Il caso letterario: Bambine siate ribelli

Pubblicato in Italia da Mondadori e uscito il 28 febbraio, Storie della buonanotte per bambine ribelli è diventato, oltre che un successo mondiale tradotto in 12 lingue, un vero e proprio caso letterario. Uno dei pochi libri destinati al pubblico femminile che si oppone davvero agli stereotipi di genere.

Articoli Correlati

di Alessia Altavilla

Storia della buonanotte per bambine ribelli è uscito il 28 febbraio per Mondadori ed è diventato subito, in Italia come all'estero, un vero e proprio caso letterario.
Destinato al pubblico dei bambini, maschietti e femminucce, dai 6 anni in su (noi, però, pensiamo che possa tranquillamente essere letto anche ai bimbi più piccoli), questo libro cerca davvero e in modo concreto di rompere con gli stereotipi di genere e cerca di convogliare le energie creative, i sogni, i desideri delle bambine lontano dai principi azzurri e dalle fatine, dalle sirene e dalle ballerine.



In questo libro si raccontano storie. Ben 100 ne sono presenti.
Sono storie di passione, determinazione, lotta, coraggio, amore... Sono storie di bambine. Bambine come tante. Ma che quando erano piccole, anziché lasciarsi incantare dal miraggio del principe azzurro, dal mito della donna perfetta, madre perfetta, compagna perfetta e della famiglia perfetto, hanno preferito lasciarsi andare alla loro natura, quella vera, quella profonda. Quella che va oltre i dettami di genere e gli stereotipi.

Bambine a cui forse qualcuno ha detto più spesso: come sei intelligente, piccola! Piuttosto che come sei bella, bambina.
Sono storie di vita vissuta, vera: la storia di 100 donne che, in ambiti, epoche e situazioni diverse, hanno lasciato una traccia del loro passaggio e hanno cambiato le cose, imponendosi per la loro determinazione, per il coraggio e per l'anticonformismo profondo (non quello dell'ultima ora delle femministe di oggi).

Storie della buonanotte per bambine ribelle è un bel libro da leggere la sera prima di andare a nanna. A scuola durante le ore di lettura. Alla materna, semplificandone parole e toni, ma lasciando intatta l'essenza.
E' un libro che invita le bimbe a essere semplicemente quello che vogliono essere e quello che si sentono di essere: non tutti diventeranno Rita Levi Montalcini, Frida Khalo o Coco Chanel.
Molte, però, impareranno che esiste una dignità profonda anche nell'essere principesse o ballerine: ed è data non dallo stereotipo di dover assecondare un cliché. Ma dalla volontà di essere ciò che davvero, nel proprio intimo, si desidera essere.
 

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Nascita_fratello-fare-non-f

Arriva il fratellino. 5 cose da fare e 5 da non fare

Per il primogenito, la nascita del fratellino, è spesso un evento traumatico che mette a rischio l'equilibrio raggiunto. Anche quando vissuto con gioia e partecipazione, difficilmente il bimbo più grande non risentirà dell'arrivo del più piccolo. Per la prima volta, non avrà più mamma e papà tutti per sé. Qualche suggerimento su come gestire l'arrivo del nuovo nato

continua »
Remigini2017

Nella testa di un remigino

Grandi emozioni per i bambini che quest'anno concluderanno il ciclo della Scuola Materna per accedere, il prossimo anno, alla scuola elementare. Cosa passa loro per la testa? Come vivono questa importante fase di passaggio?

continua »
Succhi-di-frutta-bambini

No ai succhi di frutta nella dieta dei bambini

Considerato per anni un alimento sano, il succo di frutta viene messo sotto inchiesta e condannato come alimento da bandire dalla dieta dei bambini. Lo afferma l'American Accademy of Pediatrics in un documento pubblicato proprio in questi giorni. 

continua »
Bambini-ottimisti

Come crescere un bambino ottimista

Come insegnare ai bambini a vedere il bicchiere mezzo pieno? Come aiutarli ad affrontare serenamente le sfide quotidiane e renderli capaci di rialzarsi in caso di cadute? Qualche consiglio per raggiungere questi obiettivi. 

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network