Assegni al nucleo familiare: come richiederli

Passo passo, ecco come inoltrare all'INPS la domanda per ottenere gli assegni al nucleo familiare dopo la nascita di un figlio.

Articoli Correlati

di Alice Demare

Gli assegni familiari sono prestazioni a sostegno del reddito erogate dal'INPS per aiutare le famiglie di lavoratori dipendenti, pubblici e privati, e i pensionati da lavoro dipendente, il cui nucleo familiare sia composto da più persone e con un reddito inferiore alle soglie massime previste per legge.
Per averne diritto è necessario, quindi, che il reddito non superi determinati limiti, stabiliti per legge di anno in anno (il reddito viene calcolato tenendo conto della somma dei redditi assoggettati all'IRPEF di tutti i componenti della famiglia).


I lavoratori dipendenti devono inoltrare la domanda direttamente al loro datore di lavoro utilizzando il modulo ANF/DIP. Una volta ricevuta la documentazione, il datore di lavoro provvederà a versare l'importo per conto dell'INPS direttamente sulla busta paga.
Fanno parte del nucleo familiare: il coniuge non legalmente separato, i figli con un'età inferiore ai 18 anni, i figli con un'età superiore ai 18 anni ma inabili, fratelli, sorelle e nipoti collaterali del richiedente.
Gli assegni al nucleo familiare possono essere richiesti anche successivamente alla nascita del figlio entro il compimento del quinto anno di quest'ultimo. L'INPS provvederà a pagare la cifra arretrata.


IN CASO DI COPPIE NON SPOSATE E CONVIVENTI
Qualora i genitori del bambino non siano sposati, prima di compilare il modulo ANF/DIP, è necessario che il richiedente includa il minore all'interno del suo nucleo familiare allegando alla domanda (il modulo SR03) un documento con il quale il partner autocertifichi di non percepire alcun assegno per il suddetto minore.
Una volta inoltrata, rigorosamente per via telematica, la domanda, prima di compilare il modulo ANF/DIP è necessario che questa venga accolta dal'INPS, che provvederà a inviare tutta la documentazione necessaria da presentare al datore di lavoro.
Il tutto potrebbe richiedere anche un paio di mesi.

Ricordiamo che per la maggior parte delle pratiche INPS da svolgere on line è necessario essere in possesso del cosiddetto codice dispositivo che va richiesto dopo il primo ingresso effettuato utilizzando un codice on line.

Per maggiori informazioni consultate il portale dell'INPS

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

seno_ottobre_17

Io ho scelto di prevenire

Nel mese della prevenzione al seno, abbiamo deciso di pubblicare la storia di una mamma che ci ha scritto e che ci fa capire quanto sia importante prevenire e sottoporsi a controlli regolari.

continua »
Baby-sitter-costi

Quanto costa una baby sitter?

Baby sitter: una necessità per molte famiglie che si trovano costrette a ricorrere a questa soluzione mentre mamma e papà lavorano. Quanto costa, però, una baby sitter in regola? Quali sono i doveri da parte del datore del lavoro e quali da parte della tata? 

continua »
Benefici_mare

La salute vien dal mare

Oltre al divertimento e al relax, una vacanza al mare comporta anche benessere per l'organismo. Ecco tutti i benefici in termini di salute che comporta.  

continua »
Prepare_valigie

La valigia perfetta

Consigli per preparare la valigia perfetta. Portando con sé tutto quello serve, lasciando a casa il superfluo ed evitando pesi eccessi o problemi per chi viaggia in aereo. Ecco come fare.

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network