Una rete per bambini plusdotati

Nasce a Milano la rete interuniversitara Ulisse per supportare i bambini plusdotati a vedere riconosciuti le loro abilità e a uniformarsi ai canoni della scuola.

Articoli Correlati

di Alessia Altavilla

Dotati di competenze e capacità superiori ai coetanei, i bambini plusdotati possono mostrare difficoltà a uniformarsi ai canoni della scuola e, non vedendo riconosciute le loro abilità, possono sviluppare comportamenti che compromettono il benessere proprio e di chi sta loro accanto. Nei casi più gravi, il rischio per quelli più 'incompresi' è anche quello della medicalizzazione tramite potenti psicofarmaci.



Proprio per ovviare a questo problema e aiutare questi bambini a trovare una loro collocazione in ambito scolastico, nell'ultimo anno si è svolta un'intensa collaborazione tra diverse organizzazioni senza fini di lucro impegnate sul tema della plusdotazione e del 'diritto alla diversità' dei più piccoli, anche al fine di facilitare la nascita di una rete nazionale e internazionale di coordinamento su questo argomento.

Frutto di questo impegno, è la nascita della Rete Ulisse, che, terminato il periodo di incubazione, ha organizzato per il 4 febbraio una presentazione pubblica presso l'Università Bocconi di Milano con un seminario a tema.

 
LA RETE ULISSE E UN SEMINARIO SULL'ARGOMENTO


Il seminario, che sarà l'occasione ufficiale per la presentazione del corso di formazione biennale sulla plusdotazione dedicato agli insegnanti organizzato dall'AISTAP e supervisionato dall'Università di Nijmegen (Olanda), si pone l'obiettivo di sensibilizzare sulle tematiche del talento e della plusdotazione tutti coloro che, a diverso titolo, sono interessati a questo tema, illustrando anche le attività di ricerca e intervento su aspetti a esso legati e promuovendo la produzione di materiale specifico dedicato agli insegnanti, ai genitori e alle figure professionali che seguono lo sviluppo del bambino.

 
I PROBLEMI DEI BAMBINI PLUSDOTATI


I bambini plusdotati manifestano difficoltà scolastiche, emotive e relazionali diversificate. Alcuni di loro rischiano addirittura di uscire dal sistema scolastico dal momento che non riescono a ottenere i risultati normalmente attesi dalla scuola stessa.

La maggior parte presenta problemi relazionali coi coetanei coi quali non riescono a entrare in sintonia. Insegnanti e genitori poco attenti, infine, possono non comprendere le particolari abilità di questi bimbi, bollando per negative quelle che, al contrario, sono risorse positive.

Questo può generare in questi bambini comportamenti oppositivi, di irritabilità e di ansia, che possono essere erroneamente classificati come sintomi di iperattività, troppo frequentemente affrontati con visite psichiatriche e trattate con psicofarmaci.

Ecco perché è fondamentale sensibilizzare gli operatori scolastici e le famiglie sul problema in modo tale che imparino, innanzitutto, a riconoscerlo. E in secondo luogo ad affrontarlo nel modo corretto.

 

  • Commento inserito da sara il 6 maggio 2017 alle ore 22:06

    Buona sera....Non sapete quanto mi rincuora leggere i vostri commenti.....sono mamma di Lorenzo quasi 7 anni da quando è nato abbiamo sempre intimamente pensato fosse diverso dagli altri coetanei...a 3mesi rotoava e di li a poco gattonava..ha cominciato a camminare a 9mesi...il linguaggio è satto subito moto ricco di termini diffici per l'età...a 14 mesi circa sapeva a memoria alfabeto e numeri fino al 20 e appena piu tardi ha imprato senza difficolta l'alfabeto muto... al nido ,dopo un primo periodo di adattamento ,era moto attivo e curioso...i probemi sono iniziati con la scuola materna !!! Dove ai colloqui mi veniva sempre ripetuta la stessa filastocca:è molto intelligente e buono ma:non rispetta le regie....se sta facendo un lavoro e viene chiamato per fare altro non si smuove di un passo finché non ha finito....terrorizzato da un bagno,nel quale per 3 anni non sono mai riusciti a farlo antrare ....e una serie di altri rimproveri....con l'arrivo della sorella sono arrivati i tic nevosi....fatto valutazione neuopsichiatrica veniamo "sbogliati "con un semplice€geosia€!!! nel frattempo le maestre faticano a reggere la situazione e ci inviano alla figura dello psicologo scolastico che moto serenamente mi dice di star tranquilla che Lorenzo è un bambino come tanti atri e mi suggerisce di non dar troppo peso alla valutazione delle maestre..per alti motivi ci rechiamo a Pavia al centro neurologico e decidiamo di far valutare il bambino anche qui ci viene detto che tutto e nella norma e che comunque è ancora Piccino per valutazioni più mirate..scuola.....il belirio....un insegnante in particolare insiste su fatto che ha comportato non "normali " è da settembre spinge x ulteriori valutazioni....LORENZO è un bambino estremamente sensibile...Non riesce ad integrarsi con i compagni e allora per non sentirsi escluso fa il "pagliaccetto "per farli ridere (come dice lui)..spesso a paura del buio e mi chiede spesso cosa trovera dopo la morte e dice che lui è ancora tropo piccolo per morire...che deve imparare nuora tante cose...i voti a scuoa sono tutti ottimi ...ha un 'ottima memoria.... capisce al volo storie e letture...ma spesso si annoia ed è a quel punto che cominci a navigare nel suo mondo con giochi dalle regole insolite e con storie astruse... ..vorrei tanto aiutarlo a capirsi in modo che possa esprimere quello che ha dentro...grazie

  • Commento inserito da Pietro Gattulli il 21 dicembre 2016 alle ore 09:34

    Nostro figlio ha subito dato "segnali" importanti della sua personalità già dal primo anno di vita, parlava correntemente con un linguaggio ricco e spigliato, come un bambino di 5 anni. Oggi è in grande difficoltà con una scuola pubblica inadeguata.Lui è stato "certificato" con un QI superiore alla media, da un'UOMPIA di Milano. Il nostro percorso, irto di difficoltà di ogni genere, è iniziato con una "maestra" poco professionale e scarsamente dotata di acume, poi , in altre classi, abbiamo incontrato maestre eccellenti che ci hanno aiutato, pur non essendo della classe di nostro figlio. Sono molte e molto apprezzabili le iniziative PRIVATE che abbiamo incontrato in questi ultimi 3/4 anni, ma lo Stato italiano non c'è ! In altri paesi si investe moltissimo in questi bambini, che sono i futuri scienziati, ricercatori, professionisti del paese, in Italia NO ! E' mia intenzione attivare una raccolta firme in rete per sensibilizzare l'opinione pubbliche ed il Governo pro-tempore su tali argomenti. Vi terrò informati.Cordialità, Pietro.

  • Commento inserito da Ros il 15 settembre 2016 alle ore 22:50

    Sono messa come voi.....intelligentissimo e sempre ripreso per il comportamento; per fortuna é bravo con la docente prevalente.E sono anche un insegnante di sostegno ...forse la scuola non é adeguata oggi

  • Commento inserito da mariapaola il 3 maggio 2016 alle ore 14:49

    salve sono la mamma di un bambino di 9 anni che frequenta la terza elementare. Ho avuto problemi fin dall'asilo con lui. Ho tolto subito il pannolino, camminava e correva a 13 mesi, parlava già come un adulto articolando frasi con subordinate a 16 mesi. La neuropsichiatra infantile diche che ha un qi molto alto superiore alla norma e per questo mi sono inimicata tutte le mamme della sua classe che lo stanno isolando. E' oppositivo, aggressivo, con capacità motorie molto elevate. Studia piano da quasi un anno e fa lo scout. Ho dovuto ritirarlo da calcio perchè me lo hanno chiesto tutti i bambini; lo evitano tutti e anche me. Il mio qi è 139 ed ho passato lo stesso inferno perché gli altri non capiscono questa stranezza. Mettetevi l'animo in pace, non si possono togliere i neuroni dal cervello. Fateli studiare i vostri figli tanto gli altri non capiscono e non si impegnano a capire. Fateli brillare in quello che gli piace qualunque materia sia. Sarà uno sfogo e una consolazione.

  • Commento inserito da Deborah il 22 marzo 2016 alle ore 10:47

    Salve sono la mamma di un bambino di 9 anni e mezzo gemello di una bimba. Fin da l'asilo ha avuto disturbi del comportamento che le maestre classificavano come disturbatore e aggressivo é sempre stato un bambino sveglio gattonava a 1 mese si girava nel lettino a 5 gattonava e 11 camminava a 1 anno e mezzo saltava dalle sbarre del letto e saliva e scendeva dallo scivolo,consideravo cose normali.

    Alle elementari etichettato da l'asilo come bambino che non rispettava le regole e irritabile dal 2013 seguito da una psicologa adesso testato come bambino oppositivo iperattivo ansioso con problemi relazionali,l'incongruenza é che nella relazione speditami via mai risultava indice memoria lavoro Qi 115 medio superiore e indice velocità di elaborazione 126 superiore...ma al ritiro della stessa la dott. ha cambiato il primo in 97 e secondo in 100. Karim é un bambino molto sensibile bravo in matematica e disegno di mezzi meccanici a 6 anni senza aver mai usato prima ha imparato per primo a scuola a suonare il flauto dolce e ascoltando delle musiche in tv cercava di riprodurle riuscendoci con lo stesso. Il mio problema é che la sua difficoltà di attenzione uditiva e lieve difficoltà di pianificazione magari siano dovuti a qualcosa in più. Insomma é un bambino che già a 4 anni prendeva cacciaviti e smontava e rimontava i suoi giocattoli.

    Vi chiedo un aiuto perché le sto provando tutte per capire come aiutarlo e forse il mio bambino iperattivo,magari mi sbaglio,ma potrebbe non essere capito fino in fondo.

    Grazie

  • Commento inserito da loredana citarella il 22 febbraio 2016 alle ore 17:11

    Salve sono la mamma di un ragazzino di 10 anni il quale ha avuto problemi scolastici fin dall'asilo,non tanto con i suoi coetanei bensì con le maestre che non riuscivano a gestirlo,problema che si è trascinato fino alla seconda elementare.Morale della favola??siamo finiti dal neuropsichiatra infantile allo psicologo....diagnosi??bambino con capacità cognitive superiori alla norma e terapia psicomotoria dovuta ad una discrepanza tra maturità cerebrale rispetto a quella fisica con visita del professore neuropsichiatra a scuola visto che il problema nasceva con la maestra.Mio figlio già a due anni leggeva ed era capace di sottrarre e addizionare,infatti, anche oggi,la maestra dice che è un genio.tutto questo lo ha imparato da solo senza che nessuno glielo spiegasse anche perchè....chi avrebbe mai pensato che a quella età avrebbe mai acquisito tali nozioni.Comunque oggi è un ragazzo più tranquillo ma vedo che in molti lo evitano,lui vorrebbe stare con tutti ma in tanti non lo accettano.Come posso fare??e come posso fare in modo che le sue competenze vengano stimolate??la nostra è una scuola tradizionale e manca di personale competente in questo campo.



  • Commento inserito da Barbara il 18 novembre 2015 alle ore 23:37

    Cara Daniela,

    la vita dei bimbi plusdotati può essere molto difficile. Noi abbiamo trovato un sostegno presso l'associazione Talent Gate (con sede a Padova - talentgate.it/): segue i bambini e organizza per loro summer camps, laboratori, eventi in cui possono sia sviluppare tutti i loro talenti, sia fare amicizia con coetanei "strani" tanto quanto loro.

    Segue inoltre i genitori e i suoi neuropsichiatri e psicologi sono sempre disponibili ad un dialogo con le insegnanti dei bimbi. Di queste associazioni ce ne sono diverse, nelle diverse regioni d'Italia.

    Non restate soli!

  • Commento inserito da DANIELA il 12 novembre 2015 alle ore 10:29

    AIUTOOOOO!!!! HO UN BIMBO PLUS DOTATO CHE LE MAESTRE FIN DAL ASILO SI SONO IMPEGNATE A SOFFOCARE "QUESTA ANOMALIA". ADESSO è NELLA TERZA ELEMENTARE E LA MAESTRA DICE: "NON VA BENE, è TROPPO AVANTI, L'HO DOBBIAMO PORTARE INDIETRO CON QUEL'ALTRI BAMBINI". E' DIAGNOSTICATO CON IPERATTIVITà, DEFICIT DI ATTENZIONE, OPPOSITIVO-PROVOCATORIO E A VOLTE è AGGRESSIVO CON GLI OGGETTI CIRCOSTANTI PER SFOGARE LA RABBIA DATA DELLA SCARSA AUTOSTIMA. PARLO CON NEUROPSICHIATRI, PSICOLOGI E DICE CHE SONO UNA MAMMA MALATA CHE IO LO VOGLIO VEDERE COSI, CHE LO SPINGO IO A ESSERE DIVERSO. LUI DA PICCOLO VIVE CON L'IDEA CHE "è STRANO PERCHE è DIVERSO". TANTE VOLTE HO DOVUTO FRENARE E SCORAGGIARE LA SUA VOGLIA DI CONOSCERE PER NON FARLO ESSERE DIVERSO DAGLI ALTRI. MI RENDO CONTO CHE SI DISTRUGGE E SI SPRECA, HO BISOGNO DI AIUTO, VI PREGO













  • Commento inserito da Luisa il 7 dicembre 2013 alle ore 14:16

    salve a tutti , vorrei sapere come un adolescente può scoprire e analizzare autonomamente la sua situazione . Soprattutto come si possono coltivare le proprie qualità. Grazie mille.

  • Commento inserito da SONIA FABIANO il 12 agosto 2013 alle ore 11:35

    buongiorno a tutti, sinceramente non so se mio figlio e' Plusdotato, posso dire che ha due anni e tre mesi e già da natale(18 mesi) legge i muneri, conta e conosce i colori...oggi conosce l'alfabetto e legge tutte le lettere singolarmente (anche kxw..) conta in inglese (fino a 10) e conosce un pò di forme geometriche.

    Ha fatto tutto da solo con i giochi ed i video educativi su tablet, che ovviamente usa meglio di me.

    Si annoia con i giochi per la sua età ed interagisce molto più volentieri con bimbi più grandi,visto anche che parla come un bimbo di 4 anni. La pediatra mi ha consigliato di avvicinarlo alla musica.

    Vorrei poterlo seguire al meglio sapete consigliarmi?

  • Leggi tutti i commenti

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Scuola-estate2018

Scuole aperte anche in estate. Cosa cambierebbe?

Questa la proposta della Ministra Fedeli per il 2018 per rispondere alle esigenze di tante famiglie che ritengono eccessivi i tre mesi di stopo scolastico per la pausa estiva. Cosa cambierebbe? Perché alcuni si oppongono?

continua »
coding2017

Come avvicinare i bambini al coding

3 consigli per avvicinare i bambini al coding in modo divertente, ludico e veloce. Senza stress e bypassando l'idea che programmare sia un'attività noiosa da nerd. 

continua »
Alitosi_home

Quando l'alito è un problema

L’alitosi è un problema di tipo organico da cui non sono immuni neppure i bambini. Molteplici le cause non sempre, e non solo, legate a una cattiva igiene orale. Ce ne parla il dott. Luca Bolzoni  medico-chirurgo, specialista in odontoiatria, ortognatodonzia e implantologia

continua »
Windsurf-bambino

Windsurf: quando iniziare

Tra gli sport tipicamente estivi, il windsurf è senz'altro uno dei più noti. Praticabile, infatti, sia al lago che al mare, adatto già a partire dai 6 anni, consente di stabilire un rapporto stretto con la natura, sviluppando forza, equilibrio e coordinamemtno motorio.

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network