Curva glicemica in gravidanza. A cosa serve

Un esame generalmente prescritto alla futura mamma in dolce attesa è la curva da carico glicemico, un test che misura i valori della glicemia a digiuno e permette di diagnosticare l'eventualità di sviluppare diabete o la presenza di diabete conclamato.

Articoli Correlati

di Alessia Altavilla

Chiamato anche OGCT (Oral Glucose Challange Test), la curva da carico glicemico è un esame di routine che viene, normalmente, prescritto tra il secondo e il terzo trimestre di gravidanza (tra la 26° e la 28° settimana), utile per lo screening del diabete gestazionale.
Si tratta di un test semplice, non invasivo, che non richiede nessuna preparazione specifica o accorgimento particolare, se non il digiuno preventivo di 8 ore prima del prelievo. Viene eseguito in questo modo:


si esegue inizialmente un prelievo di sangue per determinare la glicemia basale (sono considerati nella norma valori compresi tra 70 e 105 mg/dl, milligrammi per decilitro). Quindi, alla paziente vengono somministrati, sottoforma di bevanda dolce, 50 ml di glucosio. Le viene, quindi, chiesto di attendere per un’ora, rimanendo seduta senza mangiare e/o fumare e, possibilmente, in condizione di tranquillità (lo stress, infatti, potrebbe alterare i risultati). Trascorsi i 60 minuti viene eseguito un secondo prelievo: se il valore di glucosio nel sangue non supera i 140mg/dl, il test è considerato negativo e la futura mamma considerata non a rischio. In caso contrario, invece, diventa necessario eseguire la curva completa.
In questo caso i valori di soglia sono 105mg/dl a digiuno, 190mg/dl dopo 60 minuti dall'assunzione di 100 gr di glucosio, 165mg/dl dopo 120 minuti, 145mg/dl dopo 180 minuti.

Se ti interessa sapere cosa succede nel terzo trimestre di gravidanza....

EFFETTI COLLATERALI DELLA CURVA DA CARICO GLICEMICO

Sebbene non frequenti e sebbene l'esame sia assolutamente indolore, può capitare, in particolare in gravidanza, che l'esecuzione del test e l'assunzione della bevanda dolce, possa causare nausea o vomito. Si tratta di una reazione che può essere considerata normale e che non deve assolutamente destare preoccupazione se i valori dell'esame sono nella norma.

DIABETE GRAVIDICO: IN COSA CONSISTE

La mini curva da carico glicemico ed, eventualmente, la curva da carico glicemico prescittta in caso di esami sballati, sono utili per diagnosticare la presenza di diabete gestazionale o la tendenza a svilupparlo.
Si tratta di un disturbo che colpisce il 7% delle donne incinta ed è considerato una delle più frequenti complicanze della gravidanza. Consiste in un disturbo del metabolismo caratterizzato da una ridotta tolleranza al glucosio. In pratica, l'organismo non riesce a produrre una quantità sufficiente di insulina (l'ormone che consente di trasfomare il glucosio in energia) causando un'elevata concentrazione di zuccheri nel sangue.
Se preso per tempo e tenuto sotto controllo (con una dieta specifica ed esercizi ad hoc), il diabete gestazionale, che tende a scomparire dopo il parto, non è pericoloso né per la madre né per il feto. In caso contrario, invece, potrebbe essere causa di sovrappeso del bambino al momento della nascita (con le ovvie complicanze che questo comporta al momento del parto) e maggiori possibilità di sviluppare la preeclampsia (ipertensione indotta dalla gravidanza). Altri potenziali problemi per il bebè potrebbero essere ittero, difficoltà respiratorie , ipoglicemia e maggiore rischio di obesità e di diabete del tipo 2.

Sintomi del diabete gravidico:

  • sete eccessiva
  • diuresi abbondante e frequente
  • stanchezza cronica
  • presenza di glucosio nelle urine

  • Commento inserito da Chiara il 5 novembre 2016 alle ore 16:05

    Dopo circa mezz'ora aver bevuto il glucosio sono stata veramente male. Mi veniva da svenire, da vomitare, sudarella. Per fortuna 10 minuti poi i sintomi si sono attenuati, non tutti si sentono male però cavolo!!!!

  • Commento inserito da Francesca il 26 novembre 2015 alle ore 18:14

    Anche secondo me non andrebbe fatta se i valori della glicemia sono perfetti, io l'ho fatta la settimana scorsa e sono stata malissimo.

  • Commento inserito da stella il 18 ottobre 2015 alle ore 19:21

    veramente non è un esame di routine, ma un esame che va fatto solo in presenza di fattori di rischio poichè non è un esame privo di effetti colleterali (alcune donne stanno male, vomitano, svengono..) e quindi si fa se c'è un'indicazione.

    poi non si fa più la minicurva con 50g ma quella da 75g

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Annuncio-gravidanza

7 modi divertenti di annunciare la gravidanza

Come annunciare l'attesa di un bimbo a parenti e amici in modo divertente e non convenzionale? Di seguito 10 consigli per farlo validi sia per la futura mamma che per il futuro papà.

continua »
Cadere-gravidanza

Come evitare cadute in gravidanza

Il cambiamento del baricentro, il peso della pancia che sbilancia in avanti la futura mamma, la difficoltà ad adattarsi a una nuova fisionomia, possono aumentare il rischio di cadute. Che in gravidanza, però, sarebbero da evitare. Ecco alcuni consigli.

continua »
5-modi-sentirs-postpartum

5 modi per sentirsi in forma dopo il parto

Se durante la gravidanza pancia e chili di troppo sono ben visti dalle future mamme che li associano al bimbo e alla sua presenza nell'utero, dopo il parto una delle cose più difficili da sopportare per molte donne è proprio la pancetta e le forme arrotondate. Ecco 5 modi per sentirsi a proprio agio anche nei primi mesi di maternità. 

continua »
Gravidanza-al-mare

Al mare col pancione

Manca pochissimo alle tanto attese vacanze e finalmente si parte. Le località marine sono senza dubbio quelle più indicate per le future mamme in dolce attesa che possono godere di tutti i benefici del mare e del sole, sfruttando la vacanza per immagazzinare forze ed energia.

continua »

Cerca altre strutture






Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network