Parto indotto

Cosa fare se il bimbo si fa aspettare e si superano le 40 settimane? Prima di arrivare all'induzione, esistono metodi naturali per accelerare l'inizio del travaglio?

Articoli Correlati

di Alice Demare

Si considera a termine un parto che si verifica tra la 38° e la 41° settimana di gravidanza. Oltre questo limite, generalmente, il parto viene indotto in ospedale per evitare che il feto possa andare in sofferenza anche perché, già dopo la 40° settimana, la placenta inizia a invecchiare e, spesso, smette di svolgere correttamente il suo 'lavoro'.
D'altra parte, per le future mamme, le ultime settimane sono le più faticose non solo dal punto di vista fisico, ma anche psicologico dal momento che il desiderio di vedere il bambino tanto atteso cresce esponenzialmente man mano che la data presunta si avvicina o viene superata.


Esistono, però, dei metodi 'naturali' per accelerare l'inizio del travaglio? E quanto sono efficaci?



SCIENTIFICAMENTE PROVATI
Tra i metodi che vengono consigliati alle future mamme per accelerare l'inizio delle contrazione e, di conseguenza, del travaglio, il più gettonato è senza dubbio l'incremento dei rapporti sessuali. E' risaputo, infatti, che lo sperma maschile contiene prostaglandine, un ormone che facilita il rilassamento della cervice e che viene, infatti, utilizzato, sotto forma di gel, per dare il via al travaglio vero e proprio nei casi di parto indotto.
Il sesso, inoltre, sollecitando l'utero ne provocherebbe le contrazioni, anch'esse utili per permettere al collo di accorciarsi e al bambino di scendere nel canale del parto.

Un altro sistema che parrebbe aiutare la futura mamma a entrare in travaglio è la stimolazione dei capezzoli. Anche in questo caso il motivo è presto spiegato: la stimolazione favorirebbe la produzione di ossitocina, l'ormone responsabile delle contrazioni.

Numerosi, poi, sono i rimedi omeopatici utilizzabili nell'ultimo mese di gravidanza per arrivare preparati al parto. E' sufficiente rivolgersi alla propria ostetrica o ginecologa per sapere quali sono i più indicati.


TENTAR NON NUOCE
Sottoporre l'utero a qualche sollecitazione potrebbe essere utile, negli ultimi giorni di gravidanza, ad accelerare il momento del parto.
Ecco perché si consiglia alla futura mamma, senza che, però, ci siano prove certe della riuscita dei sistemi, di camminare molto, fare le scale in discesa, passeggiare in salita, dedicarsi ai lavori di casa, pulire i vetri…
Si tratta, appunto, di 'tentativi' che non hanno alcun supporto scientifico ma che potrebbe valer la pena mettere in atto.

Detto questo, però, è bene ricordare che l'80% nasce oltre termine e che pochi rispettano la data presunta parto. Inoltre, è confermato che è il feto a 'decidere' quando dare il via al travaglio e, quindi, al parto e che, salvo complicazioni, è comunque meglio restare ai suoi tempi che sono, poi, i tempi naturali.
Inoltre, a conforto delle future mamme, la consapevolezza che più in là avviene il momento della nascita (ovviamente, entro la 42°) maggiore sarà il peso del bambino e, di conseguenza, la sua capacità di adattarsi al mondo, di succhiare e di far partire l'allattamento.

  • Commento inserito da ginevra il 2 aprile 2013 alle ore 12:47

    La gravidanza, da linee guida internazionali, è considerata fisiologica fino al termine della 42^ settimana e non della 41. Che poi negli ospedali si tenda ad aver fretta, è un altro paio di maniche

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Cadere-gravidanza

Come evitare cadute in gravidanza

Il cambiamento del baricentro, il peso della pancia che sbilancia in avanti la futura mamma, la difficoltà ad adattarsi a una nuova fisionomia, possono aumentare il rischio di cadute. Che in gravidanza, però, sarebbero da evitare. Ecco alcuni consigli.

continua »
5-modi-sentirs-postpartum

5 modi per sentirsi in forma dopo il parto

Se durante la gravidanza pancia e chili di troppo sono ben visti dalle future mamme che li associano al bimbo e alla sua presenza nell'utero, dopo il parto una delle cose più difficili da sopportare per molte donne è proprio la pancetta e le forme arrotondate. Ecco 5 modi per sentirsi a proprio agio anche nei primi mesi di maternità. 

continua »
Gravidanza-al-mare

Al mare col pancione

Manca pochissimo alle tanto attese vacanze e finalmente si parte. Le località marine sono senza dubbio quelle più indicate per le future mamme in dolce attesa che possono godere di tutti i benefici del mare e del sole, sfruttando la vacanza per immagazzinare forze ed energia.

continua »
Diastasi-addominale

Diastasi addominale: patologia post parto non riconosciuta

La diastasi addominale è una vera e propria patologia spesso non riconosciuta dalle neomamme e sicuramente non ritenuta tale dal Ministero che può subentrare dopo il parto con evidenti problemi estetici e di salute.

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network