Lampade solari e gravidanza

Durante la gravidanza, in particolare nei primi mesi di gestazione, è possibile sottoporsi a lampade UVA senza danni per il feto?

Articoli Correlati

Ciò che differenzia le lampade UVA dai raggi solari è la lunghezza d'onda emessa dalle une e dagli altri. Se, infatti, il sole emette sia raggi UVA (responsabili dell'invecchiamento cutaneo) che raggi UVB (pericolosi, soprattutto, per il rischio immediato di scottature e, sulla lunga distanza, di tumore alla pelle), le lampade artificiali sono caratterizzate da una bassa emissione di UVB a favore di un'altra concentrazione di UVA. In altre parole, se da una parte l'uso delle lampade solari riduce (ma non elimina) l'eventualità di scottature al momento dell'esposizione al sole, dall'altra l'alta concentrazione dei raggi ultravioletti emessi e la loro potenza amplificano i rischi legati all'invecchiamento precoce della pelle. In pratica, non vi è molta differenza tra l'esposizione al sole e quella alle lampade abbronzanti, sia per le donne incinta sia, in generale, per chiunque scelga questa strada per avere un colorito da spiaggia anche in città.

La gravidanza non costituisce un particolare impedimento all'utilizzo di lampade solari, assolutamente non pericolose per il bambino, purché non si esageri e si prendano le medesime precauzione che andrebbero prese prima di qualsiasi esposizione al sole:


 
  • attenta valutazione delle condizioni igieniche e delle garanzie di sicurezza offerte dal centro presso cui vengono effettuati i trattamenti
  • tempi di esposizione non superiori ai 10 minuti
  • utilizzo di creme protettive scelte in base al fototipo della propria pelle

     

    È importante ricordare, poi, che oltre ai rischi cui qualsiasi donna può andare incontro con un'esposizione sbagliata, le future mamme sono soggette, durante i nove mesi di gestazione, a profondi cambiamenti del corpo e a veri e propri sconvolgimenti ormonali che, in alcune situazioni, potrebbero originare spiacevoli inconvenienti. A questo proposito, infatti, è risaputo che proprio gli stravolgimenti ormonali sono la causa di quello che comunemente viene definito cloasma gravidico, ossia un aumento eccessivo della produzione di melanociti, le cellule contenenti la melanina che consentono alla pelle di abbronzarsi, che provocano antiestetiche macchie di colore bruno sulla pelle, con particolare intensità nella zona del viso (non a caso si parla anche di maschera della gravidanza). Ecco, dunque, che un'esposizione eccessiva ai raggi solari o ai raggi ultravioletti delle lampade abbronzanti non solo potrebbe favorire questo processo, ma addirittura innescarlo, stimolando la produzione di melanina da parte dei melanociti.


    Altro fattore a cui occorre prestare molta attenzione nell'effettuare un bagno (doccia o lettino) solare è il caldo. Soprattutto negli ultimi mesi, quindi, è bene interrompere immediatamente la seduta qualora si venga colti da improvvisi attacchi di calore per non provocare un eccessivo abbassamento della pressione del sangue e un'eccessiva dilatazione dei capillari sanguigni. Quest'ultima reazione, infatti, potrebbe far aumentare il cosiddetto prurito gravidico, un disturbo abbastanza frequente in gravidanza (in particolare negli ultimi mesi) che può rivelarsi veramente fastidioso.

    Per concludere, se proprio non è possibile farne a meno, sì alle lampade solari anche nei nove mesi di gravidanza, ma con molta moderazione e facendo attenzione a rispettare tutte le regole e i consigli validi per l'esposizione ai raggi solari.
     


  • Commento inserito da roberta il 14 novembre 2009 alle ore 20:35

    ma le macchie in viso vengono ad alta percentuale con una sola lampada?

  • Commento inserito da sabrina il 10 settembre 2009 alle ore 17:08

    posso farmi un a lampada se allatto?

  • Commento inserito da lonardo teodora il 28 maggio 2009 alle ore 08:39

    sono tra i tre mesi e mezzo e pericoloso fare due doccie integrali in un solo giorno ma dopo qualche ora

  • Commento inserito da KELLEN il 13 maggio 2009 alle ore 14:30

    SONO AL 7 MESE DI GRAVIDANZA,è VORREI FARMI LE LAMPADE ..LO POTREI FARE ? SI O NO?

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Cadere-gravidanza

Come evitare cadute in gravidanza

Il cambiamento del baricentro, il peso della pancia che sbilancia in avanti la futura mamma, la difficoltà ad adattarsi a una nuova fisionomia, possono aumentare il rischio di cadute. Che in gravidanza, però, sarebbero da evitare. Ecco alcuni consigli.

continua »
5-modi-sentirs-postpartum

5 modi per sentirsi in forma dopo il parto

Se durante la gravidanza pancia e chili di troppo sono ben visti dalle future mamme che li associano al bimbo e alla sua presenza nell'utero, dopo il parto una delle cose più difficili da sopportare per molte donne è proprio la pancetta e le forme arrotondate. Ecco 5 modi per sentirsi a proprio agio anche nei primi mesi di maternità. 

continua »
Gravidanza-al-mare

Al mare col pancione

Manca pochissimo alle tanto attese vacanze e finalmente si parte. Le località marine sono senza dubbio quelle più indicate per le future mamme in dolce attesa che possono godere di tutti i benefici del mare e del sole, sfruttando la vacanza per immagazzinare forze ed energia.

continua »
Diastasi-addominale

Diastasi addominale: patologia post parto non riconosciuta

La diastasi addominale è una vera e propria patologia spesso non riconosciuta dalle neomamme e sicuramente non ritenuta tale dal Ministero che può subentrare dopo il parto con evidenti problemi estetici e di salute.

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network