4 gesti concreti per educare i bambini alla generosità

E' importante insegnare ai bambini a essere generosi e gentili con gli altri. 4 cose pratiche che possono fare per abituarsi a tenere in considerazione anche le esigenze degli altri. 

Articoli Correlati

di Alessia Altavilla

La generosità non è una virtù dell'infanzia. 
I bambini, soprattutto quelli molto piccoli, sono egocentrici, prepotenti ed egoisti.


Il mondo che loro vivono e costruiscono, ruota intorno a loro. Il concetto di 'esigenze degli altri' è del tutto estraneo alla loro comprensione.
Man mano che crescono, però, è fondamentale educare i bimbi alla generosità, insegnando loro a condividere, dare, lasciare agli altri, farsi da parte. 
Non si tratta di insegnare la remissività. Ma di educarli alla condivisione, allo scambio, all'aiuto reciproco.

Di seguito 4 idee pratiche per educare i bimbi a essere generosi, inculcando lodo l'idea che la generosità paga più dell'egoismo, in termini di soddisfazione personale e possibilità di trovare nuovi amici.
  1. IL GIOCATTOLO DEL MESE
    Abituate il bambino a 'privarsi' di qualcosa da regalare ad altri che ne hanno bisogno. I bambini di oggi hanno le stanze piene di giocattoli che spesso nemmeno sanno di avere. Insieme, ogni mese, ne potreste scegliere uno che il piccolo usa meno o non usa del tutto da mettere in un grande scatolone. Quando lo scatolone sarà pieno, insieme al bambino, regalatelo a chi avete deciso debba essere il destinatario della donazione: scuola, asilo, ente benefico, un conoscente meno fortunato (in tal caso, accertatevi, però, che la sua famiglia sappia cogliere il senso del dono e non lo viva come una forma di 'elemosina').
     
  2. CONDIVIDERE LA MERENDA
    Insegnate al bambino a condividere le cose che ha con gli altri, anche quelle che gli piacciono mollto. Abituatelo sin da subito a dividere con gli altri la sua merenda e voi stessi imparate a condividere con lui e gli altri membri della famiglia le vostre cose. Se sta mangiando la pizza, la pasta, un cioccolatino, una merendina... chiedetegli di farvene assaggiare un pochino. E' un gesto simbolico, ma lo aiuterà a capire che può condividere con gli altri quello che possiede.
     
  3. LA SCATOLA DEI GIOCHI IN COMUNE
    Questa è un'idea molto buona per insegnare ai bambini che hanno fratelli e sorelle a giocare tutti insieme, condividendo ogni gioco. Non ci sono giochi da maschio e giochi da femmina. Tutti i giochi vengono messi in una grande scatola e ciascuno può scegliere con cosa giocare. In questo modo li abituerete a essere accomodanti e a non dividere il mondo in 'mio' e 'tuo'.
     
  4. AIUTARE I COMPAGNI
    Abituate il bambino ad aiutare i compagni in difficoltà (per esempio, i bambini malati che non hanno potuto segnare sul diario i compiti da fare), quelli che hanno problemi a imparare... Studiare assieme, mettere a disposizione di tutti le proprie conoscenze, è una forma di generosità che alla fine paga sempre e che si può insegnare sin dai prima anni della Scuola Primaria.

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Libri-uova-Pasqua

Libri per bambini da mettere nelle uova di Pasqua

E se al posto dei soliti inutili giocattoli dentro l'uovo di Pasqua per il bambino chiedeste di mettere un libro? Freschi di stampa, ecco le ultime novità editoriali per l'infanzia da leggere tutte d'un fiato. 

continua »
Bambini-che-perdono

Insegnate ai bambini a perdere!

Imparare ad accettare la sconfitta per trarne forza è uno dei più grandi insegnamenti che mamma e papà possono trasmettere ai propri figli. In un'epoca in cui tutti vincono, è necessario insegnare ai bambini a perdere.

continua »
Bambini-che-si-annoiano

10 consigli per insegnare ai bambini come annoiarsi

Permettere ai bambini di annoiarsi significa aiutarli a sviluppare doti quali fantasia e creatività. Inoltre, dal punto di vista dello sviluppo emotivo, è uno strumento utilissimo per permettere ai più piccoli di capire davvero a cosa sono interessati e a quali attività dedicarsi. 

continua »
BambineSiateRibelli

Il caso letterario: Bambine siate ribelli

Pubblicato in Italia da Mondadori e uscito il 28 febbraio, Storie della buonanotte per bambine ribelli è diventato, oltre che un successo mondiale tradotto in 12 lingue, un vero e proprio caso letterario. Uno dei pochi libri destinati al pubblico femminile che si oppone davvero agli stereotipi di genere.

continua »

Cerca altre strutture

Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network