Bambini di oggi. E bambini di ieri

Prendendo spunto dalle tante pagine sull'argomento che circolano sui vari social network, ecco un elenco di differenze tra i bambini di oggi e quelli di ieri, tra ciò che è normalità nel presente e ciò che era normalità nel passato. Per ridere un po'. E per riflettere su alcune esagerazioni educative dei tempi moderni.

Articoli Correlati

di Alessia Altavilla

Generazioni a confronto. Cosa differenzia, nella vita di tutti i giorni, la quotidianità dei bambini di oggi e quella dei bambini di ieri? Le generazioni nate nel nuovo millennio e i loro genitori, nati a cavallo tra gli anni Settanta e gli anni Ottanta?
Sui social network elenchi di questo tipo impazzano. Per ridere un po', ma anche per riflettere su come siano cambiati i tempi, la mentalità, la società, ecco un elenco di tutte le profonde differenze tra i bimbi di ieri e di oggi.


A ciascuno, poi, la possibilità di aggiungere nei commenti il proprio ricordo.

I BAMBINI DI IERI

  1. Mamma e papà decidevano. I bambini obbedivano. I genitori raramente erano amici. La loro parola era legge. Almeno fino all'adolescenza.
     
  2. L'autorità scolastica difficilmente veniva messa in discussione. Soprattutto dai genitori.
     
  3. Si giocava in cortile, in giardino, all'aperto. Spesso anche durante l'inverno.
     
  4. Si andava a scuola da soli. E senza cellulare.
     
  5. I seggiolini auto non erano obbligatori. Si viaggiava sui sedili posteriori e coi finestrini spalancati in estate per fare entrare un po' d'aria (l'aria condizionata in macchina era un lusso che non tutti si potevani permettere). Sedersi nel sedile anteriore di fianco al papà (o alla mamma) che guidava era un po' il sogno di tutti.
     
  6. I compiti si scrivevano a penna. Le calcolatrici in classe erano vietate. Per fare le ricerche si usavano le enciclopedie. Tutti o quasi possedevano un'enciclopedia. Per i bimbi c'erano I Quindici. Quindici libri su tutti gli argomenti. I vocabolari erano ancora un testo comune nelle case.
     
  7. Il mappamondo era un regalo che tutti, prima o poi, ricevevano. Quando si viaggiava o per orientarsi in città si usavano le mappe. Tutti possedevano un Tuttocittà. E le pagine Gialle.
     
  8. I piccoli incidenti scolastici (occhi gonfi, ginocchia sbucciate, braccia rotte...) non venivano denunciati. Non si finiva dallo psicologo per un'insufficienza o un insuccesso scolastico. Le frustrazioni infantili erano all'ordine del giorno. E considerate strumenti per crescere e fortificarsi.
     
  9. Il latte vaccino era un alimento sano. La carne faceva crescere. Le uova davano energia. I vegetariani erano considerati persone strambe. I vegani non esistevano del tutto.
     
  10. Nessuno comprava prodotti biologici. Faceva la spesa in cascina o mangiava i pomodori coltivati sul balcone. 
     
  11. Nessuno frequentava corsi di acquaticità neonatale, prendeva parte a incontri di musica in fasce o a lezioni di inglese per under 2. I genitori pensavano che i figli avrebbero imparato a nuotare, ascoltare musica e anche a parlare inglese con il tempo. I neonati erano neonati e basta.
     
  12. Le mamme non si sentivano in colpa se durante il giorno lavoravano. E per i bambini era normale rimanere in casa da soli e arrangiarsi quando la mamma non c'era. Anche in questo caso, niente psicologo per il bimbo. Niente psicologo per la mamma.
     
  13. I campus estivi si chiamavano colonie. Non c'erano programmi didattico-educativi e spesso si tornava a casa coi pidocchi, le zecche, le pulci. Ed era normale così.
     
  14. Babbo Natale portava i regali. La Befana il carbone o le caramelle. Il topino del dentino lasciava il soldino quando questo cadeva e forse gli asini volavano davvero. Il tutto almeno fino a 7/8 anni.


     

  • Commento inserito da Mattia il 30 maggio 2017 alle ore 19:48

    Molto bello e con un significato intenso!! Vi siete espressi molto bene!!! Bravissimi e complimenti!!!!

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Alfabeto-Montessori

Attività creative per insegnare a scrivere ai bambini

Seguendo il metodo Montessori, ecco alcune attività ludiche e creative allo stesso tempo da proporre ai bambini per insegnar loro a leggere. 

continua »
rugbytots

Avete mai sentito parlare di rugbytots?

Nato in Inghilterra 11 anni grazie all'idea di Max Webb, il rugbytots è un programma di motricità che si avvale della palle ovale come strumento destinato ai bambini in età prescolare.

continua »
Laboratori-creativi-autunno

Giocare con l'autunno

Idee per giocare con foglie, pigne, castagne e materiale raccolto in questa stagione al parco o in campagna. Il fascino dell'autunno in tanti laboratori creativi da fare in casa durante il tempo libero. 

continua »
Must-Have-Fall2017

Abbigliamento bimbi: capi must have per l'autunno

8 capi che ogni bambino dovrebbe avere nell'armadio per affrontare l'autunno. Dagli stivali al trench ecco alcuni capi moda indispensabili e il consiglio per gli acquisti.

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network