Libri e bambini: lunga storia d'amore

E' quanto emerso dall'ultima edizione della Fiera del libro di Bologna (25 - 28 marzo) che ha evidenziato come la crisi riguardi più l'editoria per adulti che quella per bambini e ragazzi.

Articoli Correlati

di Manuela Magri

Il dato è confortante. Nonostante televisione, computer, i-pad, cellulari e chi più ne ha più ne metta, i bambini italiani rimangono ancora fedeli al caro vecchio libro.
Anzi, rispetto alla media nazionale (solo il 46% degli over 18 legge almeno un libro l'anno), i piccoli tra i 2 e i 17 anni detengono un primato portando a casa un 63% di lettori in erba abituali.


Dato ancora più interessante, sono i piccolissimi (tra i 2 e i 5 anni) i maggiori consumatori di libri nel nostro Paese con una media del 63% che scende al 60,8 nella fascia tra gli 11 e i 14 anni e al 59% tra i 15 e i 17 anni.
A confermare i dati, resi noti dal'AIE (Associazione Italiana Editori), la tendenza del mercato che vede l'editoria per l'infanzia perdere circa il 6%, contro l'8% del settore generale.
In altre parole, il settore per ragazzi si attesta come il più produttivo, con un valore di mercato pari a 200 milioni di euro l'anno, 184 editori attivi, 5164 titoli pubblicati e 33 milioni di copie stampate.


Indubbiamente una grande notizia se si pensa alla concorrenza spietata che subisce il libro, anche tra i giovanissimi, ad opera di mezzi multimediali considerati sicuramente più 'cool'.

Leggere in futuro. Rapporto sull'editoria per ragazzi 2013 è il primo ebook a cura del'Ufficio studi AIE interamente dedicato al settore dell'editoria per ragazzi. Si presenta come una fotografia, al dicembre 2012, di quello che è stato lo stato dell'arte dell'editoria per ragazzi cercando, attraverso un'analisi accurata dei titoli, delle tendenze, dei successi e degli insuccessi, di tracciare una strada per un settore in crisi (ma non troppo) che ha il dovere di rinnovarsi costantemente, per poter rispondere nel modo adeguato a richieste sempre diverse. Continuamente rimodulabili.

  • Commento inserito da Paolo il 16 aprile 2013 alle ore 15:38

    Ho una bimba di tre anni ed è bellissimo vedere come sia attratta dal libro cartaceo. Penso sia fondamentale anche educarli un po' al libro: io ho optato per il vecchio rituale della fiaba letta prima della nanna ed è un momento a cui ora mia figlia non riesce (fortunatamente) a rinunciare

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Scandinavia

Gli Scandinavi lo fanno meglio

Punto di riferimento per il design, il sistema scolastico, il welfare, la cultura hygge, gli Scandinavi stanno imponendo ovunque anche il modello educativo e genitoriale come il migliore del mondo. Ecco le 6 ragioni per le quali in Nord Europa i bambini sarebbe più felici e i genitori più sereni.

continua »
Troppi-giocattoli

5 motivi per smettere di comprare giocattoli

Il giocattolo è il pane quotidiano del bambino. La maggior parte degli esperti, però, sottolinea come i bimbi che ne hanno pochi crescano meglio e siano più sereni. Ecco come liberarsi del superfluo.

continua »
Alfabeto-Montessori

Attività creative per insegnare a scrivere ai bambini

Seguendo il metodo Montessori, ecco alcune attività ludiche e creative allo stesso tempo da proporre ai bambini per insegnar loro a leggere. 

continua »
rugbytots

Avete mai sentito parlare di rugbytots?

Nato in Inghilterra 11 anni grazie all'idea di Max Webb, il rugbytots è un programma di motricità che si avvale della palle ovale come strumento destinato ai bambini in età prescolare.

continua »

Cerca altre strutture






Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network