Scarlattina: l'esantematica che può tornare

Sebbene si manifesti con eruzioni cutanee e papule come le altre malattie esantematiche dell'infanzia, la scarlattina ha, in realtà, origine batterica ed è causata da un batterio streptococco del gruppo A. Come si riconosce. Come si cura. Come si contagia.

Articoli Correlati

di Alessia Altavilla

Causata da un batterio streptococco del gruppo A, la scarlattina rientra tra le malattie esantematiche tipiche dell'infanzia sebbene, in realtà, sia di origine batterica.
Riconoscerla è piuttosto semplice.


Dopo un periodo di incubazione di 1-5 giorni, i primi sintomi si manifestano con mal di gola, febbre (anche alta), dolori addominali, mal di testa, vomito. I sintomi più riconoscibili, però, sono la cosiddetta 'lingua a fragola' (la lingua è talmente ingrossata, coperta da una patina biancastra e puntini rossi da ricordare, appunto, la forma di una fragola) e, dopo qualche giorno (ma a volte si manifestano anche immediatamente), l'eruzione cutanea scarlatta sul resto del corpo (prima su collo, ascelle e inguine e poi altrove). Le macchie, che generalmente non provocano prurito o fastidi, durano qualche giorno e poi scompaiono lasciano il posto alla desquamazione delle pelle.

CONTAGIO
La scarlattina è una malattina altamente contagiosa che si trasmette tramite le goccioline di saliva o catarro.


Il periodo di massimo contagio si ha durante la fase acuta della malattia (ossia quando compaiono i primi sintomi e le prime macchie) e fino a 48 ore dopo l'inizio della terapia antibiotica.
Poiché non esiste un vaccino contro la scarlattina, la sola forma di prevenzione è rappresentata dall'innalzamento delle misure igieniche qualora il bimbo la contragga (separare le sue posate e i suoi bicchieri da quelli del resto della famiglia, lavarsi spesso le mani, evitare i contatti di saliva, tenere a casa il bambino fino a dopo l'inizio della terapia antibiotica).

DIAGNOSI
E' il medico a stabilire la diagnosi di scarlattina attraverso una visita pediatrica ed, eventualmente, sottoponendo il bambino a un tampone faringeo (ricordiamo che come tutte le malattie esantematiche anche la scarlattina deve essere comunicata a scuola).
La terapia antibiotica (della durata, generalmente, di una decina di giorni) è pressoché obbligatoria salvo casi specifici.
I sintomi durano circa 3/5 giorni, mentre le macchie tendono a scomparire nel giro di una settimana. Bisognerà, poi, attendere che tonsille e ghiandole si sgonfino e tornino alla normalità.

Per alleviare i sintomi, si possono somministrare al bambino degli antipiretici ed è necessario non forzarlo a mangiare o, comunque, offrirgli una dieta liquida che non complichi ulteriormente la deglutizione (perfette bevande calde, té, zuppe, gelati). Fate in modo che il bimbo beva molto, umidificate l'ambiente per contrastare la secchezza alla gola e tagiate bene le unghie qualora le macchie provochino prurito.
Scomparsi i sintomi e sotto terapia antibiotica (chiedendo, comunque, il parere del medico) il bambino può tornare a scuola.

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Allergie-alimentari2017

Allergie alimentari. Quando il cibo fa male

Le allergie alimentari rappresentano una fonte di stress emotivo e psicologico sia per i bambini che per i genitori. Sia gli uni che gli altri, infatti, si vedono costretti a rapportarsi con il cibo in modo diverso dagli altri. 

continua »
Capricci-tavola-cosa-fare

Capricci a tavola. Cosa fare se il bambino non vuole mangiare

Quando vostro figlio mangia poco e male, rifiuta totalmente alcuni alimenti, a tavola è una sfida continua..Cosa fare se il rapporto tra il bambino e i pasti non è proprio un idillio? Consigli, suggerimenti e alcune regole chiave.

continua »
Onicofagia

7 cose da fare se il bambino si mangia le unghie

Si chiama onicofagia il disturbo di chi, adulto o bambino, si mangia le unghie. Secondo la psicologia freudiana nasconde quasi sempre una fissazione orale. In generale, è segnale di insicurezza, gelosia o aggressività.

continua »
Bambini-impegnati

Come tenere occupati i bambini... senza tecnologia

Se Tv e tablet fungono spesso da baby sitter, esistono anche altri sistemi per tenere impegnati (e tranquilli) i bambini senza ricorrere alla tecnologia. Ecco 3 attività da proporre ai piccoli in grado di occuparli per diverse ore.

continua »

Cerca altre strutture

Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network