Annegamento secco: sintomi e prevenzione

L'annegamento secco è piuttosto raro e interessa il 1-2% delle persone. Si verifica quando il bambino ingerisce acqua nelle vie aeree causando la spasmo della laringe che si chiude impedendo all'aria di passare. Può verificarsi anche 72 ore dopo il bagno rendendo difficile la diagnosi.

di Alessia Altavilla

L'annegamento secco è un fenomeno che si verifica, fortunatamente raramente, quando l'acqua ingoiata inavvertitamente scende nei polmoni causando la reazione della laringe che si chiude impedendo il passaggio dell'aria.
Il termine fu coniato una decina di anni fa per descrivere la morte di un bambino di 10 anni morto parecchie ore dopo una nuotato in seguito a un'apnea forzata che avrebbe portato a laringospasmo e annegamento secco.


A una sorte simile è andato incontro recentemente un bimbo texano di 4 anni, morto una settimana dopo aver inalata acqua che si è fermata nei polmoni provocandone la morte lenta dopo un lungo periodo di malessere e fastidi.

COSA SUCCEDE?

L'annegamento secco si verifica quando in seguito all'inalazione di acqua, il cervello registra il pericolo come imminente e provoca lo spasmo della laringe in modo che si chiuda per proteggere l'organismo (è quello che avviene in modo del tutto naturale quando tratteniamo il fiato sott'acqua). In questo modo, non solo non entra l'acqua, ma si blocca anche il passaggio dell'aria, causando la morte.
Diversi, invece, il caso di annegamento secondario in cui la morte avviene proprio per la presenza di acqua nei polmoni che provocano un'edema polmonare.
Non è necessario trovarsi in mare aperto perché un evento simile, lo ripetiamo, molto raro, si verifichi. Può succedere anche nella piscinetta di gomma gonfiata in terrazza e persino nella doccia.

SINTOMI
I sintomi, nell'uno e nell'altro caso, sono poco chiari, non sempre presenti e difficilmente riconoscibili.
Nei giorni e nelle ore che precedono la morte, molte persone avvertono un senso di malessere accompagnato da:
  • dolore allo stomaco
  • vomito
  • diarrea
  • inappetenza
  • sonno

I primi sintomi possono apparire anche immediatamente dopo l'inalazione di acqua, in modo improvviso e del tutto inaspettato.

COME PREVENIRE L'ANNEGAMENTO SECCO
In realtà, la prevenzione è impossibile. SI tratta, infatti, di un'anomalia che è difficilmente prevedibile.
E' importante, però, insegnare ai bambini a tossire immediatamente dopo avere bevuto dell'acqua di mare, piscina, lago, fiume ma anche della vasca da bagno.
Sputare tutto e tenerli sotto osservazione (senza paranoie inutili, però) qualora immediatamente dopo un bagno dovessero manifestare sintomi come quelli descritti sopra.

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Comportamenti-salute

Salute del bambino. Non è necessario che...

Parlando di salute del bambino, ci sono comportamenti piuttosto diffusi tra i genitori ma decisamente errati. Ecco, dunque, alcune abitudini da abbandonare quando si parla di benessere dei bimbi.

continua »
Arredare-bagno-bambini

Un bagno a misura di bambino

Ecco alcuni consigli per arredare un bagno utilizzato da un bambino. Tra design e creatività cosa non deve mancare e come vanno gestiti gli spazi. 

continua »
Cose-fare-nonni

Essere nonni oggi. 8 cose da non fare e 8 da fare

Nonni: amati, ricercati, rispettati, non compresi, impegnati, sempre disponibili. Per i bambini di oggi la figura dei nonni riveste un ruolo chiave nella loro educazione e nello sviluppo emotivo. Ecco 8 cose che dovrebbero fare e 8 che non dovrebbero fare per ottenere l'approvazione dei genitori.

continua »
Danza-classica-propedeutica

Propedeutica alla danza classica. A che età si comincia?

Sono molte le bambine che arrivate a una certa età - generalmente intorno ai 4/5 anni - chiedono di essere iscritte a danza classica, spesso attirate dalla prospettiva di indossare scarpette e tutu. Ma come deve essere l'approccio alla danza classica? E da che età è corretto iniziare?

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network