Allergie alimentari. Quando il cibo fa male

Le allergie alimentari rappresentano una fonte di stress emotivo e psicologico sia per i bambini che per i genitori. Sia gli uni che gli altri, infatti, si vedono costretti a rapportarsi con il cibo in modo diverso dagli altri. 

Articoli Correlati

di Associazione Pollicino

Ciò che differenzia un’allergia da un’intolleranza alimentare è il meccanismo alla base, che nelle allergie è immunologico, al contrario delle intolleranze.
L’allergia alimentare, infatti, è una reazione patologica del sistema immunitario nei confronti di un alimento, normalmente innocuo, che viene percepito come una “minaccia”.


In alcune persone i sintomi possono essere lievi, come prurito, gonfiore delle labbra o di altri parti del corpo, eruzioni cutanee; in altre possono essere gravi, fino a scatenare una reazione da shock anafilattico.
Particolarmente emblematico è il caso di bambini che soffrono di allergie alimentari e che per questo devono seguire delle specifiche e restrittive diete che escludano gli allergeni, cioè quegli alimenti che causano le reazioni allergiche.

L’allergia alimentare, soprattutto se implica l’esclusione di molti cibi, può implicare una “fatica” in più per il bambino e la sua famiglia, poiché l’incontro con il cibo si rivela da subito difficoltoso e anche differente rispetto agli altri bambini.
La necessità di selezionare accuratamente i cibi che il bambino può mangiare e quelli che deve evitare, infatti, può esercitare una pressione sul modo in cui il piccolo si relaziona con il cibo, non permettendogli di sperimentare una convivialità ricca e variegata. Inoltre, per i bambini allergici a molti alimenti, il confronto con i compagni e le continue rinunce a cui sono costretti può comportare una forte frustrazione e un sentimento di ingiustizia, che a volte si riflette anche sui vissuti dei genitori stessi, contribuendo così indirettamente ad amplificare il disagio del figlio.

Anche per i genitori le difficoltà legate alla relazione del bambino con il cibo possono essere fonte di notevoli preoccupazioni, sia di ordine pratico sia di ordine emotivo, che possono sfociare in una vera e propria angoscia per il cibo; si pensi, ad esempio, al grande spavento legato alla prima manifestazione di reazione anafilattica, non sempre facile da superare. Anche la prescrizione medica della dieta può rappresentare un fattore stressante per i genitori, così come la necessità di offrire al proprio bambino l’esperienza del nuovo unitamente all’urgenza soggettiva di proteggerlo.
È perciò di fondamentale importanza offrire uno spazio di ascolto alla preoccupazione delle famiglie con bambini con allergie alimentari tramite un supporto psicologico che favorisca il trattamento di queste complesse e specifiche dinamiche che originano dall’allergia e dalle cure.

Per maggiori informazioni:
Associazione Pollicino e Centro Crisi Genitori Onlus
Via Amedeo d'Aosta 6 - Milano
info@pollicinoonlus.it
www.pollicinoonlus.it
Numero Verde: 800.644.622


Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Comportamenti-salute

Salute del bambino. Non è necessario che...

Parlando di salute del bambino, ci sono comportamenti piuttosto diffusi tra i genitori ma decisamente errati. Ecco, dunque, alcune abitudini da abbandonare quando si parla di benessere dei bimbi.

continua »
Arredare-bagno-bambini

Un bagno a misura di bambino

Ecco alcuni consigli per arredare un bagno utilizzato da un bambino. Tra design e creatività cosa non deve mancare e come vanno gestiti gli spazi. 

continua »
Cose-fare-nonni

Essere nonni oggi. 8 cose da non fare e 8 da fare

Nonni: amati, ricercati, rispettati, non compresi, impegnati, sempre disponibili. Per i bambini di oggi la figura dei nonni riveste un ruolo chiave nella loro educazione e nello sviluppo emotivo. Ecco 8 cose che dovrebbero fare e 8 che non dovrebbero fare per ottenere l'approvazione dei genitori.

continua »
Danza-classica-propedeutica

Propedeutica alla danza classica. A che età si comincia?

Sono molte le bambine che arrivate a una certa età - generalmente intorno ai 4/5 anni - chiedono di essere iscritte a danza classica, spesso attirate dalla prospettiva di indossare scarpette e tutu. Ma come deve essere l'approccio alla danza classica? E da che età è corretto iniziare?

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network