Il seno in gravidanza: come cambia

Come moltissime altre parti del corpo, anche il seno subisce durante la gravidanza profonde trasformazioni atte a renderlo funzionale in vista dell'allattamento. Ecco quali sono e come prendersene cura.

di Alessia Altavilla

Uno dei primi sintomi di gravidanza, oltre la mancata mestruazione, è l'inturgidimento del seno dovuto all'ingrossamento dei dotti galattofori, gli stessi che dopo il parto faranno fluire il latte e renderanno possibile l'allattamento.
Sin dalle primissime settimana, dunque, il seno appare indolenzito, duro, doloroso al tatto.


Per molte donne, soprattutto quelle alla seconda o terza gravidanza, questo rappresenta il primo segnale che la facondazione è avvenuta.
Man mano che i mesi si susseguono, il seno diventa sempre più grosso fino a quando, a partire dal secondo trimestre e per tutto il terzo trimestre, le vene superficiali risultano ben visibili per effetto della maggiore irrorazione del sangue e della riduzione dello strato adiposo sotto pelle.
A partire dal terzo trimestre, l'areola si scurisce e i piccoli noduli che la ricoprono, i tubercoli di Montgomery, diventano più evidenti, riconoscibili al tatto.


I cambiamenti sono dovuti, principalmente, ai cambiamenti ormonali a cui il corpo va incontro e sono funzionali a rendere possibile a e a facilitare a tutti l'allattamento al seno. In particolare, a intervenire nel processo di trasformazione, sono nei primi mesi l'HCG e la prolattina. Successivamente, estrogeni e progesterone. Ormoni decisamente presenti nel corso di tutti i 9 mesi.

Sebbene non sia frequente e non capiti spesso, dopo il 6° mese possono verificarsi delle piccole perdite di colostro che possono macchiare la maglietta (si consiglia, quindi, di usare quando possibile, una coppetta salvagoccia).
Non c'è da allarmarsi. Anzi. è il segno che tutto il corpo sta prendendo parte al processo di trasformazione in corso e si sta adattando ad accogliere al meglio il bambini.

COME PROTEGGERE IL SENO IN GRAVIDANZA
  1. In gravidanza più che mai il seno va sostenuto con un reggiseno adeguato in grado di sorreggerlo, evitando i modelli che stringono eccessivamente e lo comprimano. Perfetti, soprattutto dal terzo trimestre in poi, i reggiseni per l'allattamento, utilizzabili senza probemi anche in gravidanza
  2. Per le sportive, intensificare (anche sotto parere medico) gli esercizi finalizzati al sostegno del seno come, per esempio i pettorali. Più il muscolo pettorale sarà forte e allenato, minore saranno gli effetti dopo il parto.
  3. Utilizzare creme specifiche che migliorino l'elasticità della pelle

 

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Diastasi-addominale

Diastasi addominale: patologia post parto non riconosciuta

La diastasi addominale è una vera e propria patologia spesso non riconosciuta dalle neomamme e sicuramente non ritenuta tale dal Ministero che può subentrare dopo il parto con evidenti problemi estetici e di salute.

continua »
Posizione-podalica-feto

Cosa fare se il bambino è podalico

Nell'ultimo trimestre di gravidanza il bambino dovrebbe girarsi in modo da essere pronto per il parto. Ecco cosa fare se non fosse posizionato nel modo corretto.

continua »
Contest-neomamme

Il corpo delle neomamme

Dopo la gravidanza, modelle e attrici mostrano un corpo perfetto, senza smagliature, senza un filo di grasso. Sono loro i veri modelli a cui ispirarsi? Due fotografe canadesi sono convinte di no. E hanno lanciato un contest fotografico, giunto ormai alla quarta edizione, per spiegare alle donne che la gioia della maternità vale cellulite e smagliature. 

continua »
Tatoo-gravidanza

Tatoo, piercing e gravidanza: 5 cose da sapere

Tatuaggi e piercing in gravidanza. Sono pericolosi? Si possono fare? E se già si ha un piercing all'ombelico come ci si deve comportare? 5 cose utili da sapere sull'argomento.

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

  • MUGHETTO_1

    Il mughetto del lattante

    Il mughetto è un'infezione micotica causata da un particolare tipo di fungo che colpisce il neonato soprattutto nel periodo dell'allattamento.

    continua »
  • Consigli_vasino

    5 consigli per togliere il pannolino

    Arriva l'estate, che è la stagione ideale per le mamme dei bambini intorno ai due anni per togliere il pannolino al piccolo. Vi proponimo 5 consgili utili per...

    continua »
  • Acquaticita_neonatale

    Acquaticità neonatale al mare

    Come comportarsi con i bambini di meno di un anno al mare, per un approccio morbido all'acquaticità, che non provochi traumi al piccolo. Le linee guida di...

    continua »
  • nanna_vacanza_17

    Che fatica la nanna in vacanza

    A casa non ha mai avuto problemi. Tutte le sere il sonno è sempre arrivato puntuale facendo crollare il bimbo nel suo lettino. Ma una volta in vacanza sembra...

    continua »
  • vitaminaD

    Vitamina D: la vitamina dell'estate

    A differenza di altre vitamine, la vitamina D, importantissima per il nostro organismo, viene per il 90% assorbita attraverso la pelle, attraverso l'esposizione ai raggi...

    continua »
  • Prepare_valigie

    La valigia perfetta

    Consigli per preparare la valigia perfetta. Portando con sé tutto quello serve, lasciando a casa il superfluo ed evitando pesi eccessi o problemi per chi...

    continua »

Seguici sui network