4 gesti concreti per educare i bambini alla generosità

E' importante insegnare ai bambini a essere generosi e gentili con gli altri. 4 cose pratiche che possono fare per abituarsi a tenere in considerazione anche le esigenze degli altri. 

Articoli Correlati

di Alessia Altavilla

La generosità non è una virtù dell'infanzia. 
I bambini, soprattutto quelli molto piccoli, sono egocentrici, prepotenti ed egoisti.


Il mondo che loro vivono e costruiscono, ruota intorno a loro. Il concetto di 'esigenze degli altri' è del tutto estraneo alla loro comprensione.
Man mano che crescono, però, è fondamentale educare i bimbi alla generosità, insegnando loro a condividere, dare, lasciare agli altri, farsi da parte. 
Non si tratta di insegnare la remissività. Ma di educarli alla condivisione, allo scambio, all'aiuto reciproco.

Di seguito 4 idee pratiche per educare i bimbi a essere generosi, inculcando lodo l'idea che la generosità paga più dell'egoismo, in termini di soddisfazione personale e possibilità di trovare nuovi amici.
  1. IL GIOCATTOLO DEL MESE
    Abituate il bambino a 'privarsi' di qualcosa da regalare ad altri che ne hanno bisogno. I bambini di oggi hanno le stanze piene di giocattoli che spesso nemmeno sanno di avere. Insieme, ogni mese, ne potreste scegliere uno che il piccolo usa meno o non usa del tutto da mettere in un grande scatolone. Quando lo scatolone sarà pieno, insieme al bambino, regalatelo a chi avete deciso debba essere il destinatario della donazione: scuola, asilo, ente benefico, un conoscente meno fortunato (in tal caso, accertatevi, però, che la sua famiglia sappia cogliere il senso del dono e non lo viva come una forma di 'elemosina').
     
  2. CONDIVIDERE LA MERENDA
    Insegnate al bambino a condividere le cose che ha con gli altri, anche quelle che gli piacciono mollto. Abituatelo sin da subito a dividere con gli altri la sua merenda e voi stessi imparate a condividere con lui e gli altri membri della famiglia le vostre cose. Se sta mangiando la pizza, la pasta, un cioccolatino, una merendina... chiedetegli di farvene assaggiare un pochino. E' un gesto simbolico, ma lo aiuterà a capire che può condividere con gli altri quello che possiede.
     
  3. LA SCATOLA DEI GIOCHI IN COMUNE
    Questa è un'idea molto buona per insegnare ai bambini che hanno fratelli e sorelle a giocare tutti insieme, condividendo ogni gioco. Non ci sono giochi da maschio e giochi da femmina. Tutti i giochi vengono messi in una grande scatola e ciascuno può scegliere con cosa giocare. In questo modo li abituerete a essere accomodanti e a non dividere il mondo in 'mio' e 'tuo'.
     
  4. AIUTARE I COMPAGNI
    Abituate il bambino ad aiutare i compagni in difficoltà (per esempio, i bambini malati che non hanno potuto segnare sul diario i compiti da fare), quelli che hanno problemi a imparare... Studiare assieme, mettere a disposizione di tutti le proprie conoscenze, è una forma di generosità che alla fine paga sempre e che si può insegnare sin dai prima anni della Scuola Primaria.

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Allergie-alimentari2017

Allergie alimentari. Quando il cibo fa male

Le allergie alimentari rappresentano una fonte di stress emotivo e psicologico sia per i bambini che per i genitori. Sia gli uni che gli altri, infatti, si vedono costretti a rapportarsi con il cibo in modo diverso dagli altri. 

continua »
Capricci-tavola-cosa-fare

Capricci a tavola. Cosa fare se il bambino non vuole mangiare

Quando vostro figlio mangia poco e male, rifiuta totalmente alcuni alimenti, a tavola è una sfida continua..Cosa fare se il rapporto tra il bambino e i pasti non è proprio un idillio? Consigli, suggerimenti e alcune regole chiave.

continua »
Onicofagia

7 cose da fare se il bambino si mangia le unghie

Si chiama onicofagia il disturbo di chi, adulto o bambino, si mangia le unghie. Secondo la psicologia freudiana nasconde quasi sempre una fissazione orale. In generale, è segnale di insicurezza, gelosia o aggressività.

continua »
Bambini-impegnati

Come tenere occupati i bambini... senza tecnologia

Se Tv e tablet fungono spesso da baby sitter, esistono anche altri sistemi per tenere impegnati (e tranquilli) i bambini senza ricorrere alla tecnologia. Ecco 3 attività da proporre ai piccoli in grado di occuparli per diverse ore.

continua »

Cerca altre strutture

Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network