No ai succhi di frutta nella dieta dei bambini

Considerato per anni un alimento sano, il succo di frutta viene messo sotto inchiesta e condannato come alimento da bandire dalla dieta dei bambini. Lo afferma l'American Accademy of Pediatrics in un documento pubblicato proprio in questi giorni. 

Articoli Correlati

di Alessia Altavilla

E' di questi giorni la notizia che l'l'American Accademy of Pediatrics, un'organizzazione formata da 66.000 pediatri che si occupa del benessere dei bambini, ha messo al bando i succhi di frutta dalla dieta dei piccoli.
Considerato per anni un alimento salutare e una valida alternativa alla frutta, merenda 'sana' da preferire a merendine e focacce unte, il cammino del succo di frutta sembre essere giunto al copolinea.


Non solo, infatti, la bevanda è stata sconsigliata e praticamente vietata sotto l'anno di età, ma il suggerimento a non farne uso arriva anche per i bambini più grandi. Quelli per i quali, appunto, il sacco, da sorseggiare in bottiglia o cartoccio con la cannuccia, era la soluzione all'indofferenza verso la frutta fresca.

Di cosa viene, dunque, accusato il succo di frutta? Perché dopo anni di onorata carriera viene messo alla porta così malamente?

La risposta è molto semplice:
i succhi di frutta non aggiungono nulla alla dieta del bambino, sono privi di apporto nutrizionale e, peggio di tutto, disincentivano il consumo di frutta fresca.

Perché il valore nutrizionale di un succo fatto al 100% di frutta e senza zuccheri aggiunti non corrisponde al valore nutrizionale della medesima quantità di frutta ingerita fresca?
Perché nel processo di spremitura e di conservazione si perde quasi completamente la fibra naturalmente contenuta nella frutta. Se, dunque, gli zuccheri, per quanto naturalmente già presenti nel prodotto originario, sono più concentrati, di contro viene a mancare la fibra che mediava, in parte, la presenza dello zucchero.
Lo zucchero è uno di quegli alimenti entrati decisamente a far parte della black list. Non solo, infatti, è ritenuto uno dei principali responsabili di obesità e peso in eccesso, ma da qualche anno è stato tacciato di essere responsabile dell'insrgenza di alcuni tumori al pari della carne e delle proteine animali e, per questo, bandito completamente dai reparti oncologici e nelle diete dei malati.
L'Organizzazione Mondiale della Sanità consiglia di non superare mai la dose giornaliera pari al 10% dell'apporto energetico quotidiano, laddove all'interno di questa quota sono presenti tutti gli zuccheri ingeriti durante il giorno.

No, quindi, ai succhi di frutta per i lattanti dal momento che il latte materno (e il latte formulato) sono perfettamente in grado di fornire al bambino tutti i nutrimenti di cui necessita- E no anche al succo di frutta per i bambini più grandi, che possono considerarlo un'eccezionale da bere in occasione di feste e ricorrenze.

  • Commento inserito da marilisa il 24 giugno 2017 alle ore 23:44

    Secondo me i pediatri americani dovrebbero bandire ben altri alimenti che rendono i piccoli d'oltreoceano paffuti e tondetti...

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Libri-divertenti-2017

Libri divertenti da mettere in valigia

Non c'è morale, non c'è un messaggio nascosto, non c'è un insegnamento. Solo tanto divertimento per ridere un po' anche con un libro in mano. Ecco alcuni libri perfetti per l'estate per bimbi in età prescolare.

continua »
CappuccettoRosso

Cappuccetto Rosso. Ovvero l'importanza delle fiabe

Cosa si nasconde dietro ai problemi di obesità dei piccoli? Una rilettura della fiaba di Cappuccetto Rosso per capire la psicologia dei bambini e l'importanza di riempire i loro vuoti.

continua »
AnnegamentoSecco

Annegamento secco: sintomi e prevenzione

L'annegamento secco è piuttosto raro e interessa il 1-2% delle persone. Si verifica quando il bambino ingerisce acqua nelle vie aeree causando la spasmo della laringe che si chiude impedendo all'aria di passare. Può verificarsi anche 72 ore dopo il bagno rendendo difficile la diagnosi.

continua »
bonus_nido_2

Bonus asili nido, si comincia oggi 17 Luglio

E’ possibile richiederli fino a fine anno, ma in caso di richieste superiori al budget disponibile (144 milioni) avrà precedenza chi ha inoltrato prima la richiesta.

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

  • MUGHETTO_1

    Il mughetto del lattante

    Il mughetto è un'infezione micotica causata da un particolare tipo di fungo che colpisce il neonato soprattutto nel periodo dell'allattamento.

    continua »
  • Consigli_vasino

    5 consigli per togliere il pannolino

    Arriva l'estate, che è la stagione ideale per le mamme dei bambini intorno ai due anni per togliere il pannolino al piccolo. Vi proponimo 5 consgili utili per...

    continua »
  • Acquaticita_neonatale

    Acquaticità neonatale al mare

    Come comportarsi con i bambini di meno di un anno al mare, per un approccio morbido all'acquaticità, che non provochi traumi al piccolo. Le linee guida di...

    continua »
  • nanna_vacanza_17

    Che fatica la nanna in vacanza

    A casa non ha mai avuto problemi. Tutte le sere il sonno è sempre arrivato puntuale facendo crollare il bimbo nel suo lettino. Ma una volta in vacanza sembra...

    continua »
  • vitaminaD

    Vitamina D: la vitamina dell'estate

    A differenza di altre vitamine, la vitamina D, importantissima per il nostro organismo, viene per il 90% assorbita attraverso la pelle, attraverso l'esposizione ai raggi...

    continua »
  • Prepare_valigie

    La valigia perfetta

    Consigli per preparare la valigia perfetta. Portando con sé tutto quello serve, lasciando a casa il superfluo ed evitando pesi eccessi o problemi per chi...

    continua »

Seguici sui network