Annegamento secco: sintomi e prevenzione

L'annegamento secco è piuttosto raro e interessa il 1-2% delle persone. Si verifica quando il bambino ingerisce acqua nelle vie aeree causando la spasmo della laringe che si chiude impedendo all'aria di passare. Può verificarsi anche 72 ore dopo il bagno rendendo difficile la diagnosi.

di Alessia Altavilla

L'annegamento secco è un fenomeno che si verifica, fortunatamente raramente, quando l'acqua ingoiata inavvertitamente scende nei polmoni causando la reazione della laringe che si chiude impedendo il passaggio dell'aria.
Il termine fu coniato una decina di anni fa per descrivere la morte di un bambino di 10 anni morto parecchie ore dopo una nuotato in seguito a un'apnea forzata che avrebbe portato a laringospasmo e annegamento secco.


A una sorte simile è andato incontro recentemente un bimbo texano di 4 anni, morto una settimana dopo aver inalata acqua che si è fermata nei polmoni provocandone la morte lenta dopo un lungo periodo di malessere e fastidi.

COSA SUCCEDE?

L'annegamento secco si verifica quando in seguito all'inalazione di acqua, il cervello registra il pericolo come imminente e provoca lo spasmo della laringe in modo che si chiuda per proteggere l'organismo (è quello che avviene in modo del tutto naturale quando tratteniamo il fiato sott'acqua). In questo modo, non solo non entra l'acqua, ma si blocca anche il passaggio dell'aria, causando la morte.
Diversi, invece, il caso di annegamento secondario in cui la morte avviene proprio per la presenza di acqua nei polmoni che provocano un'edema polmonare.
Non è necessario trovarsi in mare aperto perché un evento simile, lo ripetiamo, molto raro, si verifichi. Può succedere anche nella piscinetta di gomma gonfiata in terrazza e persino nella doccia.

SINTOMI
I sintomi, nell'uno e nell'altro caso, sono poco chiari, non sempre presenti e difficilmente riconoscibili.
Nei giorni e nelle ore che precedono la morte, molte persone avvertono un senso di malessere accompagnato da:
  • dolore allo stomaco
  • vomito
  • diarrea
  • inappetenza
  • sonno

I primi sintomi possono apparire anche immediatamente dopo l'inalazione di acqua, in modo improvviso e del tutto inaspettato.

COME PREVENIRE L'ANNEGAMENTO SECCO
In realtà, la prevenzione è impossibile. SI tratta, infatti, di un'anomalia che è difficilmente prevedibile.
E' importante, però, insegnare ai bambini a tossire immediatamente dopo avere bevuto dell'acqua di mare, piscina, lago, fiume ma anche della vasca da bagno.
Sputare tutto e tenerli sotto osservazione (senza paranoie inutili, però) qualora immediatamente dopo un bagno dovessero manifestare sintomi come quelli descritti sopra.

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Libri-divertenti-2017

Libri divertenti da mettere in valigia

Non c'è morale, non c'è un messaggio nascosto, non c'è un insegnamento. Solo tanto divertimento per ridere un po' anche con un libro in mano. Ecco alcuni libri perfetti per l'estate per bimbi in età prescolare.

continua »
CappuccettoRosso

Cappuccetto Rosso. Ovvero l'importanza delle fiabe

Cosa si nasconde dietro ai problemi di obesità dei piccoli? Una rilettura della fiaba di Cappuccetto Rosso per capire la psicologia dei bambini e l'importanza di riempire i loro vuoti.

continua »
bonus_nido_2

Bonus asili nido, si comincia oggi 17 Luglio

E’ possibile richiederli fino a fine anno, ma in caso di richieste superiori al budget disponibile (144 milioni) avrà precedenza chi ha inoltrato prima la richiesta.

continua »
BillyElliot

Come crescere un maschietto femminista?

Sull'educazione femminile è stato detto e scritto moltissimo. Sappiamo cosa fare e non fare per insegnare a una bambina a non aderire completamente al modello della principessa in attesa del principe azzurro, rassegnata e succube. Ma come si cresce un maschietto femminista? I consigli del New York Times per farlo.

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

  • MUGHETTO_1

    Il mughetto del lattante

    Il mughetto è un'infezione micotica causata da un particolare tipo di fungo che colpisce il neonato soprattutto nel periodo dell'allattamento.

    continua »
  • Consigli_vasino

    5 consigli per togliere il pannolino

    Arriva l'estate, che è la stagione ideale per le mamme dei bambini intorno ai due anni per togliere il pannolino al piccolo. Vi proponimo 5 consgili utili per...

    continua »
  • Acquaticita_neonatale

    Acquaticità neonatale al mare

    Come comportarsi con i bambini di meno di un anno al mare, per un approccio morbido all'acquaticità, che non provochi traumi al piccolo. Le linee guida di...

    continua »
  • nanna_vacanza_17

    Che fatica la nanna in vacanza

    A casa non ha mai avuto problemi. Tutte le sere il sonno è sempre arrivato puntuale facendo crollare il bimbo nel suo lettino. Ma una volta in vacanza sembra...

    continua »
  • vitaminaD

    Vitamina D: la vitamina dell'estate

    A differenza di altre vitamine, la vitamina D, importantissima per il nostro organismo, viene per il 90% assorbita attraverso la pelle, attraverso l'esposizione ai raggi...

    continua »
  • Prepare_valigie

    La valigia perfetta

    Consigli per preparare la valigia perfetta. Portando con sé tutto quello serve, lasciando a casa il superfluo ed evitando pesi eccessi o problemi per chi...

    continua »

Seguici sui network