10 cose da sapere sulle creme solari per i bambini

Come scegliere i solari per i bambini? E' davvero necessaria la protezione totale o si possono utilizzare creme con fattori di protezione più bassa? Quante volte va applicata la crema? 10 risposte per fugare i dubbi delle mamme in materia di protezione solare.

Articoli Correlati

di Alessia Altavilla

Estate. Primi bagni. Prime passeggiate ad alta quota. Prime giornate trascorse interamente all'aperto.
Primi giorni di esposizione al sole. Come proteggere la pelle del bambino dal rischio di scottature, eritemi solari, macchie delle pelle?


Ecco 10 cose da sapere sulle creme solari e 10 consigli per orientarsi nel mare magnum dei prodotti in commercio.
  1. QUALE FATTORE DI PROTEZIONE UTILIZZARE PER I BAMBINI?
    Per tutta la prima infanzia, fino a circa 6 anni, va utilizzata una crema con un fattore di protezione molto alto (+50). Con i bambini più grandi, e quando la pelle è già abbronzata, si può passare a un fattore di protezione medio (+30) per optare, alla fine, per un fattore di protezione basso (+15). 

     
  2. NEGLI ULTIMI GIORNI E' NECESSARIO USARE LA CREMA ANCHE SE IL BAMBINO E' GIA' ABBRONZATO?
    La risposta è sì. La crema, infatti, evita anche che la pelle si secchi e perda la naturale elasticità. Oltre a proteggere l'epidermide dai danni possibili provocati da una sbagliata esposizione ai raggi del sole.
     
  3. DA CHE ETA' VA UTILIZZATA LA CREMA SOLARE?
    Sin dalla nascita se il bambino viene portato al sole. Si ricorda che l'orario migliore per portare al sole un neonato è tra 8 e le 11 e dopo le 17.
     
  4. IL NEONATO VA PROTETTO ANCHE SE RIMANE SOTTO ALL'OMBRELONE?
    Assolutamente sì. L'ombrellone, infatti, filtra solo una parte dei raggi solari. Quelli che riescono, comnque, a 'passare' potrebbero rappresentare un problema per la salute del piccino causando scottature ed eritemi.
     
  5. QUANTE VOLTE VA APPLICATA LA CREMA NELL'ARCO DELLA GIORNATA?
    Sempre dopo il bagno anche se la crema è 'resistente all'acuqa' e ogni due ore se il bimbo gioca all'aperto (mare, montagna, giaridnetti...)
     
  6. E' CONSIGLIABILE PUNTARE SU UN PRODOTTO SPECIFICO PER BAMBINI O VANNO BENE ANCHE LE CREME DI MAMMA E PAPA'?
    In assenza di patologie specifiche, ogni prodotto va bene purché testato e non troppo aggressivo per la pelle. Sì, quindi, all'uso di creme di mamma e papà con il fattore di protezione adatto alla pelle del piccolo.
     
  7. PERCHE' A VOLTE LE CREME NON SI ASSORBONO E LASCIANO UNA PATINA BIANCA SULLA PELLE DEL BAMBINO?
    Le creme con un fattore di protezione fisico tendeno a lasciare una patina bianca sulla pelle che la protegge in modo totale. Salvo, però, problemi specifici (generalmente segnalati dal pediatra), è preferibile acquistare le comuni creme con fattore di protezione chimico. Più semplici da spalmare e che si assorbono più facilmente.
     
  8. LE CREME SOLARI CON UN FATTORE DI PROTEZIONE MOLTO ALTO IMPEDISCONO ALLA PELLE DI ABBRONZARSI?
    No. Questa è una convinzione sbagliata che molti hanno ma che che, in realtà, non ha alcun fondamento.
    Se è vero, infatti, che con una crema abbronzante ad alto fattore di protezione ci si abbronza più lentamente, è anche vero che, una volta acquistata, l'abbronzatura dura di più dal momento che la pelle risulta perfettamente idratata e non tende a squamarsi.
     
  9. SE BEN PROTETTI I BAMBINI POSSONO RIMANERE AL SOLE TUTTO IL GIORNO?
    Sarebbe preferibile, a prescindere dall'uso o meno della crema e dall'età, evitare di prendere il sole nelle ore più calde della giornata, dalle 12.00 alle 16.30.
     
  10. LA PROTEZIONE E' NECESSARIA SOLO AL MARE E IN MONTAGNA?
    Anche in questo caso occorre sfatare un falso mito. Il sole è ugualmente dannoso per la pelle anche in città, in campagna, sul terrazzo di casa. Ogniqualvolta il bambino si espone per un periodo prolungato al sole, la pelle andrebbe protetta con l'adeguato fattore di protezione. Questo non significa che bisogna ungerlo ogni volta che esce di casa. Ma se trascorre al parco (cittadino) l'intero pomeriggio, andrebbero protette le zone più esposte (braccia, gambe, volto, spalle se sono scoperte...)

     

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Scandinavia

Gli Scandinavi lo fanno meglio

Punto di riferimento per il design, il sistema scolastico, il welfare, la cultura hygge, gli Scandinavi stanno imponendo ovunque anche il modello educativo e genitoriale come il migliore del mondo. Ecco le 6 ragioni per le quali in Nord Europa i bambini sarebbe più felici e i genitori più sereni.

continua »
Troppi-giocattoli

5 motivi per smettere di comprare giocattoli

Il giocattolo è il pane quotidiano del bambino. La maggior parte degli esperti, però, sottolinea come i bimbi che ne hanno pochi crescano meglio e siano più sereni. Ecco come liberarsi del superfluo.

continua »
Alfabeto-Montessori

Attività creative per insegnare a scrivere ai bambini

Seguendo il metodo Montessori, ecco alcune attività ludiche e creative allo stesso tempo da proporre ai bambini per insegnar loro a leggere. 

continua »
rugbytots

Avete mai sentito parlare di rugbytots?

Nato in Inghilterra 11 anni grazie all'idea di Max Webb, il rugbytots è un programma di motricità che si avvale della palle ovale come strumento destinato ai bambini in età prescolare.

continua »

Cerca altre strutture






Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network