Aiuto! Gambe e piedi gonfi in gravidanza

Per chi si trova ad affrontare gli ultimi mesi di gravidanza, il problema delle gambe e dei piedi gonfi è piuttosto ricorrente e comune. Soprattutto in estate quando caldo e afa non aiutano a migliorare la situazione. Ecco alcuni consigli per stare meglio e prevenire il fastidio. 

Articoli Correlati

di Alessia Altavilla

Il gonfiore di gambe, mani e piedi in gravidanza è un disturbo abbastanza comune e diffuso soprattutto negli ultimi mesi di gestazione. Diversi i fattori alla base di questa condizione: cambiamenti ormonali, fattori meccanici, vascolari... Insomma, nulla di preoccupante, ma sicuramente qualcosa con cui fare i conti. Ad aggravare la situazione, il caldo cheprovoca vasodilatazione e che non migliora la sensazione di pesantezza.
Non esistono, naturalmente, cure specifiche. Ma è possibile intervenire con qualche semplice accorgimento e con qualche precauzione. Ecco qualche consiglio:


  • Per quanto possibile, limitare l'aumento di peso cercando di non superare il chilo al mese e non andare, comunque, oltre i 12 chili.
     
  • Seguire una dieta povera di grassi e sale e ricca, soprattutto, di sali minerali e fibre. Scegliere alimenti che aiutano la diuresi e bere almeno due litri di acqua al giorno suddivisi nell'arco di tutta la giornata (evitare le bevande zuccherine).
     
  • Evitare di stare a lungo nella stessa posizione e cercare di mantenere, durante tutti i nove mesi, una vita attiva. Se all'inizio non c'è nessuna controindicazione, salvo problematiche specifiche, a praticare sport, negli ultimi mesi il peso della pancia potrebbe rendere difficoltosa l'attività sportiva. Nulla vieta, però, di dedicarsi tutti i giorni a lunghe camminate, passeggiate nel verde, nuotate sia al mare che in piscina.

     
  • A proposito di sport, particolarmente consigliate le attività in acqua soprattutto nell'ultimo trimestre. Per chi si trova al mare, ottime le passeggiate sul bagnasciuga.
     
  • Evitare le lunghe esposizioni al sole.
     
  • Indossare scarpe comode, non troppo basse ma neppure con i tacchi a spillo. L'ideale è una scarpa in cuoio (sconsigliate le scarpe da ginnastica che fanno sudare il piede), a pianta larga e con un tacco di 2/3 centimetri. No a jeans e pantaloni troppo stretti che bloccano la circolazione.
     
  • Per alleviare il fastidio, è possibile tutti i giorni effettuare dei pediluvi in acqua gelida addizionata con bicarbonato o normalissimo sale da cucina. Ottime anche le vaschette idromassaggio, per chi ce l'ha, che riattivano la circolazione.
     
  • Dall'estetista, è possibile effettuare massaggi alle gambe sgonfianti o la pressoterapia impostando il programma 'gravidanza'.
     
  • Tenere sotto controllo la pressione arteriosa e rivolgersi al medico se questa dovesse salire eccessivamente.

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Cadere-gravidanza

Come evitare cadute in gravidanza

Il cambiamento del baricentro, il peso della pancia che sbilancia in avanti la futura mamma, la difficoltà ad adattarsi a una nuova fisionomia, possono aumentare il rischio di cadute. Che in gravidanza, però, sarebbero da evitare. Ecco alcuni consigli.

continua »
5-modi-sentirs-postpartum

5 modi per sentirsi in forma dopo il parto

Se durante la gravidanza pancia e chili di troppo sono ben visti dalle future mamme che li associano al bimbo e alla sua presenza nell'utero, dopo il parto una delle cose più difficili da sopportare per molte donne è proprio la pancetta e le forme arrotondate. Ecco 5 modi per sentirsi a proprio agio anche nei primi mesi di maternità. 

continua »
Gravidanza-al-mare

Al mare col pancione

Manca pochissimo alle tanto attese vacanze e finalmente si parte. Le località marine sono senza dubbio quelle più indicate per le future mamme in dolce attesa che possono godere di tutti i benefici del mare e del sole, sfruttando la vacanza per immagazzinare forze ed energia.

continua »
Diastasi-addominale

Diastasi addominale: patologia post parto non riconosciuta

La diastasi addominale è una vera e propria patologia spesso non riconosciuta dalle neomamme e sicuramente non ritenuta tale dal Ministero che può subentrare dopo il parto con evidenti problemi estetici e di salute.

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network