Bambini IUGR e bambini SGA. Chi sono?

IUGR: Intra-uterin Growth Restriction e SGA: Small for Gestational Age. Sono gli acronimi con cui vengono indicati i bambini che presentano ritardi nella crescita o durante la vita intrauterina (i primi) o nei primi mesi di vita (i secondi). Quali le problematiche. Come seguirli.

di Alessia Altavilla

Gli ultimi studi hanno rivelato che i bambini IUGR (Intra-Uterin Growth Restriction) e i bambini SGA (Small for Gestational Age) sono più esposti, rispetto agli altri, a sviluppare, nel corso della loro vita, patologie metaboliche.
Per essere più precisi, i bambini IUGR hanno una crescita intrauterina rallentata rispetto alle aspettative stimate in base all'età gestazionale (il problema viene rilevato in fase diagnostica con un'ecografia). 


I bambini SGA, invece, possono presentare alla nascita un peso più basso rispetto a quanto ci si sarebbe aspettati, a prescindere dal decorso della gravidanza.
Non sempre, quindi, i due termini sono sinonimi ed indicano proprio due momenti diversi della vita del bambino: da una parte la vita intrauterina, dall'altra i primi mesi di vita.
In entrambi i casi, i disturbi connessi con la problematica si somigliano e hanno a che fare, soprattutto, con lo sviluppo sia in età pediatrica che durante l'adolescenza.


La tendenza comune a questi bambini, che richiedono nei primi anni di vita un follow-up pediatrico particolare, è quella di essere sempre piuttosto magri, con la tendenza ad avere problemi ad accumulare riserve di grasso. Presentano, poi, spesso bassi livelli di zucchero nel sangue, problema che può essere ovviato con una dieta ad hoc e l'incoraggiamento ad assumere un maggior numero di calorie.
Vanno, comunque, monitorati durante l'infanzia con esami del sangue ripetuti e ripetuti controlli sulla crescita in modo da avere chiaro il quadro clinico al sopraggiungere della pubertà durante la quale è spesso ritardato lo scatto di crescita e, comunque, caratterizzato da uno sviluppo non adeguato all'età.

A questo proposito sono state messe in atto dai pediatri tutta una serie di linee guida atte a seguire nel miglior modo possibile la crescita e lo sviluppo di questi bambini ed è fondamentale, che nei primi anni, i genitori seguano scrupolosamente le indicazioni del pediatra per assicurare ai piccoli una crescita normale.

 

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Cadere-gravidanza

Come evitare cadute in gravidanza

Il cambiamento del baricentro, il peso della pancia che sbilancia in avanti la futura mamma, la difficoltà ad adattarsi a una nuova fisionomia, possono aumentare il rischio di cadute. Che in gravidanza, però, sarebbero da evitare. Ecco alcuni consigli.

continua »
5-modi-sentirs-postpartum

5 modi per sentirsi in forma dopo il parto

Se durante la gravidanza pancia e chili di troppo sono ben visti dalle future mamme che li associano al bimbo e alla sua presenza nell'utero, dopo il parto una delle cose più difficili da sopportare per molte donne è proprio la pancetta e le forme arrotondate. Ecco 5 modi per sentirsi a proprio agio anche nei primi mesi di maternità. 

continua »
Gravidanza-al-mare

Al mare col pancione

Manca pochissimo alle tanto attese vacanze e finalmente si parte. Le località marine sono senza dubbio quelle più indicate per le future mamme in dolce attesa che possono godere di tutti i benefici del mare e del sole, sfruttando la vacanza per immagazzinare forze ed energia.

continua »
Diastasi-addominale

Diastasi addominale: patologia post parto non riconosciuta

La diastasi addominale è una vera e propria patologia spesso non riconosciuta dalle neomamme e sicuramente non ritenuta tale dal Ministero che può subentrare dopo il parto con evidenti problemi estetici e di salute.

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network