Si può fare o no il bagno dopo mangiato?

Per molti i prossimi giorni saranno il vero preludio dell'estate con gite al mare, giornate in spiaggia, tuffi e bagni di sole. E l'annosa domanda di sempre: ma è pericoloso oppure no entrare in acqua subito dopo aver mangiato?

Articoli Correlati

di Alessia Altavilla

Si fa oppure no il bagno dopo mangiato?
Questa domanda rivolta ai nostri nonni (ma anche ai nostri genitori) avrebbe ottenuto una sola unanime risposta: NO.


O meglio. No fino a 10 anni. Poi Ni. E poi, semplicemente, silenzio.
Ai nostri tempi, il bagno dopo mangiato rappresentava un problema fino al raggiungimento dell'adolescenza. Dopodiché, alla coscienza di ciascuno decidere il da farsi.
Da qui il dubbio instillato in tutti noi: ma è pericoloso oppure no entrare in acqua dopo un panino, un gelato, la colazione?

E perché, in caso di risposta affermativa, è pericoloso fino a una certa età e poi non più?

SFATARE UN MITO
Fare il bagno dopo mangiato, checché se ne possa dire, non comporta nessun rischio per la salute. L'idea che la digestione diroterebbe l'afflusso sanguigno verso l'intestino a discapito degli altri muscoli, per quanto vera, contiene in sé un fraintendimento: ossia che il nostro organismo non sia perfettamente in grado di gestire due attività semplici come girerire e nuotare contemporaneamente.
Ovviamente, c'è da intendersi sul concetto di 'nuotare'. Una gara agonistica che richiede un grosso sforzo fisico, subito dopo mangiato, andrebbe evitata. 'Paciugare' con l'acqua, correre sul bagnasciuga, passeggiare o giocare a palla a ridosso della riva, rimanersene appollaiati su un materassino o dentro a un salvagente non possono essere considerate attività che la digestione, in qualche modo, impedirebbe.

Il vero pericolo, piuttosto, potrebbe essere rappresentato dalle congestioni, ossia un blocco intestinale determinato da un cambio repentino della temperatura. Anche in questo caso, però, il problema non è tanto determinato dalla distanza dai pasti, quanto piuttosto da una serie di variabili che potrebbero esserne responsabili: il tipo e la quantità di cibo ingerita, la differenza di temperatura tra l'acqua e l'esterno, la rapidità di immersione...
Va da sé che, a prescindere dall'orario di colazione e pranzo, tuffarsi accaldati nell'acqua di botto senza un graduale passaggio che consenta all'organismo di abituarsi potrebbe essere pericoloso per il benessere.

Ricapitolando: il bagno dopo i pasti si può fare, con alcune precauzioni. Evitando gli sbalzi repentini di temperatura, le gare agonistiche di nuoto e, in generale, se l'obiettivo è comunque quello di andare in spiaggia subito dopo aver mangiato, preferendo cibi leggeri, ricchi di sali minerali e facili da digerire.

 

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Alfabeto-Montessori

Attività creative per insegnare a scrivere ai bambini

Seguendo il metodo Montessori, ecco alcune attività ludiche e creative allo stesso tempo da proporre ai bambini per insegnar loro a leggere. 

continua »
rugbytots

Avete mai sentito parlare di rugbytots?

Nato in Inghilterra 11 anni grazie all'idea di Max Webb, il rugbytots è un programma di motricità che si avvale della palle ovale come strumento destinato ai bambini in età prescolare.

continua »
Laboratori-creativi-autunno

Giocare con l'autunno

Idee per giocare con foglie, pigne, castagne e materiale raccolto in questa stagione al parco o in campagna. Il fascino dell'autunno in tanti laboratori creativi da fare in casa durante il tempo libero. 

continua »
Must-Have-Fall2017

Abbigliamento bimbi: capi must have per l'autunno

8 capi che ogni bambino dovrebbe avere nell'armadio per affrontare l'autunno. Dagli stivali al trench ecco alcuni capi moda indispensabili e il consiglio per gli acquisti.

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network