Fotografi in sala parto

Foto in sala parto. É davvero necessario immortalare i pargoli nel primo istante in cui vengono in vita? O è possibile conservare il ricordo di quei momenti magici nella propria memoria senza che un occhio esterno, fosse anche la macchina fotografica, lo invada? Ce ne parla Mamma Vera.

Articoli Correlati

di Vera Moretti
Il momento in cui si diventa genitori, quando per la prima volta si vede il proprio bambino dopo nove mesi di attesa, è sicuramente uno di quelli che rimarranno impressi nella mente per sempre.
Le emozioni che assalgono neo mamme e neo papà tenendo in braccio il piccolo appena nato sono talmente tante da essere indescrivibili.


Per questo, i padri, che timidamente avevano cominciato a fare capolino nelle sale parto, hanno gradatamente acquistato più sicurezza, tanto da arrivare al momento della nascita del bebè armati di macchina fotografica e videocamera. Perché niente potesse sfuggire, in un giorno così speciale.

Personalmente, quando è toccato a me partorire i miei figli, ho deciso di affrontare tutto il travaglio con mio marito accanto, perché ritenevo che si trattasse di un'esperienza da condividere. Non mi sbagliavo, perché, quando la famiglia si forma, è importante che siano presenti, fin da subito, entrambi i genitori. Nonostante il dolore, la stanchezza, la fatica, a prevalere erano eccitazione, curiosità e gioia. A chi avrei potuto comunicare tutti questi sentimenti, se non a mio marito?

Anche lui, come tanti padri, aveva messo, nella valigia per l'ospedale, una macchina fotografica, ma ha cominciato ad usarla quando i nostri figli erano già nati e già posti nella loro culla.
La sua decisione, condivisa da me, è stata dettata dalla voglia di sostenermi durante il parto senza impedimenti, ma anche dal timore di indispettire ostetrica e medici con il continuo ticchettio degli scatti fotografici. E, sinceramente, non avevo certo voglia di mettermi in posa durante le contrazioni o, peggio ancora, durante le spinte!
Avranno pensato a questo, negli Stati Uniti, i fotografi che, da qualche tempo, offrono, tra i loro servizi, anche un servizio ambientato in sala parto, con tanto di immagine che immortala il taglio del cordone? Per lasciare al papà le mani libere, e permettergli di sostenere la moglie durante il travaglio, c'è qualcun altro che riprende tutto, dall'arrivo in ospedale alla nascita del piccolo. E per fare ciò, si fa pagare profumatamente.
Non è certo una novità che mi stupisce, considerando che ormai esiste anche un programma televisivo, '24 ore il sala parto', che segue le mamme prossime al parto dal loro arrivo in clinica fino al lieto evento.
Certo, vedere certe immagini è emozionante, e spesso mi ritrovo a commuovermi, quando vedo quegli esserini venire alla luce. Ma poi mi chiedo: non si tratta di un procedimento troppo invasivo, nei confronti del lavoro di infermieri, medici ed ostetrici, ma anche dei bimbi appena nati?
Per anni i bambini sono nati senza scatti, senza immagini, ma le testimonianze che noi ricevevamo sulla nostra nascita non erano certo meno coinvolgenti, anzi, l'amore dei nostri genitori, insieme all'emozione e all'esaltazione da loro vissuta, trasparivano perfettamente dalle loro parole. Senza foto e senza videocamere.
E allora, perché sembra che oggi sia impossibile accontentarsi?

  • Commento inserito da Cristina M. il 17 marzo 2017 alle ore 21:42

    Ciao.

    Fino a quasi un anno fa condividevo esattamente le tue considerazioni; poi, sono stata coinvolta in un progetto fotografico nell'ospedale in cui ho partorito. Devo dire che sono stata spinta da mio marito, che teneva più di me (ovviamente) a conservare le foto di questo momento.

    Posso tranquillamente confessarti che ho cambiato completamente idea: la mia è stata un'esperienza straordinaria. Conservo le foto del mio bimbo e credo siano le uniche che continuo a rivedere più e più volte con mio marito. La fotografa, Chiara, è stata straordinaria ed è entrata con grandissima professionalità e familiarità nel nostro momento magico (molto più dei medici, credimi).

    Quando ho visto le foto del mio piccolo e dei figli delle altre 20 coppie durante la mostra fotografica, al termine del progetto, mi sono messa a piangere come una bambina.

    E adesso che pensiamo di fare il secondo, vorrei proprio avere un fotografo ad immortalare il parto, qualunque sia la spesa da sostenere (nel primo ovviamente non ho pagato un centesimo).

    Le foto del progetto sono pubblicate qui: http://www.giornifelici.photos/birth-photography

    (indovina chi è il mio Mattia...)

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Cadere-gravidanza

Come evitare cadute in gravidanza

Il cambiamento del baricentro, il peso della pancia che sbilancia in avanti la futura mamma, la difficoltà ad adattarsi a una nuova fisionomia, possono aumentare il rischio di cadute. Che in gravidanza, però, sarebbero da evitare. Ecco alcuni consigli.

continua »
5-modi-sentirs-postpartum

5 modi per sentirsi in forma dopo il parto

Se durante la gravidanza pancia e chili di troppo sono ben visti dalle future mamme che li associano al bimbo e alla sua presenza nell'utero, dopo il parto una delle cose più difficili da sopportare per molte donne è proprio la pancetta e le forme arrotondate. Ecco 5 modi per sentirsi a proprio agio anche nei primi mesi di maternità. 

continua »
Gravidanza-al-mare

Al mare col pancione

Manca pochissimo alle tanto attese vacanze e finalmente si parte. Le località marine sono senza dubbio quelle più indicate per le future mamme in dolce attesa che possono godere di tutti i benefici del mare e del sole, sfruttando la vacanza per immagazzinare forze ed energia.

continua »
Diastasi-addominale

Diastasi addominale: patologia post parto non riconosciuta

La diastasi addominale è una vera e propria patologia spesso non riconosciuta dalle neomamme e sicuramente non ritenuta tale dal Ministero che può subentrare dopo il parto con evidenti problemi estetici e di salute.

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network