Scarlattina: l'esantematica che può tornare

Sebbene si manifesti con eruzioni cutanee e papule come le altre malattie esantematiche dell'infanzia, la scarlattina ha, in realtà, origine batterica ed è causata da un batterio streptococco del gruppo A. Come si riconosce. Come si cura. Come si contagia.

Articoli Correlati

di Alessia Altavilla

Causata da un batterio streptococco del gruppo A, la scarlattina rientra tra le malattie esantematiche tipiche dell'infanzia sebbene, in realtà, sia di origine batterica.
Riconoscerla è piuttosto semplice.


Dopo un periodo di incubazione di 1-5 giorni, i primi sintomi si manifestano con mal di gola, febbre (anche alta), dolori addominali, mal di testa, vomito. I sintomi più riconoscibili, però, sono la cosiddetta 'lingua a fragola' (la lingua è talmente ingrossata, coperta da una patina biancastra e puntini rossi da ricordare, appunto, la forma di una fragola) e, dopo qualche giorno (ma a volte si manifestano anche immediatamente), l'eruzione cutanea scarlatta sul resto del corpo (prima su collo, ascelle e inguine e poi altrove). Le macchie, che generalmente non provocano prurito o fastidi, durano qualche giorno e poi scompaiono lasciano il posto alla desquamazione delle pelle.

CONTAGIO
La scarlattina è una malattina altamente contagiosa che si trasmette tramite le goccioline di saliva o catarro.


Il periodo di massimo contagio si ha durante la fase acuta della malattia (ossia quando compaiono i primi sintomi e le prime macchie) e fino a 48 ore dopo l'inizio della terapia antibiotica.
Poiché non esiste un vaccino contro la scarlattina, la sola forma di prevenzione è rappresentata dall'innalzamento delle misure igieniche qualora il bimbo la contragga (separare le sue posate e i suoi bicchieri da quelli del resto della famiglia, lavarsi spesso le mani, evitare i contatti di saliva, tenere a casa il bambino fino a dopo l'inizio della terapia antibiotica).

DIAGNOSI
E' il medico a stabilire la diagnosi di scarlattina attraverso una visita pediatrica ed, eventualmente, sottoponendo il bambino a un tampone faringeo (ricordiamo che come tutte le malattie esantematiche anche la scarlattina deve essere comunicata a scuola).
La terapia antibiotica (della durata, generalmente, di una decina di giorni) è pressoché obbligatoria salvo casi specifici.
I sintomi durano circa 3/5 giorni, mentre le macchie tendono a scomparire nel giro di una settimana. Bisognerà, poi, attendere che tonsille e ghiandole si sgonfino e tornino alla normalità.

Per alleviare i sintomi, si possono somministrare al bambino degli antipiretici ed è necessario non forzarlo a mangiare o, comunque, offrirgli una dieta liquida che non complichi ulteriormente la deglutizione (perfette bevande calde, té, zuppe, gelati). Fate in modo che il bimbo beva molto, umidificate l'ambiente per contrastare la secchezza alla gola e tagiate bene le unghie qualora le macchie provochino prurito.
Scomparsi i sintomi e sotto terapia antibiotica (chiedendo, comunque, il parere del medico) il bambino può tornare a scuola.

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

ciuccio_1b

Come togliere il ciuccio al bambino

Premesso che la maggior parte dei pediatri e dei dentisti sconsigliano l'utilizzo prolungato del ciuccio (dove per prolungato si intende oltre i 3 anni di età), ecco alcuni consigli per eliminare il succhiotto cercando la collaborazione del bambino. Ingannandolo, ma non troppo.

continua »
sole-montagna

Sole d'alta quota

Il sole è un alleato utile perchè fonte di vitamina D, però può anche essere un nemico della pelle. D'estate se ne parla parecchio, ma il sole di montagna è forse meno dannoso?

continua »
igiene_bambino

L'igiene del bambino

Sin dai primi anni è importante insegnare la bambino a prendersi della sua igiene personale. Spazzolarsi i denti tutti i giorni, insaponarsi bene, lavarsi le mani prima di mangiare devono diventare un'abitudine costante.

continua »
Self_esteem_children

Autostima: 10 cose da non dire ai bambini

Può capitare di essere stressati e non darci peso, ma certe frasi, pronunciate spesso senza volontà di ferire, ma semplicemente con superficialità in momenti di rabbia o fretta, andrebbero evitate del tutto con i bambini. Il rischio è quello di minare il processo di acquisizione dell'autostima personale, fondamentale per affrontare al meglio le sfide della vita presenti e future.

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network