Ancora regali?

I regali non finiscono mai. Dopo la grande abbuffata di Natale, con l'Epifania molti bambini tornano a ricevere pacchi e pacchetti pieni di giocattoli e dolciumi.

Articoli Correlati

Li avete contati? Quanti erano i pacchetti sotto l'albero a Natale? Quanto ci hanno messo i bambini a scartare tutti i doni, considerata anche la fretta che li ha portati a squartare letteralmente l'involucro che conteneva scatole e scatolette così sapientemente confezionate? E, quando sotto il pino erano rimaste solo carte colorate e fiocchi tagliati, quanto ci hanno messo i piccoli ad abbandonare giocattoli e balocchi per dedicarsi alle attività di sempre (leggere, scrivere, guardare la televisione, litigare con i fratelli, dedicarsi al videogame preferito…)?
Insomma, in termini di denaro e tempo impiegato nella ricerca, quanto è costato Natale? E ne è valsa davvero la pena?


Tempo di tirare un bilancio, anche se con la Befana diventata sempre di più, forse giustamente, un simbolo delle feste natalizie, tutto sembra ricominciare di nuovo, nonostante i mille e più doni ricevuti da Babbo Natale e nonostante non sempre questo abbiano avuto l'accoglienza e l'entusiasmo sperato da parte dei bimbi.

Un tempo, i bambini lasciavano una calza appesa al camino e la mattina del 6 gennaio correvano per vedere se la vecchietta a cavallo della scopa avesse per caso lasciato loro mandarini, noccioline, caramelle, se andava bene, cioccolato e dolci. Cose semplici, insomma. Giusto per prolungare un po' la gioia del Natale.
Adesso, invece, i piccini stilano vere e proprie liste con tanto di richieste spesso costose e decisamente impegnative per i genitori. E terminato Natale, mamma e papà si rimettono in cammino alla ricerca di videogames, complicati marchingegni elettronici, bambole che parlano, ridono, fanno la pipì e mettono persino il broncio se non hanno voglia di giocare.


Insomma, archiviato Natale si riapre subito il capitolo Befana. E la corsa al regalo ricomincia.

Ovviamente, ognuno è libero di educare i propri figli come meglio crede, ma forse, se veramente l'albero di Natale era sommerso da una montagna di doni, varrebbe la pena riflettere sul valore delle vecchia calza, che al massimo poteva contenere una bambolina di pezza, un soldatino, un libro da leggere.
È importante, infatti, che i piccoli imparino a capire che non tutte le richieste devono essere esaudite e che, talvolta, ciò che conta è il pensiero, non tanto l'oggetto.
La Befana non dovrebbe essere un Babbo Natale al femminile a cui affidare la lista della spesa delle cose che non si è riuscito a comprare prima del 25 dicembre. Se, quindi, i piccini hanno ricevuto per Natale ciò che desideravano, per l'Epifania non è necessario consegnare loro ancora centinaia di pacchi da aprire e scartare. E, in ogni caso, se proprio desiderate stupirli con una sorpresa, organizzate per loro qualcosa di diverso dal solito o impacchettate un piccolo pensiero, un libro, un peluche, un puzzle da comporre tutti assieme, penne colorate, un biglietto per andare al cinema o a teatro con mamma e papà… Qualunque cosa ricordi loro che è ancora festa, senza, però, le esagerazioni del Natale.
L'alternativa, ma avreste dovuto pensarci per tempo prima del 25, avrebbe potuto essere quella di suddividere i regali di Natale in due tranche, una da mettere sotto l'albero e una per la calza della Befana, in modo tale che il numero di doni ricevuti non fosse eccessivo, limitato e controllato.

La Befana, come Babbo Natale, arriva una volta l'anno, per i bimbi buoni e per quelli cattivi. Ma sulla sua esile scopa, la vecchina non dovrebbe portare pesi eccessivi, solo qualche prelibatezza per salutare in allegria le feste che si porta via.

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Prima-Comunione-Regali

Regali tecnologici adatti per Comunione e Cresima

Non sapete cosa regalare a un bambino per la sua prima Comunione? Qui alcune idee tecnologiche adatte a bimbi dai 7 ai 10 anni perfette per questa occasione. 

continua »
Consigli_maghi_leo

Come scegliere il mago per la festa di compleanno

11 consigli di Mago Leo per scegliere il mago per la festa di compleanno del bambino e non avere sorprese durante la festa. Se state cercando un animatore non perdetevi questo articolo. 

continua »
Resistenza

Dalla A alla Z. Le parole per raccontare la resistenza

La Resistenza italiana raccontata attraverso alcune parole chiave che la riguardano o interessano il periodo storico che l'ha vista nascere. Poche frasi per raccontare uno dei periodi storici più travagliati ed eroici della storia d'Italia e il senso del 25 aprile. Anche ai più piccoli.

continua »
bambini-magoleo2017

Un biglietto di invito... magico

Se sarà un mago a intrattenere gli invitati durante la festa di compleanno del vostro bambino, ecco un'idea per un biglietto di invito a tema divertente e decisamente originale. Ce la racconta Leonardo Carrassi, in arte Mago Leo.

continua »

Cerca altre strutture

Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network