Zecchino d'Oro 2015: la classifica finale e tutti i retroscena

Il nostro inviato Mario Gardini, autore della canzone in gara, Il Rompigatto, ci racconta le canzoni e i retroscena dell'ultima edizione dello Zecchino d'Oro 2015 che ha appena chiuso i battenti.

di Mario Gardini

E così anche la 58° edizione dello Zecchino d’Oro ha chiuso i battenti.
È stata sicuramente una bellissima edizione, piena di canzoni, ospiti simpatici e divertenti, buona musica e tanta simpatia da parte dei due conduttori, Cristel Carrisi e Flavio Montrucchio che, un po’ impacciati nelle prime puntate, hanno via via preso confidenza con questa grande festa dell’Antoniano di Bologna.



A vincere quest'anno è stata l'emozione, quella vera e palpabile in studio e durante le prove, e quella che ha portato a vincere la canzone Prendi un’emozione (testo e musica di Lodovico Saccol, interpretata da Greta Cacciolo, 8 anni, di Gioiosa Marea) che si è classificata al primo posto (al secondo posto Cavoli a merenda e parimerito al terzo posto Tutanc'mon, Resterà con te e La Parce que Des Porquoi).
Guarda il video della canzone che ha vinto




Da parte mia, autore de Il rompigatto, interpretato dalla piccola Dania Lascialfari della provincia di Udine, e ormai veterano dello Zecchino, posso dire che mi sono divertito moltissimo, soprattutto quest'anno in cui la giuria era interamente formata da bambini.
Questa è la mia classifica persona delle canzoni in gara. Non corrisponde esattamente alla classifica ufficiale. Ma, in fondo, il mondo è bello perché i gusti sono vari. O no?

Al primo posto io metto Il contrabbasso, simpaticissima canzone che parla di strumenti musicali e amore per l’arte.
Al secondo Tutanc’mon per il bellissimo ritmo arabeggiante che ha il brano (non per nulla gareggia come canzone straniera per l’Egitto). Il testo dice poco, è la musica che qui fa tutto.
Terzo posto per la vincitrice di questa edizione Prendi un’emozione, canzone con una forte influenza rock che parla di emozioni e che è nata (lo so perché l’autore è amico mio) ben prima del grande successo di Inside out. Trovo che si sia meritata la vittoria.
Quarto posto per la dolce ballata francese Le parce que des pourquoi e quinta metterei Cavoli a merenda, simpatica variazione sul tema dei detti legati al cibo.

Le altre, tutte pari merito. Ho apprezzato il tentativo di alcuni autori di proporre cose diverse dal solito, come lo Zombie vegetariano o La commedia divina che parla di Dante e Beatrice introducendoli in un mondo moderno fatto di tag.
Spero proprio che anche il mio Rompigatto sia piaciuto, anche grazie allo splendido cartone animato che lo ha accompagnato.
Guarda il video de Il Rompigatto.



Ora, miagolando vi saluto e me ne vado.
E ci rivediamo l'anno prossimo per una nuova avvincente edizione!

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Alfabeto-Montessori

Attività creative per insegnare a scrivere ai bambini

Seguendo il metodo Montessori, ecco alcune attività ludiche e creative allo stesso tempo da proporre ai bambini per insegnar loro a leggere. 

continua »
rugbytots

Avete mai sentito parlare di rugbytots?

Nato in Inghilterra 11 anni grazie all'idea di Max Webb, il rugbytots è un programma di motricità che si avvale della palle ovale come strumento destinato ai bambini in età prescolare.

continua »
Laboratori-creativi-autunno

Giocare con l'autunno

Idee per giocare con foglie, pigne, castagne e materiale raccolto in questa stagione al parco o in campagna. Il fascino dell'autunno in tanti laboratori creativi da fare in casa durante il tempo libero. 

continua »
Must-Have-Fall2017

Abbigliamento bimbi: capi must have per l'autunno

8 capi che ogni bambino dovrebbe avere nell'armadio per affrontare l'autunno. Dagli stivali al trench ecco alcuni capi moda indispensabili e il consiglio per gli acquisti.

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network