Perché i mandala aiutano i bambini a esprimersi

Provenienti dalla cultura e dalle tradizioni tibetane e buddiste, i mandala sono approdati in Occidente come strumenti atti a ritrovare il piacere lento della vita, relax e concentrazioni. Funzionano molto bene anche come mezzi per aiutare i più piccoli a calmarsi ed esprimere le loro emozioni.

di Alessia Altavilla

Derivati da una parola di origine sanscrita tradotta come essenza (manda) + contenere (la),  i mandala sono arrivati in Occidente sottoforma di diagrammi circolari all'interno dei quali convivono diverse figure geometriche ripetute e intrecciate tra loro a formare immagini complesse da riempire con i colori.
Quella di colorare i mandala si è affermata in pochissimo tempo come una pratica 'salutare' consigliata per adulti e bambini per restituire a tutti il piacere di riappropriarsi della lentezza delle vita, delle cose da conquistare un passo per volta, colore dopo colore. I mandala sono considerati una sorta di scacciapensieri creativo, che aiuta chiunque a ritrovare calma, serenità, concentrazione sulle piccole cose, in un mondo che va di fretta e in cui il più delle volte si perdono i dettagli.



I MANDALA E I BAMBINI
Quella di colorare i mandala (si trovano facilmente scaricabili su Internet con diversi livelli di complessità) è un'attività creativa particolarmente indicata per i più piccini. Attraverso, infatti, il mandala il bimbo può imparare e esprimere le proprie emozioni, i propri sentimenti e la propria autostima che si rafforza nella consapevolezza di essere in grado di osservare e scegliere e, nella scelta, di dare vita e creare.

Soprattutto i bambini di oggi, incapaci di gestire la noia e la frustrazione della lentezza e dell'attesa, cresciuti con tecnologie velocissime che ancora più velocemente evolvono e cambiano, attraverso i mandala imparano a riappropriarsi di gesti lenti, traquilli, fatti di piccole e continue scelte da ponderare di volta in volta. Il tutto con notevoli benefici sulla capacità di concentrarsi, impegnarsi, rilassarsi e lasciarsi andare. In particolare, tra i benefici riscontrati:
  1. Sviluppo delle doti creative e della fantasia
  2. Aumento della capacità di concentrazione e osservazione
  3. Rilassamento e diminuizione dello stress
  4. Sviluppo della pazienza
  5. Aumento della capacità di vivere il presente
  6. Sviluppo delle doti intellettive

Proposti a casa come attività per il tempo libero, rappresentano un modo diverso di vivere le giornate con i propri genitori, dedicandosi assieme alla realizzazione di qualcosa che alla fine è causa di piacere e gioia per tutti.
A scuola, al contrario, consentono, se proposti su larga scala, in formati adatti al coinvolgimento contemporaneo di tutti i presenti, facilitano le relazioni tra i compagni, il gioco di gruppo, la partecipazione e condivisione delle esperienze.
Tutti insieme i bambini dovranno fare delle scelte che incideranno, poi, sul risultato finale.

INFORMAZIONI TECNICHE
A seconda dell'età del bambini, il grado di complessità del mandala cambierà diventando sempre più articolato ed eleborato. Con i bimbi in età prescolare, figure semplici, dai contorni chiari e nitidi sono particolarmente indicati per avviarli alla pratica.
Si consiglia l'utilizzo di matite colorate o pastelli a cera piuttosto che pennarelli. Ma nulla vieta di riempire i mandala con sabbia colorata, tempere, acquarelli, tesserine di carta colorata a formare mosaici sempre più complessi...

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Libri-uova-Pasqua

Libri per bambini da mettere nelle uova di Pasqua

E se al posto dei soliti inutili giocattoli dentro l'uovo di Pasqua per il bambino chiedeste di mettere un libro? Freschi di stampa, ecco le ultime novità editoriali per l'infanzia da leggere tutte d'un fiato. 

continua »
Bambini-che-perdono

Insegnate ai bambini a perdere!

Imparare ad accettare la sconfitta per trarne forza è uno dei più grandi insegnamenti che mamma e papà possono trasmettere ai propri figli. In un'epoca in cui tutti vincono, è necessario insegnare ai bambini a perdere.

continua »
Bambini-che-si-annoiano

10 consigli per insegnare ai bambini come annoiarsi

Permettere ai bambini di annoiarsi significa aiutarli a sviluppare doti quali fantasia e creatività. Inoltre, dal punto di vista dello sviluppo emotivo, è uno strumento utilissimo per permettere ai più piccoli di capire davvero a cosa sono interessati e a quali attività dedicarsi. 

continua »
BambineSiateRibelli

Il caso letterario: Bambine siate ribelli

Pubblicato in Italia da Mondadori e uscito il 28 febbraio, Storie della buonanotte per bambine ribelli è diventato, oltre che un successo mondiale tradotto in 12 lingue, un vero e proprio caso letterario. Uno dei pochi libri destinati al pubblico femminile che si oppone davvero agli stereotipi di genere.

continua »

Cerca altre strutture

Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network