Placenta previa. Rischi e contromisure

Cos'è la placenta previa? Quali rischi può comportare durante la gravidanza e il parto? Quali sono le contromisure per evitare problemi durante l’attesa?

Articoli Correlati

di Alessia Altavilla

La placenta è chiamata previa quando è installata nella parte bassa dell’utero, davanti alla parte di presentazione fetale. Se questa condizione non deve destare particolare preoccupazione nei primi mesi di gravidanza (fino più o meno alla trentesima settimana) dal momento che l’utero, aumentando di volume, tenderà a spingerla verso l’alto, con il procedere della gestazione, se la placenta non risale, è bene avere alcune accortezze per evitare problemi al feto.


SINTOMI
Si parla, appunto, di placenta previa solo con la seconda metà della gravidanza.
Il principale segnale di una simile situazione è rappresentato dal sanguinamento vaginale, con sangue di colore rosso intenso e sanguinamento indolore e, apparentemente, senza alcuna causa (raramente, infatti, si registrano contrazioni o dolore) che può essere intermittente e di diversa intensità.

Per quanto non vada sottovalutato, quindi, un sanguinamento indolore non è quasi mai sintomo di distacco di placenta ma segnale proprio di un posizionamento anomalo della placenta nell’utero.
In linea generale, perdite ematiche dovute a placenta previa non compromettono la salute del feto e non lo mettono in condizione di stress.

COSA FARE
È molto probabile che il ginecologo abbia già segnalato nelle settimane precedenti la presenza di placenta previa. Di fronte a un sanguinamento improvviso e indolore a partire dalla 28° settimana e a una diagnosi di placenta previa nella settimane precedenti è, quindi, molto probabile che non ci sia nulla di grave di cui temere e che la causa vada cercata proprio nella posizione della stessa.
A ogni modo, come sempre di fronte a episodi di perdite ematiche in gravidanza, è bene fissare una visita ginecologica che, tramite ecografia addominale e, in caso, transvaginale, accerterà o meno la presenza di placenta previa e ne classificherà la gravità secondo una scala che va da I e II grado (episodi meno gravi, spesso accompagnati da sanguinamento scarso o assente) a III e IV grado.
Nei casi meno gravi, la tendenza generale è tentare di portare avanti la gravidanza in modo naturale giungendo al termine delle settimane di gestazione e di optare per un parto vaginale.
In questi casi, di solito, alla mamma viene consigliato riposo, astensione dai rapporti sessuali e riduzione dell’attività fisica svolta.

Di fronte, invece, a una placenta previa di III e IV grado, dopo aver valutato anche l’intensità del sanguinamento, si opta di solito per un parto cesareo, talvolta anticipato per evitare sofferenze al feto.

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Cadere-gravidanza

Come evitare cadute in gravidanza

Il cambiamento del baricentro, il peso della pancia che sbilancia in avanti la futura mamma, la difficoltà ad adattarsi a una nuova fisionomia, possono aumentare il rischio di cadute. Che in gravidanza, però, sarebbero da evitare. Ecco alcuni consigli.

continua »
5-modi-sentirs-postpartum

5 modi per sentirsi in forma dopo il parto

Se durante la gravidanza pancia e chili di troppo sono ben visti dalle future mamme che li associano al bimbo e alla sua presenza nell'utero, dopo il parto una delle cose più difficili da sopportare per molte donne è proprio la pancetta e le forme arrotondate. Ecco 5 modi per sentirsi a proprio agio anche nei primi mesi di maternità. 

continua »
Gravidanza-al-mare

Al mare col pancione

Manca pochissimo alle tanto attese vacanze e finalmente si parte. Le località marine sono senza dubbio quelle più indicate per le future mamme in dolce attesa che possono godere di tutti i benefici del mare e del sole, sfruttando la vacanza per immagazzinare forze ed energia.

continua »
Diastasi-addominale

Diastasi addominale: patologia post parto non riconosciuta

La diastasi addominale è una vera e propria patologia spesso non riconosciuta dalle neomamme e sicuramente non ritenuta tale dal Ministero che può subentrare dopo il parto con evidenti problemi estetici e di salute.

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network