In macchina col pancione

Le cinture di sicurezza sono obbligatorie durante i novi mesi di gravidanza? L'airbag va disattivato? Fino a quale mese è possibile guidare senza problemi? Come comportarsi in caso di lunghi spostamenti in automobile?

Articoli Correlati

di Manuela Magri

CINTURE DI SICUREZZA E GRAVIDANZA
A dispetto di quello che molte donne credono, non c'è nessun valido motivo per non indossare le cinture di sicurezza durante i nove mesi di gravidanza


A questo proposito la normativa sulla sicurezza in auto è abbastanza chiara: sono esentate dall'uso delle cinture di sicurezza solo le donne in stato di gravidanza che presentino un certificato medico rilasciato dal proprio ginecologo curante che certifichi che l'uso delle stesse potrebbe arrecare danno al feto o alla futura mamma.
In tutti gli altri casi, quindi, non solo le cinture di sicurezza sono obbligatorie (e basterebbe, comunque, questo per sollevare qualsiasi dubbio), ma addirittura fortemente consigliate.
Alcuni studi in merito alla sicurezza in auto, infatti, hanno dimostrato che in caso di incidente proprio l'utilizzo della cintura avrebbe salvato la vita al nascituro e alla gravida con una percentuale di morte che va dal 4% a fronte dell'uso della cintura al 33 per coloro che non ne erano provviste.


Naturalmente, è fondamentale che la cintura venga indossata nel modo corretto. Ossia facendola passare sempre sotto al pancione (mai sopra) per quello che riguarda la parte orizzontale e sopra la spalla, attraverso i due seni per ciò che concerne la parte trasversale. Va controllato, poi, che il meccanismo di blocco non scatti per niente.
Esiste, poi, un sistema di sicurezza, Safe Unborn Child, ideato appositamente per faiclitare il posizionamento corretto della cintura in macchina durante i nove mesi di attesa e per semplificare i movimenti della futura mamma al volante.

AIRBAG
Durante la gravidanza non vanno nemmeno disattivati gli airbag che rappresentano un'ulteriore forma di protezione per mamma e bambino in caso di incidente. Poiché, però, questi possono diventare pericolosi qualora la cintura non sia stata allacciata correttamente, è fondamentale indossarla nel modo giusto, come indicato poco sopra.
Il sedile andrà allontanato quanto più possibile dal cruscotto avendo, però, cura di arrivare senza fatica ai pedali e di aver un'ottima visuale da tutti gli specchietti.

Date queste condizioni, la donna incinta può guidare fino al giorno stesso del parto se questo non le provoca fastidi di altro tipo e se se la sente. In caso di tragitti molto lunghi, però, ma questo vale anche se si trova nella posizione del passeggero, è importante che la mamma faccia spesso piccole soste per sgranchire le gambe e riattivare la circolazione in modo da non incorrere in altri problemi di salute.
É consigliabile evitare di mettersi al volante, se la guida rappresenta una fonte di stress, ansia, paura.

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Cadere-gravidanza

Come evitare cadute in gravidanza

Il cambiamento del baricentro, il peso della pancia che sbilancia in avanti la futura mamma, la difficoltà ad adattarsi a una nuova fisionomia, possono aumentare il rischio di cadute. Che in gravidanza, però, sarebbero da evitare. Ecco alcuni consigli.

continua »
5-modi-sentirs-postpartum

5 modi per sentirsi in forma dopo il parto

Se durante la gravidanza pancia e chili di troppo sono ben visti dalle future mamme che li associano al bimbo e alla sua presenza nell'utero, dopo il parto una delle cose più difficili da sopportare per molte donne è proprio la pancetta e le forme arrotondate. Ecco 5 modi per sentirsi a proprio agio anche nei primi mesi di maternità. 

continua »
Gravidanza-al-mare

Al mare col pancione

Manca pochissimo alle tanto attese vacanze e finalmente si parte. Le località marine sono senza dubbio quelle più indicate per le future mamme in dolce attesa che possono godere di tutti i benefici del mare e del sole, sfruttando la vacanza per immagazzinare forze ed energia.

continua »
Diastasi-addominale

Diastasi addominale: patologia post parto non riconosciuta

La diastasi addominale è una vera e propria patologia spesso non riconosciuta dalle neomamme e sicuramente non ritenuta tale dal Ministero che può subentrare dopo il parto con evidenti problemi estetici e di salute.

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network