Giocodanza. Per bambini che sognano di indossare tutù e scarpette

Per i bambini più piccoli (utlimo anno del nido ed età prescolare) che manifestano il desiderio di iscriversi a un corso di danza o che dimostrano un'attitudine verso questa disciplina, il consiglio è di iniziare con un'attività di giocodanza. Un modo più ludico per avvicinarsi alla danza.

Articoli Correlati

di Alessia Altavilla

Settembre, si sa, è tempo di corsi sportivi e attività extrascolastiche e la danza, per femmine e maschietti, è uno degli sport che, nonostante tutto, va per la maggiore anche tra i bimbi di oggi.
Si inizia sempre prima e molti bimbi sono iscritti a vere e proprie lezioni di danza classica a partire dai 2/3 anni.


In generale, sono i bambini più motivati o quelli che hanno mostrato un interesse precoce per la disciplina.
Per gli altri, quelli che vogliono solo provare, i non sicuri..., esistono corsi propedeutici che vengono chiamati Giocodanza, per un approccio alla danza più ludico.

Alla base dell'insegnamento c'è il tenativo di avvicinare i bambini al ritmo utilizzando fantasia e immaginazione come motori trainanti e proponendo il tutto sotto forma di gioco.
I bimbi vengono coinvolti in giochi psicomotori che, normalmente, prevedono una parte più ludica e una più tecnica.
La musica e alcuni oggetti forniti dagli insegnanti (lenzuola, foulard, nastri, palle...) sono propedeutici a sviluppare la fantasia infantile immergendoli in un mondo di incanto in cui ai piccoli viene chiesto di agire quasi si trattasse di un gioco di ruolo, in cui sono chiamati a recitare una parte.
In questo modo la danza non è una disciplina fatta di regole e passi rigidi. Piuttosto le regole sono lo strumento ludico con il quale approcciare la disciplina, da utilizzare per divertirsi prima ancora che per imparare.
Si tratta di lezioni durante le quali i bambini vengono completamente coivolti, anima e corpo ma dove la concentrazione richiesta per imparare i passi viene spostata sull'aspetto del gioco e della fantasia.

Questo rende questa tipologia di corsi particolarmente indicata per i bambini più piccoli, dai 2 anni in su. Che possono sempre trovare l'ambiente più congeniale per sviluppare le loro abilità motorie e il loro lato più fantasioso e creativo.

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Nascita_fratello-fare-non-f

Arriva il fratellino. 5 cose da fare e 5 da non fare

Per il primogenito, la nascita del fratellino, è spesso un evento traumatico che mette a rischio l'equilibrio raggiunto. Anche quando vissuto con gioia e partecipazione, difficilmente il bimbo più grande non risentirà dell'arrivo del più piccolo. Per la prima volta, non avrà più mamma e papà tutti per sé. Qualche suggerimento su come gestire l'arrivo del nuovo nato

continua »
Remigini2017

Nella testa di un remigino

Grandi emozioni per i bambini che quest'anno concluderanno il ciclo della Scuola Materna per accedere, il prossimo anno, alla scuola elementare. Cosa passa loro per la testa? Come vivono questa importante fase di passaggio?

continua »
Succhi-di-frutta-bambini

No ai succhi di frutta nella dieta dei bambini

Considerato per anni un alimento sano, il succo di frutta viene messo sotto inchiesta e condannato come alimento da bandire dalla dieta dei bambini. Lo afferma l'American Accademy of Pediatrics in un documento pubblicato proprio in questi giorni. 

continua »
Bambini-ottimisti

Come crescere un bambino ottimista

Come insegnare ai bambini a vedere il bicchiere mezzo pieno? Come aiutarli ad affrontare serenamente le sfide quotidiane e renderli capaci di rialzarsi in caso di cadute? Qualche consiglio per raggiungere questi obiettivi. 

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network