Tutti pazzi per il fidget spider

Letteralmente scatto rotante, il widget spider è, a tutte le età, il gadget del momento. E come tutte le mode non poteva non far parlare di sé. C'è chi lo osanna come il nuovo rimedio contro la distrazione, chi ne vanta le proprietà anti-stress e rilassanti e chi lo condanna come nuovo oggetto di perdizione. Di cosa stiamo parlando?

di Alessia Altavilla

Cominciamo subito chiarendo un punto: il fidget-spinner non serve a nulla.
Non è un antistress. Non è il rimedio contro i disturbi d'attenzione. Non è il diavolo travestito da dischetto rotante.


E' solo un gadget che sta impazzando tra bambini e adolescenti (ma anche adulti e hypster dell'ultima ora) considerato in questo momento il nuovo cubo di Rubok in fatto di 'oggetti inutili'.
Di cosa si tratta?

Il Fidget-Spinner è un piccolo ogetto in plastica e metallo che molti descrivono come una sorta di trottola bidimensionale costituita da un cuscinetto a sfera centrale intorno al quale ruota una struttura composta da due o più spesso tre estremità anch'esse costituite con cuscinetti a sfera che ne condizionano il movimento. Posizionando il centro dell’hand spinner, dove si trova il cuscinetto, tra pollice ed indice si può iniziare a giocare, dando un colpo deciso a uno dei bracci. Il formato compatto permette ai pesi di entrare in moto senza colpire la mano, così che il fidget possa girare per tempi anche lunghi come, appunto, una specie di trottola 2.0.
Brevettato nel 1993 da Catherine Hettinger che lo usava per tranquillizzare la figlia e messo in vendita dalla Hasbro, a causa dello scarso successo ottenuto fu ritirato dal mercato nel 2005 e il brevetto non venne rinnovato. Nel 2016 il boom negli Stati Uniti e poi nel resto del mondo con centinaia di miglia di bambini e adolescenti che volevano accaparrarsi il gadget i cui prezzi variano dai pochi centesimi ai 50€ per i modelli più evoluti.
Perché tanto successo?

Definito la trottola (o lo yo-yo) 2.0, il fidgat-spinner piace perché è trendy, facile da usare, divertente, disponibile in diverse varianti (tant'è che c'è anche chi lo colleziona), economico. I ragazzini lo fanno roteare in classe, gli adulti in ufficio.
C'è chi dice che sia un antistress, chi un oggetto per aiutare a superare i disturbi di attenzione, chi, invece, lo condanna perché creerebbe confusione in classe distogliendo gli allievi dalle attività scolastiche.
Dov'è la verità?
Da nessuna parte.
Il fidget-spinner è solo un oggetto. Uno come tanti.
O meglio, come tanti no. Perché è un oggetto uscito dal gruppo e divenuto un 'nice to have'.
Ma non racchiude in sé nessun mistero, non è dotato di alcun potere, né nel bene né nel male, non redimerà le giovani generazioni né le renderà schiave, esattamente come il Cubo di Rubik non aveva rendento o schiavizzato la nostra.
E' semplicemente un gadget poco costoso di cui tra qualche mese non si parlerà più e che tra una ventina d'anni, quando i bambini di oggi saranno giovani 30-40 enni appesantiti, riempirà le pagine del Facebook del futuro esattamente come il Cubo di Rubik riempie ora le nostre accanto alle Hot-Machines e al Dolce Forno.

Nessun dubbio o dietrologia nell'acquisto. Se la decisione è no è perché un altro inutile gadget in casa no. Non perché vostro figlio ne rimarrà segnato a vita.
Se è sì, è perché 'pazienza un altro inutile gadget in casa'. E non perché vostro figlio troverà attraverso la trottola moderna la via della salvezza.

In generale, però, a scuola sarebbe meglio evitare di portare giocattoli.
Ma questo, come consiglio spassionato!

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Scuola-estate2018

Scuole aperte anche in estate. Cosa cambierebbe?

Questa la proposta della Ministra Fedeli per il 2018 per rispondere alle esigenze di tante famiglie che ritengono eccessivi i tre mesi di stopo scolastico per la pausa estiva. Cosa cambierebbe? Perché alcuni si oppongono?

continua »
coding2017

Come avvicinare i bambini al coding

3 consigli per avvicinare i bambini al coding in modo divertente, ludico e veloce. Senza stress e bypassando l'idea che programmare sia un'attività noiosa da nerd. 

continua »
Alitosi_home

Quando l'alito è un problema

L’alitosi è un problema di tipo organico da cui non sono immuni neppure i bambini. Molteplici le cause non sempre, e non solo, legate a una cattiva igiene orale. Ce ne parla il dott. Luca Bolzoni  medico-chirurgo, specialista in odontoiatria, ortognatodonzia e implantologia

continua »
Windsurf-bambino

Windsurf: quando iniziare

Tra gli sport tipicamente estivi, il windsurf è senz'altro uno dei più noti. Praticabile, infatti, sia al lago che al mare, adatto già a partire dai 6 anni, consente di stabilire un rapporto stretto con la natura, sviluppando forza, equilibrio e coordinamemtno motorio.

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

  • MUGHETTO_1

    Il mughetto del lattante

    Il mughetto è un'infezione micotica causata da un particolare tipo di fungo che colpisce il neonato soprattutto nel periodo dell'allattamento.

    continua »
  • Consigli_vasino

    5 consigli per togliere il pannolino

    Arriva l'estate, che è la stagione ideale per le mamme dei bambini intorno ai due anni per togliere il pannolino al piccolo. Vi proponimo 5 consgili utili per...

    continua »
  • Acquaticita_neonatale

    Acquaticità neonatale al mare

    Come comportarsi con i bambini di meno di un anno al mare, per un approccio morbido all'acquaticità, che non provochi traumi al piccolo. Le linee guida di...

    continua »
  • nanna_vacanza_17

    Che fatica la nanna in vacanza

    A casa non ha mai avuto problemi. Tutte le sere il sonno è sempre arrivato puntuale facendo crollare il bimbo nel suo lettino. Ma una volta in vacanza sembra...

    continua »
  • vitaminaD

    Vitamina D: la vitamina dell'estate

    A differenza di altre vitamine, la vitamina D, importantissima per il nostro organismo, viene per il 90% assorbita attraverso la pelle, attraverso l'esposizione ai raggi...

    continua »
  • Prepare_valigie

    La valigia perfetta

    Consigli per preparare la valigia perfetta. Portando con sé tutto quello serve, lasciando a casa il superfluo ed evitando pesi eccessi o problemi per chi...

    continua »

Seguici sui network