Papà in sala parto

7 consigli per i papà che decidono di accompagnare la futura mamma in sala parto e qualche suggerimento per la mamma. Perché assistere alla nascita del proprio figlio è un'esperienza unica e irripetibile. Ma non sempre quello che vale per uno può valere per tutti. 

Articoli Correlati

di Alessia Altavilla

E', ormai, una prassi consolidata. Al momento della nascita, in sala parto assieme alla futura mamma, entrano anche i futuri papà, felici, emozionati, lieti, impauriti nell'accompagnare la propria compagna/moglie nell'ultima fase, la più importante, la più emozionante, della gravidanza.
D'altra parte, non potrebbe essere diversamente. La maggior parte dei papà è presente durante le visite ginecologiche, è consapevole delle trasformazioni cui va incontro il corpo della mamma nei nove mesi di gravidanza, si dichiara pronto a cambiare pannolini e cullare bebè nelle lunghe ore della notte. E' attiva e partecipe nelle fasi della gestazione prima e della gestione del neonato dopo.


La maggior parte dei padri è, ormai, pronto e determinato ad assumere il ruolo di padre sin da subito. Dalla prima doppia linea comparsa sul test di gravidanza.
Ovvia conclusione di tutto questo, è la loro presenza in sala parto. Accanto alla futura mamma, a soffrire con lei, emozionarsi con lei, piangere e ridere con lei. Per non perdere nemmeno un istante della vita del piccolo pronto a venire al mondo.
Eppure l'esperienza della sala parto è un'esperienza forte, che lascia un segno, che nel 99% dei casi avvicina ulteriormente la coppia e rende più forte il ruolo del padre nel contesto genitoriale.

E' fondamentale, però, che non lo si faccia perché si deve e che entrambi i genitori siano desiderosi che ciò avvenga ed è importante che il futuro papà sappia ciò a cui va incontro e si riveli davvero un supporto durante il parto e non un 'impiccio'.
Ecco alcuni consigli per affrontare al meglio questo momento:
  1. La presenza del padre in sala parte non è obbligatoria. E' una scelta della coppia che andrebbe presa in modo condiviso.
     
  2. La presenza del papà in sala parto può essere preziosa. Perché in linea di massima il papà riesce a essere più lucido e presente della mamma impegnata, comunque, a mettere al mondo un bambino. Perché lo sia davvero, però, è utile che anche il papà prenda parte ai corsi preparto. Per sapere come aiutare la compagna a soffrire meno e ad alleviare il suo dolore.
     
  3. Nei momento clou del travaglio prima e del parto poi, la donna è concentrata in quel lavoro. Ogni forma di rispetto dell'altro, bon ton, forma può venire meno. E' bene che il papà sia preparato a ricevere insulti, a essere cacciato in malo modo, a essere trattato come un colpevole di quel dolore.
     
  4. La presenza del papà in sala parto è fondamentale per dare alla compagna un supporto pratico e alleviare, così, le sue fatiche. In che modo? Per esempio, dandole da bere, proponendole piccoli snack (il cioccolato è perfetto in questo senso), per avere a disposizione calorie immediate da spendere, per aprirle la finestra se ha troppo caldo. O coprirla se sente freddo. 
     
  5. La presenza del papà in sala parto è indispensabile per fare da filtro con il mondo esterno. E' il papà che, generalmente, per primo avvisa amici e parenti della nascita e si preoccupa di rispondere alle prime assillante telefonate dei nonni e degli zii.
     
  6. L'esperienza della nascita è una delle più forti e coinvolgenti nella vita di un essere umano. Assistere alla nascita di un bambino, in particolare se il proprio bambino, va ben oltre la capacità delle parole di spiegare. Non c'è nulla di male, quindi, in un simile contesto a esternalizzare le proprie emozioni, la propria gioia e le proprie paure.
     
  7. Saccenza, arroganza, presunzione sono atteggiamenti da tenere fuori da una sala parto. Spesso la futura mamma non riesce a mettere in pratica ciò che ha appreso durante i corsi preparto e che sa essere la cosa giusta da fare. Ma un conto è la teoria, un conto la pratica. Evitare, dunque, di sentenziare e giudicare. Anche qualora, sulla carta, i consigli dati sono buoni e saggi.

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Bonus-bebe2018

Bonus bebè: dal 2019 varrà la metà

Confermato il bonus bebè di 960€ per il 2018 che sarà, però, ridotto del 50% a partire dal 2019. In altre parole, parents to be datevi da fare nei prossimi mesi se volete usufruirne a cifra intera. 

continua »
Annuncio-gravidanza

7 modi divertenti di annunciare la gravidanza

Come annunciare l'attesa di un bimbo a parenti e amici in modo divertente e non convenzionale? Di seguito 10 consigli per farlo validi sia per la futura mamma che per il futuro papà.

continua »
Cadere-gravidanza

Come evitare cadute in gravidanza

Il cambiamento del baricentro, il peso della pancia che sbilancia in avanti la futura mamma, la difficoltà ad adattarsi a una nuova fisionomia, possono aumentare il rischio di cadute. Che in gravidanza, però, sarebbero da evitare. Ecco alcuni consigli.

continua »
5-modi-sentirs-postpartum

5 modi per sentirsi in forma dopo il parto

Se durante la gravidanza pancia e chili di troppo sono ben visti dalle future mamme che li associano al bimbo e alla sua presenza nell'utero, dopo il parto una delle cose più difficili da sopportare per molte donne è proprio la pancetta e le forme arrotondate. Ecco 5 modi per sentirsi a proprio agio anche nei primi mesi di maternità. 

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network