Assunta al nono mese di gravidanza

Sta facendo il giro del web la storia di Martina, assunta al nono mese di gravidanza, e del suo nuovo capo che ha spiegato in un'intervista le ragioni della scelta. Ecco la storia.

Articoli Correlati

di Alessia Altavilla

Lei si chiama Martina. Ha 36 anni. Un bimbo in arrivo a  breve e un nuovo datore di lavoro per il quale inizierà a lavorare solo tra cinque mesi. Ovvero a maternità obbligatoria conclusa.
Eh sì. Perché Martina Camuffo è una delle poche donne italiane che in gravidanza, anziché perdere il lavoro, subire il mobbing da parte di capi e colleghi, vedersi negare i diritti basilari, è stata assunta.


La sua storia, proprio per l'eccezionalità del caso, ha fatto il giro del web ed è diventata una sorta di emblema di comportamento corretto, rispetto e lungimiranza.

Protagonisti, oltre alla donna, Samuele Schiavon e Stefano Serena, responsabili dell'azienda The Creative Way con sede in Veneto (tra Padova e Venezia), specializzata in web design e web development, e per la quale Martina è stata assunta.

A spiegarne le ragioni Samuele che racconta la sua personale esperienza e lo smacco subito da sua moglie quando, incinta del primo figlio, ha perso il lavoro proprio a causa del suo stato interessante.
L'uomo, invece, spiega che nel caso di Martina hanno prevalso il curriculum e le competenze che gli hanno permesso di effettuare una scelta priva di pregiudizi.

Naturalmente, non sono mancate le polemiche. Alcuni dipendenti ed ex dipendenti dell'azienda in questione hanno spiegato sui loro profili social che i motivi di una scelta così estrema sono da cercare non tanto nella lungimiranza dei responsabili e nel loro 'buon cuore', ma nella necessità di creare un caso e suscitare interesse intonro all'azienda, secondo una precisa strategia di marketing e comunicazione.
Ci hanno anche tenuto a precisare che tanta saggezza e filantropia non sono, nella realtà, accompagnate dai fatti, dal momento che, sempre secondo quanto si legge dalle perole degli ex dipendenti, molti di loro aspettano ancora di essere pagati, il tfr, gli arretrati.

La verità è, però, in questo caso poco importante. Fosse anche uno spot, un'operazione di marketing divenuta virale, il dubbio rimane comunque e apre un precedente al quale, si spera, molte aziende vorranno dar seguito: considerare la maternità una risorsa e non una condanna e accettare che nel criterio di valutazione di un candidato le sue qualità e competenze vengano prima del 'stato'.
Non soltanto. Solo partendo dalle competenze è possibile superare le differenze tra uomo e donna ponendo quest'ultima allo stesso livello maschile e con le stesse identiche possibilità di entrare a far parte di una realtà lavorativa a prescindere da quello che, per natura, è chiamata a fare.
La gravidanza, insomma, ci si auspica che non debba più essere considerata un fattore discriminante o un handicap ma, semplicemente, uno stato, una fase della vita che non per questo rende inetta la donna al lavoro.

  • Commento inserito da Sonia il 16 febbraio 2017 alle ore 06:49

    Quest uomo va premiato

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Cadere-gravidanza

Come evitare cadute in gravidanza

Il cambiamento del baricentro, il peso della pancia che sbilancia in avanti la futura mamma, la difficoltà ad adattarsi a una nuova fisionomia, possono aumentare il rischio di cadute. Che in gravidanza, però, sarebbero da evitare. Ecco alcuni consigli.

continua »
5-modi-sentirs-postpartum

5 modi per sentirsi in forma dopo il parto

Se durante la gravidanza pancia e chili di troppo sono ben visti dalle future mamme che li associano al bimbo e alla sua presenza nell'utero, dopo il parto una delle cose più difficili da sopportare per molte donne è proprio la pancetta e le forme arrotondate. Ecco 5 modi per sentirsi a proprio agio anche nei primi mesi di maternità. 

continua »
Gravidanza-al-mare

Al mare col pancione

Manca pochissimo alle tanto attese vacanze e finalmente si parte. Le località marine sono senza dubbio quelle più indicate per le future mamme in dolce attesa che possono godere di tutti i benefici del mare e del sole, sfruttando la vacanza per immagazzinare forze ed energia.

continua »
Diastasi-addominale

Diastasi addominale: patologia post parto non riconosciuta

La diastasi addominale è una vera e propria patologia spesso non riconosciuta dalle neomamme e sicuramente non ritenuta tale dal Ministero che può subentrare dopo il parto con evidenti problemi estetici e di salute.

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network