Diastasi addominale: patologia post parto non riconosciuta

La diastasi addominale è una vera e propria patologia spesso non riconosciuta dalle neomamme e sicuramente non ritenuta tale dal Ministero che può subentrare dopo il parto con evidenti problemi estetici e di salute.

Articoli Correlati

di Alessia Altavilla

Dopo il parto è normale che i tessuti dell'addome siano rilassati e la pancia appaia molle e ingrossata. Gli organi interni devo tornare al loro posto e la muscolatura deve riprendere il suo tono.
Nella maggior parte dei casi, le neomamme ritrovano la loro forma fisica precedente nell'arco di un anno (alcune molto prima) e con un po' di palestra e ginnastica ad hoc recuperano anche l'invidiabile pancia piatta e addominali scolpiti.



Può capitare, però, che la pancia molle e grossa dopo il parto nasconda una patologia chiamata diastasi dei retti addominali che si verifica quando, dopo aver partorito, i muscoli addominali non tornano nella loro sede naturale e rimangono distanziati (negli ultimi mesi di gravidanza i muscoli addominali si separano per lasciare posto al feto. La riga scura che molte donne riscontrano in questo periodo è il segnale di questa avvenuta separazione).
Il problema non è molto diverso da quello che spesso affligge le persone obese che, per questo motivo, devono ricorrere a un intervento chirurgico per risolvere la situazione.


COME SI RICONOSCE:
Esiste un esercizio piuttosto semplice da eseguire dopo qualche settimana dal parto per comprendere se si soffre davvero di diastasi addominale:
sdraite con le ginocca piegate, si mette una mano dietro la nuca e una sopra all'addome con le dita appoggiate a metà tra l'ombelico e la fine del costato. Si premono, quindi, i polpastrelli sull'addome rilassato e eseguendo un semplice addomanale (si sollevano le spalle da terra contraendo l'addome) si verifica quante dita stanno nello spazio che si è creato tra le due fasce addominali.
Una separazione di due o tre dita implica molto probabilmente una siastasi addominale e merita un approfondimento dal proprio ginecologo o medico curante.

CONSEGUENZE:
Oltre al chiaro problema estetico che, comunnque, non va preso sottogamba dal momento che incide sul recupero dell'equilibrio psichico della neomamma, la diastasi addominale si porta dietro una serie di conseguenze di ordine medico che possono complicare la vita della donna rendendo difficili anche lo svolgimento delle attività minime quotidiane.
Tra i sintomi più comuni:
  • impedimento quotidiano nel prendere in braccio il bimbo
  • incontinenza precoce
  • prolassi interna
  • instabilità del bacino
  • nausea sotto sforzo
  • difficoltà digestive
  • ernie ombelicali

L'intervento in questo caso è di tipo chirurgico e si chiama addominoplastica con plicatura dei retti.
Si tratta di un intervento piuttosto semplice che, in generale, risolve la situazione in modo definitivo. Purtroppo non è convenzionato in tutte le regioni italiane (ed è per questo che molte donne si battono affinché il Ministero della Salute lo riconosca come necessario in seguito a una patologia vera e propria).

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Posizione-podalica-feto

Cosa fare se il bambino è podalico

Nell'ultimo trimestre di gravidanza il bambino dovrebbe girarsi in modo da essere pronto per il parto. Ecco cosa fare se non fosse posizionato nel modo corretto.

continua »
Contest-neomamme

Il corpo delle neomamme

Dopo la gravidanza, modelle e attrici mostrano un corpo perfetto, senza smagliature, senza un filo di grasso. Sono loro i veri modelli a cui ispirarsi? Due fotografe canadesi sono convinte di no. E hanno lanciato un contest fotografico, giunto ormai alla quarta edizione, per spiegare alle donne che la gioia della maternità vale cellulite e smagliature. 

continua »
Tatoo-gravidanza

Tatoo, piercing e gravidanza: 5 cose da sapere

Tatuaggi e piercing in gravidanza. Sono pericolosi? Si possono fare? E se già si ha un piercing all'ombelico come ci si deve comportare? 5 cose utili da sapere sull'argomento.

continua »
Seno-gravidanza

Il seno in gravidanza: come cambia

Come moltissime altre parti del corpo, anche il seno subisce durante la gravidanza profonde trasformazioni atte a renderlo funzionale in vista dell'allattamento. Ecco quali sono e come prendersene cura.

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

  • MUGHETTO_1

    Il mughetto del lattante

    Il mughetto è un'infezione micotica causata da un particolare tipo di fungo che colpisce il neonato soprattutto nel periodo dell'allattamento.

    continua »
  • Consigli_vasino

    5 consigli per togliere il pannolino

    Arriva l'estate, che è la stagione ideale per le mamme dei bambini intorno ai due anni per togliere il pannolino al piccolo. Vi proponimo 5 consgili utili per...

    continua »
  • Acquaticita_neonatale

    Acquaticità neonatale al mare

    Come comportarsi con i bambini di meno di un anno al mare, per un approccio morbido all'acquaticità, che non provochi traumi al piccolo. Le linee guida di...

    continua »
  • nanna_vacanza_17

    Che fatica la nanna in vacanza

    A casa non ha mai avuto problemi. Tutte le sere il sonno è sempre arrivato puntuale facendo crollare il bimbo nel suo lettino. Ma una volta in vacanza sembra...

    continua »
  • vitaminaD

    Vitamina D: la vitamina dell'estate

    A differenza di altre vitamine, la vitamina D, importantissima per il nostro organismo, viene per il 90% assorbita attraverso la pelle, attraverso l'esposizione ai raggi...

    continua »
  • Prepare_valigie

    La valigia perfetta

    Consigli per preparare la valigia perfetta. Portando con sé tutto quello serve, lasciando a casa il superfluo ed evitando pesi eccessi o problemi per chi...

    continua »

Seguici sui network