Il corpo si trasforma

Mese per mese, tutti i cambiamenti che subisce il corpo della donna durante la gravidanza.

Articoli Correlati

La gravidanza è un lungo percorso scandito da tappe, 40-41 settimane normalmente, durante le quali la donna perde la sua esclusiva condizione di figlia per diventare mamma e il bambino da nulla, idea, progetto, desiderio, caso…, diventa bambino. È un cammino magico a cui nessuna spiegazione scientifica può togliere il fascino e il mistero che lo accompagnano.
Tecnicamente, si comincia a parlare di gravidanza già a partire dal primo giorno dell'ultima mestruazione, prima ancora che l'ovulo venga fecondato: è, infatti, a partire da questa data che viene stabilita, durante la prima visita ginecologica, quella presunta in cui il bimbo dovrebbe venire al mondo. In genere, da questo primo giorno, vengono calcolate una media di 40 settimane che possono diventare 41 o 42, soprattutto nelle primipare (un ritardo di 14 giorni per le mamme al primo figlio è, infatti, un fatto assolutamente normale e piuttosto frequente).


IL PRIMO TRIMESTRE
Come dicevamo sopra, la gravidanza inizia già a partire dal primo giorno dell'ultima mestruazione. È, però, solo due settimane dopo circa l'inizio del ciclo che l'ovulo è fertile e può essere fecondato dallo spermatozoo, il più forte e veloce dei 10.000 che sono riusciti a risalire nelle tube. Già qualche ora dopo la fecondazione, il sesso del nascituro è stabilito e la donna può dirsi veramente incinta. Da questo momento, anche se la futura mamma non è assolutamente al corrente, inizia il suo lungo cammino verso la maternità. Già nel primo mese, possono cominciare ad avvertirsi alcuni segnali tipici della gravidanza e dei cambiamenti che la donna sarà chiamata a vivere: tra questi, alterazione del gusto, fastidio verso certi odori, eccessiva salivazione, nausea, maggiore sensibilità al seno, stanchezza, sono tra i più diffusi. Già una decina di giorni dopo l'avvenuta fecondazione, è possibile sapere se si è incinta o meno grazie ai test che misurano l'ormone HCG. Eventuali perdite ematiche in questo periodo non vanno scambiate per mestruazioni essendo, in realtà, causate dagli ormoni. Il peso corporeo dovrebbe aumentare, nell'arco dei tre mesi, dai 7 etti ai 2 chili a seconda di quanto le nausee abbiano inciso su questo primo periodo di gravidanza.
Per quanto riguarda, invece, l'embrione, alla fine del primo mese, ossia quando ha due settimane di vita, misura circa 5 mm e il suo cuore comincia a battere. Nel corso dei giorni successivi, inizieranno a formarsi l'intestino, i polmoni, il sistema nervoso, la spina dorsale e il cervello (è questo il momento in cui è possibile prendere precauzioni per evitare la formazione della cosiddetta spina bifida); 4 minuscole protuberanze si trasformeranno in braccia e gambe e leggere ombre diventeranno gli occhi e il naso. Alla fine della nona settimana, le dita di mani e piedi sono già perfettamente visibili e, se si tratta di maschietto, sono presenti i testicoli. Dalla dodicesima settimana in poi, non si parlerà più di embrione, ma di feto.


SECONDO TRIMESTRE
A partire dal secondo trimestre la gravidanza 'si normalizza'. Il rischio di aborto si riduce notevolmente così come il pericolo di malformazioni, le nausee scompaiono quasi completamente, il corpo della donna si arrotonda e si prepara, giorno dopo giorno, al parto, si forma la placenta (a partire dalla fine del terzo mese) che collega la mamma al bambino. Il peso dovrebbe aumentare in questo periodo di circa 1,5 kg al mese.
Per quanto riguarda il feto, i suoi organi sono ormai formati anche se non completamente sviluppati e il suo compito, da questo momento in avanti, è esclusivamente quello di crescere. A partire dalla dodicesima settimana di gestazione, poi, grazie a un sistema nervoso sempre più complesso, è anche in grado di percepire le 'carezze' della mamma comunicando con lei con movimenti sempre più percettibili (dalla diciottesima settimana dovrebbero manifestarsi chiaramente), può inghiottire e succhiarsi il dito e piegare le articolazioni delle gambe e delle braccia (dalla quattordicesima settimana). Sente i suoni e i rumori che provengono dal mondo esterno e, dalla ventesima settimana, comincia a seguire la sua personale strada di crescita dettata da quello che è il patrimonio genetico che ha ereditato (fino a quel momento lo sviluppo del feto è uguale per tutti i bambini). Le impronte digitali sono perfettamente disegnate. Durante la seconda ecografia, detta anche morfologica, che viene normalmente fissata tra la diciannovesima e la ventiduesima settimana, i genitori che lo desiderano possono conoscere il sesso del loro bebè.

TERZO TRIMESTRE
Con la ventottesima settimana di gravidanza si entra nell'ultimo trimestre di gestazione. Il pancione è ormai chiaramente evidente, il seno ingrossato, il respiro affannoso, stanchezza e senso di pesantezza sono spesso all'ordine del giorno e le attività più semplici (salire le scale, stirare, persino dormire) possono diventare difficoltose. Talvolta, si possono verificare fuoriuscite di colostro dal seno. Significa che gli ormoni funzionano correttamente. È questo il momento di cominciare a pensare al parto e al futuro del bambino. Generalmente in questi ultimi mesi si prepara la cameretta del piccolo e il suo corredino e si cominciano a frequentare i corsi pre-parto, utili per arrivare preparati al momento del travaglio. Alla fine della gestazione l'aumento di peso non dovrebbe superare i 12 kg.
Per quanto riguarda il feto, si può dire che ormai sia completamente formato. È molto sensibile agli stimoli sensoriali (udito, vista e gusto) ed è in grado di distinguere i colori all'interno della placenta e il buio dalla luce. Si muove parecchio, trascorre gran parte del suo tempo dormendo e cresce considerevolmente di peso. Dopo la trentesima settimana dovrebbe aver superato il chilo, dalla trentaseiesima in poi i 2 chili e mezzo. Da questo momento, se dovesse venire al mondo, sarebbe perfettamente autonomo e in grado di cavarsela da solo senza ausilio delle macchine, solo un po' sottopeso rispetto agli altri bambini. Dopo la trentasettesima settimana, infatti, il suo peso aumenta di 30 gr al giorno. Molti neonati cominciano a girarsi già dalla fine del settimo mese, alcuni lo fanno solo al momento del parto, soprattutto nelle pluripare. La posizione del piccolo, comunque, influenzerà notevolmente il tipo di parto da effettuare.

TRAVAGLIO E PARTO
Normalmente il momento del parto si verifica tra la trentanovesima e la quarantunesima settimana ma non è raro che si abbia un ritardo di quattordici giorni in più o in meno rispetto alla data prevista, in particolare in presenza di primo figlio.
L'inizio della dilatazione dell'utero coincide con la perdita del tappo del muco. Ci possono, però, volere ancora altre tre settimane prima che il piccino venga alla luce. Nelle prime fasi le contrazioni sono distanziate tra loro nel tempo e piuttosto irregolari. È necessario annotare ogni quanto si presentano su un quadernetto e informarne il proprio medico. Non è, comunque, il caso all'inizio di preoccuparsi e tra una contrazione e l'altra è possibile completare gli ultimi preparativi (preparare la valigia per sé e il piccino, telefonare ai parenti che devono essere avvisati…) cercando di rilassarsi quanto più possibile. Il travaglio vero e proprio, che ha una durata variabile da donna a donna, inizia quando le contrazioni sono ravvicinate tra loro e regolari (ogni 5 minuti circa). È questo il momento di correre in ospedale in attesa della rottura delle acqua, che talvolta si verifica solo al momento del parto, e la dilatazione totale dell'utero.

  • Commento inserito da Antonietta Romano il 29 gennaio 2014 alle ore 09:25

    Io ho 46 anni, ho avuto la prima bambina, a 20 anni, con un parto potalico, e andato tutto bene, poi altri due figli, e le gravidanze, sono state perfette, e senza punti, la mia prima figlia, non si è mossa, prima del ottavo mese di gravidanza. Cmq io dico a tutte le donne, che se hanno ancora la possibilità di avere bambini, fateli, perché io non ne avrò più. ...

  • Commento inserito da anna maria il 14 febbraio 2011 alle ore 10:48

    ciao a tutte ho 30 anni e sono felicissima,perchè ho fatto il test ed è positivo!Ho solo un pò di paura....a dicembre ho avuto un aborto interno e ho fatto il raschiamento, quindi spero tanto che questa volta vada tutto bene,anche se di figli ne ho già 4...ringrazio il dio Geova che mi ha dato la possibilità di averne un'altro!E' una gioia immensa..auguroni a tutte le mamme.by anna'80'

  • Commento inserito da debora il 17 gennaio 2011 alle ore 17:37

    Ciao ho una bambina da tre mesi subito dopo il parto ho avuto il ciclo per 40 giorni dopo una diecina di giorni mi sono tornate le mestruazioni e poi dopo una settimana ho avuto un ciclo on un enorme flusso...adesso il ciclo nn mi è ancora venuto e sto iniziando a preoccuparmi devo fare qualche controllo ho sto tranquillà che è normale???risp presto grazie di cuore

  • Commento inserito da marianna il 9 gennaio 2011 alle ore 20:45

    un saluto a tutte le mamme,sono Marianna ho 26anni mi son sposata da poco e appena tornata dal viaggio di nozze ho scoperto di essere incinta!sono alla 13settimana e fortunatamente nn ho nausee ma solo poca fame!e' una bellissima sensazione sentire il battito,io e mio marito ci sentiamo ke è maskio,nn vorrei rimanere delusa,l'importante ke tutto va bene,poi il sesso è relativo!

  • Commento inserito da samantha il 19 novembre 2010 alle ore 20:47

    ciao sono alla 22settimana e ho saputo da 2 giorni che avrò una bambina sono felicissima!ti aspetto piccola mia......

  • Commento inserito da Libera il 28 ottobre 2010 alle ore 16:24

    ciao a tutte le mamme ho 24 anni e da quando ho conosciuto gabriele la mia vita è cambiata in un anno e mezzo insieme abbiamo emanuele nato l 8 maggio 2010(bella festa della mamma). inizio settembre gabriele è diventato mio marito e due settimane dopo dal viaggio di nozze.... test ancora una volta positivo.. dopo un cesareo 5 mesi fa... bèh sono alla 9 settimana e la nausea è tanta.. ma sapere di avere un'altra creatura cosi rara e splendida... ti ripaga di tutto. ti amo gabri

  • Commento inserito da vania il 24 ottobre 2010 alle ore 17:37

    ciao care...sono vania e aspetto il mio primo bimbo!!!!sono alla quattordicesima settimana e sto iniziando a trasformarmi!!!:)))ormai il pancino si vede e ho messo su quasi 3 chili...a voi come procede?

  • Commento inserito da sandy il 22 ottobre 2010 alle ore 18:29

    ciao a tutte, ieri ho scoperto di essere incinta, non pensavo cosìpresto è solo un mese che ci proviamo....sono felicissima ti amo giuseppe

  • Commento inserito da maria r. il 11 ottobre 2010 alle ore 13:48

    ciao ragazze anche io ho scoperto di aspettare un bimbo il 7 ott che gioia dopo un anno avevo perso le speranze..auguri a tutte le future mamme.:)

  • Commento inserito da alessandra il 7 ottobre 2010 alle ore 00:44

    ciao a tutti oggi o scoperto diessere incinta del mio bambino...ero preoccupata da mesi ci provavamo..eccolo è arrivato...auguroni a tutte le mamma N. ti amo

  • Leggi tutti i commenti

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Annuncio-gravidanza

7 modi divertenti di annunciare la gravidanza

Come annunciare l'attesa di un bimbo a parenti e amici in modo divertente e non convenzionale? Di seguito 10 consigli per farlo validi sia per la futura mamma che per il futuro papà.

continua »
Cadere-gravidanza

Come evitare cadute in gravidanza

Il cambiamento del baricentro, il peso della pancia che sbilancia in avanti la futura mamma, la difficoltà ad adattarsi a una nuova fisionomia, possono aumentare il rischio di cadute. Che in gravidanza, però, sarebbero da evitare. Ecco alcuni consigli.

continua »
5-modi-sentirs-postpartum

5 modi per sentirsi in forma dopo il parto

Se durante la gravidanza pancia e chili di troppo sono ben visti dalle future mamme che li associano al bimbo e alla sua presenza nell'utero, dopo il parto una delle cose più difficili da sopportare per molte donne è proprio la pancetta e le forme arrotondate. Ecco 5 modi per sentirsi a proprio agio anche nei primi mesi di maternità. 

continua »
Gravidanza-al-mare

Al mare col pancione

Manca pochissimo alle tanto attese vacanze e finalmente si parte. Le località marine sono senza dubbio quelle più indicate per le future mamme in dolce attesa che possono godere di tutti i benefici del mare e del sole, sfruttando la vacanza per immagazzinare forze ed energia.

continua »

Cerca altre strutture






Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network