Aprile... dolce dormire

Sembra un controsenso: la stagione più colorata dell’anno, la primavera, è la più difficile da affrontare per l’organismo. Per i bambini soprattutto.

di Manuela Magri

Trovarsi stanchi, svogliati, apatici, disinteressati nei confronti del mondo che ci circonda non è un evento raro se tutto ciò accade in primavera, paradossalmente, la stagione in cui la natura torna a svegliarsi, gli alberi a fiorire, gli uccelli a cantare e il sole a splendere. E a soffrirne sono, soprattutto, i bambini e gli adolescenti, che arrivano stressati dopo il lungo inverno passato sui banchi di scuola, carichi di impegni e attività da svolgere e portare a termine. Ogni cosa, in questi primi giorni primaverili, sembra richiedere uno sforzo eccessivo da parte dell’organismo incapace di impiegare ulteriori energie. Occorre, perciò, correre ai ripari, cercare una soluzione in grado di far fronte al problema. Ecco, dunque, qualche consiglio su come muoversi per aiutare i piccoli a superare il disagio fisico che stanno vivendo.

 


La primavera potrebbe, negli organismi ancora in formazione e in fase di crescita, far emergere una carenza di vitamine e sali minerali, in particolar modo se l’inverno appena trascorso è stato particolarmente difficoltoso, punteggiato da influenze e raffreddori, stressante per il corpo e per la mente (pensate solo al dispendio di energie per un bambino che per la prima volta si è trovato a dover affrontare gli impegni della scuola per i quali non era affatto abituato, o per uno che ancora deve trovare la forza di completare l’anno scolastico concentrandosi sulle materie per le quali ha avuto qualche problema nel tentativo di recuperare i vuoti e le mancanze per arrivare preparato all’appuntamento finale con le pagelle e, di conseguenza, la promozione): in primavera, infatti, si pagano le conseguenze degli sforzi cui si è sottoposto l’organismo durante i mesi rigidi dell’inverno.
È necessario, quindi, in questi casi, sempre previa consultazione medica, introdurre nella dieta del piccolo stanco qualche integratore, vitamine e sali minerali appunto, in primo luogo:
 


  • La vitamina B è indispensabile per la trasformazione dei cibi in energia e per la loro assimilazione. Inoltre, regola le funzioni del sistema nervoso, del cuore e dei muscoli e mantiene sane le membrane (vitamina B1); la vitamina B2 potrebbe correre in soccorso degli sportivi e di coloro che svolgono quotidianamente un’attività fisica.
  • La vitamina C fortifica le difese immunitarie, facilita l’assorbimento del ferro e consente una corretta formazione del tessuto osseo e cutaneo.
  • La vitamina D è indispensabile per l’assorbimento del calcio e del fosforo e per aiutare la crescita delle ossa. Può essere utile soprattutto ai bambini che hanno trascorso l’inverno nelle città buie e inquinate, senza avere la possibilità di beneficiare degli effetti positivi dei raggi del sole.
  • Tra i sali minerali, calcio e ferro non devono assolutamente venire meno in questo periodo per favorire il corretto svolgimento della sintesi delle proteine.

     

    Altri integratori che vengono talvolta impiegati (ma, anche in questo caso, è necessario chiedere l’autorizzazione del pediatra) sono alcune radici provenienti dalle piante e assunti sottoforma di estratti secchi o fluidi: il guaranà che ha un’azione stimolante sul cervello e diminuisce la sensazione di affaticamento e stanchezza, il ginseng che combatte l’affaticamento mentale e la spossatezza fisica, il ginko bilboa particolarmente indicato nei casi di stanchezza mentale degli adolescenti.

    Infine, per quanto possibile, cercate di dare un ordine alla vita dei piccoli, facendo in modo che vadano a letto presto la sera per recuperare le forze spese durante il giorno, lasciandoli riposare durante il weekend e non appena gli impegni scolastici lo consentono, portandoli via dallo stress della vita cittadina per pause rigeneranti in mezzo al verde e alla natura.


Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Scrivania-bambini

L'angolo studio: come arredarlo

Creare un angolo studio per i bambini significa anche progettare uno spazio in cui piccoli possano sostare a lungo e che non provochi disagio alla schiena o alla vista. Ecco come scegliere tavoli, sedie e complementi d'arredo.

continua »
Shultute

Il primo giorno di scuola nel resto del mondo

Mentre il countdown è iniziato e i giorni di vacanza si contano sulle dita delle mani, ecco cosa succede il primo giorno di scuola nel resto del mondo. Tra prassi consolidate e tradizioni.

continua »
Back-to-school-2017

Back to school. Partire organizzati

La check list delle 7 cose da fare in queste ultime settimane che precedono l'inizio della scuola per non ritrovarsi il giorno prima con l'acqua alla gola e1000 cose da fare e comprare. 

continua »
Bambini-e-denaro

4 modi per insegnare ai bambini il valore dei soldi

Tra gioco e apprendimento, 4 attività divertenti per insegnare ai bambini ad avere il senso del denaro, capirne il valore e intuirne le diverse possibilità di utilizzo.

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network