita e a un occhio esterno risulterebbe chiaro come proprio il denaro è il meccanismo regolatore di qualsiasi transazione umana. Eppure qualcosa sta cambiando. O meglio, qualcuno ha cominciato a pensare a strade alternative per raggiungere i medesimi risultati senza, come si dice, 'sborsare una lira'. Nacquero, così, quelle che comunemente vengono chiamate BANCHE DEL TEMPO.
Le prime si svilupparono in Gran Bretagna agli inizi degli Anni Ottanta come risposta allo smantellamento dello stato sociale, presero il nome di LETS (Local Exchange Trading System) e si configurarono come piccole comunità atte allo scambio di tempo, saperi e beni. In seguito, la formula fu esportata in Francia, Olanda, Germania, Paesi Scandinavi.


In Italia le BANCHE DEL TEMPO furono introdotte solo a partire dalla prima metà degli Anni Novanta e si focalizzarono, principalmente, sugli aspetti di socializzazione, ricostruzione di rapporti solidali, recupero della convivialità.

Spiegare in cosa consista esattamente una BANCHE DEL TEMPO è piuttosto semplice. In pratica, si tratta di persone che si organizzano mettendo a disposizione della collettività e di quanti ne facciano richiesta il loro tempo libero e il loro background offrendo, in questo modo, un servizio (c'è chi si offre come baby sitter, chi come insegnante di ripetizione, chi come esperta di giardinaggio e chi come infermiera a domicilio). Insomma, i campi di pertinenza del meccanismo possono essere infiniti.
L'idea di fondo è che, di fatto, non esista una sostanziale differenza tra la casalinga e il dirigente, il medico e il giardiniere. Tutti a loro modo sono in grado di essere utili alla comunità e la prestazione del proprio lavoro, anziché essere quantificata in denaro, viene valutata in termini di tempo impiegato.


Nello specifico, dunque, ecco come opera, aldilà delle differenze territoriali di ciascuna associazione, una BANCHE DEL TEMPO e quali regole ne animano il meccanismo:
 

  • gli scambi non prevedono diretta reciprocità. Ossia, il 'pagamento' per ogni prestazione viene effettuato mediante il sistema degli addebiti e degli accrediti attraverso la Banca del Tempo (di solito vengono erogati 'assegni' che quantificano il numero di ore di cui si è a credito, qualora si sia offerto un proprio servizio, o a debito, qualora ne sia stata fatta richiesta).
  • Le BANCHE DEL TEMPO operano su un territorio di riferimento limitato (un quartiere, un paese, più raramente un'intera città).
  • Gli strumenti di contabilizzazione possono essere, a seconda dei casi, assegni, estratti conto, monete fittizie dal valore simbolico…).
  • Tutte le BANCHE DEL TEMPO prevedono la presenza di un coordinatore che si occupa di smistare le richieste, tenere i conti dei vari clienti e che funge da figura di riferimento per qualsiasi reclamo o per avere informazioni di qualunque tipo
  • L'aspetto sociale e comunitario è fondamentale all'interno di qualsiasi BANCHE DEL TEMPO. Ecco perché riunioni tra i partecipanti, assemblee… sono piuttosto frequenti e permettono di creare una forte rete sociale all'interno della comunità.
  • Chiaramente, ciascuna BANCA DEL TEMPO ha un proprio Statuto e regole proprie che possono diversificarsi da quelle di altr.

     

    Per promuovere e monitorare le attività della BANCHE DEL TEMPO, alla fine del 1995, è nato TempoMat, una sorta di Osservatorio senza fini di lucro nato con scopo divulgativo e promozionale. Sul sito, purtroppo non aggiornatissimo, ma decisamente esaustivo dal punto di vista informativo, www.tempomat.it è possibile rintracciare tutte le informazioni necessarie per aprire una Banca del Tempo oltre a conoscere l'elenco (non completo) di tutte le Associazioni già presenti sul territorio italiano.
    I vantaggi, come è facile intuire, sono molteplici perché attraverso il sistema delle BANCHE DEL TEMPO è possibile far richiesta di una baby sitter in cambio di una lezione di inglese, musica, informatica. Si può cercare qualcuno che stiri le camicie offrendo le proprie conoscenze in materia di elettronica. Si può far richiesta di un insegnate di ripetizioni per il bambino che non si applica proponendosi come cuochi per una cena importante. Insomma, molteplici alternative per coloro che… NON HANNO TEMPO DA PERDERE!


Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

seno_ottobre_17

Io ho scelto di prevenire

Nel mese della prevenzione al seno, abbiamo deciso di pubblicare la storia di una mamma che ci ha scritto e che ci fa capire quanto sia importante prevenire e sottoporsi a controlli regolari.

continua »
Baby-sitter-costi

Quanto costa una baby sitter?

Baby sitter: una necessità per molte famiglie che si trovano costrette a ricorrere a questa soluzione mentre mamma e papà lavorano. Quanto costa, però, una baby sitter in regola? Quali sono i doveri da parte del datore del lavoro e quali da parte della tata? 

continua »
Benefici_mare

La salute vien dal mare

Oltre al divertimento e al relax, una vacanza al mare comporta anche benessere per l'organismo. Ecco tutti i benefici in termini di salute che comporta.  

continua »
Prepare_valigie

La valigia perfetta

Consigli per preparare la valigia perfetta. Portando con sé tutto quello serve, lasciando a casa il superfluo ed evitando pesi eccessi o problemi per chi viaggia in aereo. Ecco come fare.

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network