Madri tigre e madri chiocce

Secondo un articolo pubblicato qualche giorno fa sul Wall Street Journal le madri orientali sarebbero migliori di quelle occidentali, troppo blande, chiocce e protettive.

Articoli Correlati

Amy Chua insegna legge alla Law School di Yale. E qualche giorno fa ha pubblicato sul Wall Street Journal un articolo che in poco tempo è diventato il più letto e commentato del sito on line raccogliendo anche su Facebook in pochissime ore un'incredibile quantità di amici e post.


Amy Chua, cinese come ci dice il suo nome, si è fatta, infatti, portatrice di un'idea ben precisa che ha trovato consensi e opposizioni fortissime tra gli utenti e i lettori. Secondo lei le madri orientali sarebbero migliori delle madri occidentali e i bambini dell'Est otterrebbero risultati migliori, a scuola e nella vita, di quelli del'Ovest.

La tesi riprende quella riportata nel libro scritto dalla Chua Inno di battaglia della madre tigre in cui all'immagine della mamma chioccia di stampo occidentale (e italiano sicuramente) si contrappone quella della mamma tigre di fattura cinese.


Nel libro l'autrice racconta il metodo educativo da lei utilizzato nei confronti delle figli, la sua determinazione a far sì che queste riuscissero a ogni costo, la sua volontà di portarle all'estremo delle loro capacità anche a costo di essere da loro odiata.

Le madri occidentali, al confronto con questa madre (e questo modello materno), sembrano deboli creature soggiogate dai sensi di colpa e dalla paura di ferire i sentimenti del proprio figlio.

Il dibattito è, naturalmente, aperto tra sostenitori e detrattori. Che la cultura occidentale (e quella italiana, in particolare) abbiano una tendenza alla giustificazione e alla morbidezza è fuori di dubbio. Che troppo spesso i genitori, schiacciati dai sensi di colpa, non siano capaci di dire di no ai propri figli, che i ragazzini di oggi hanno pretese e atteggiamenti impensabili per quelli di ieri (e per quelli che vivono nel grande continente giallo) è sicuro. Che i cinesi eccellano, laddove ancora si può parlare di eccellenza, negli studi, è assodato.

Che, però, sia giusto obbligare una bambina di sette anni a imparare a suonare un pezzo al pianoforte complicatissimo, segregandola in casa, impedendole di accedere ai suoi giocattoli e persino di mangiare e di bere, come racconta Amy Chua nel suo libro parlando dell'educazione impartita a sua figlia, è tutta un'altra faccenda.

Nell'educazione dei figli, infatti, sicuramente esiste l'obbligo di spronarli e motivarli, cercando di vincere eventuali pigrizie e forme di apatia. Ma un bambino è una creatura con attitudini ben precise. E non tutti devono per forza essere interessati a suonare il pianoforte a sette anni.
Inoltre, accanto alla capacità di fare, i genitori avrebbero l'obbligo di insegnare ai proprio figli a sopravvivere qualora non riescono a fare, superando e accettando i propri limiti in modo sereno. Dote che spesso manca ai bambini e agli adolescenti orientali, presi in considerazione solo a fronte di un successo conclamato.

Il vero problema delle mamme italiane, generalizzando e facendo di tutta l'erba un fascio, è, secondo noi, la prontezza alla giustificazione che si traduce, poi, in età adulta, nella giustificazione di qualsiasi comportamento, legittimo e illegittimo.

 

  • Commento inserito da Maddalena il 25 gennaio 2011 alle ore 11:39

    Le mie figlie (12 e 5 anni) la parte più importante della mia vita. La prima cosa che cerco di trasmettere loro è il rispetto, l'amore e la forza. Trovare tutte le strade per risolvere i problemi della vita quotidiana, per poter dire 'ci ho provato in tutti i modi', perché i rimpianti sono la cosa più difficile da sostenere. Sono una mamma presente ed affettuosa, ma allo stesso tempo determinata e severa. Non esiste un manuale per fare il genitore, la cosa più importante è ricordarsi sempre che i nostri figli sono essere umani ed in certe situazioni, mettersi nei loro panni serve per comprenderli ed imparare.

  • Commento inserito da LoryMex il 21 gennaio 2011 alle ore 09:22

    Sono mamma di 2 maschetti(10e5 anni) e vedo che quello che manca soprattutto è l'assenza in generale di "regole", perchè i primi che non le rispettano sono gli stessi genitori, che dimostrano anche maleducazione accompagnata dalla più completa mancanza di senso civico. Come diventeranno delle belle persone grandi questi bambini? LA mia più bella soddisfazione è che difronte a questi atteggiamenti negativi i miei figli inorridoscono...anche se non sono dei perfettini.

  • Commento inserito da Mamma Florinda il 20 gennaio 2011 alle ore 14:23

    Certo il mestiere del genitore è proprio il più difficile della terra ma sono d'accordo con Alessia. Secondo i canoni educativi occidentali quella "delicata" mammina cinese sarebbe da denunciare al telefono azzurro per le violenze perpretate a danno della psiche della povera bambina inerme. Sicuramente l'eccessivo permissivismo ed il giustificare incondizionatamente i propri figli è altrettanto sbagliato, ma una serena e coscente educazione, che faccia capire l'importanza dell'impegno e della coerenza nel riuscire a portare a termine i propri obiettivi, penso basti a far crescere i bambini consapevoli che per portare realizzare i propri sogni (e non quelli dei genitori)bisogna soprattutto crederci ed impegnarsi.

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

adorra_home

Comodità estrema o stile inconfondibile?

Adorra o Mya? Se questo è il problema cerchiamo di risolverlo!

continua »
Treviso-riciclapannolini

Riciclare i pannolini? Ora si può

Inaugurato a Treviso il primo impianto per il riciclo dei pannolini. Da una tonnellata di pannolini si ricaveranno 150 kg di cellulosa, 75 kg di plastica e 75 kg di polimero super assorbente.

continua »
BEBE_NEW

Un nuovo standard per la sicurezza in auto: arriva il seggiolino con Airbag

E’ stato presentato ufficialmente il 18 ottobre 2017. E’ il nuovissimo AxissFix Air , che ha una caratteristica “invisibile”, ma davvero innovativa: è l’unico seggiolino al mondo con Airbag integrati.

continua »
Scatola-Baci

La scatola dei baci

Un'idea molto originale, ispirata a un libro, per aiutare i bimbi ad affrontare il distacco da mamma e papà: una scatola piena di baci da tirare fuori quando la mancanza dei genitori diventa insostenibile.

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network