Bambini che mordono

Se fino ai 12 mesi il morso rappresenta per i bambini uno strumento per conoscere il mondo, dopo l’anno è un modo per attirare l’attenzione dei genitori e richiedere affetto.

Articoli Correlati

di Alessia Altavilla

DAI 6 AI 12 MESI
Se nei primi mesi di vita il mondo del bambino si riduce alla piccola porzione di spazio che lo circonda e, soprattutto, alla mamma che se ne prende cura, dopo lo svezzamento e, comunque, non appena i sensi cominciano ad affinarsi, il neonato impara a utilizzare la bocca come fonte di informazione e conoscenza. Ecco perché i lattanti tendono a portare tutto alla bocca, succhiando e mordicchiando qualsiasi cosa capiti loro a tiro.


In questi primi tempi, indicativamente dai 6 ai 18 mesi, mordere per il bambino non significa nient’altro che conoscere, apprendere, capire. Nel periodo della dentizione, poi, dare al bambino qualcosa da mordere significa aiutarlo a calmare il dolore, massaggiando le gengive infiammate.

FINO A 2 ANNI
Dopo l’anno di età, il piccolo utilizza il morso come strumento per attirare l’attenzione di mamma e papà, suscitando la loro simpatia e benevolenza comunicando, così, ai genitori il suo bisogno di essere posto al centro del loro mondo. D’altra parte, è risaputo, i bimbi piccoli sono egocentrici e desiderano fortemente e più di ogni altra cosa che il mondo di chi sta loro intorno (genitori, parenti, educatori…) ruoti intorno al loro mondo.


DAI 2 ANNI IN SU
Dopo i 2 anni e, comunque, quando il bambino comincia a frequentare e a socializzare con i suoi coetanei (più o meno dopo l’inserimento alla materna), il piccolo è perfettamente consapevole del significato che il gesto di mordere implica (aggressività, sfida, tentativo di sopraffazione…).
A quest’età, quindi, i bimbi che mordono (compagni, fratelli, spesso anche adulti) lo fanno in modo deliberato per attirare su di sé l’attenzione e rivelare la propria rabbia. Il mordere, perciò, diventa un modo per comunicare sentimenti repressi che il bambino non riesce a trasmettere attraverso una comunicazione normale.
Come comportarsi: di fronte a un bambino che morde i genitori e gli educatori dovrebbero avere un atteggiamento fermo di dura condanna. Il piccolo deve capire quanto prima possibile che mordere è sbagliato e che non è il mezzo attraverso il quale le persone “parlano”. Sebbene schiaffi e sberle siano assolutamente da evitare, l’adozione di un tono di voce duro e perentorio è fondamentale per avere l’attenzione del bimbo morsicatore. È molto importante, poi, che sia a scuola che a casa la condanna sia unanime. Senza appello. Sia da parte dei genitori che da parte degli insegnanti.

  • Commento inserito da Marina il 21 agosto 2013 alle ore 22:53

    Io ho una bambina di 8 mesi e in 4 mesi ha messo 6 denti e due sono in uscita,morde tt quello che trova e da un pò anche noi..le dico già di non farlo e sembra capirlo xò ho paura anche di ottenere un effetto contrario,e di inibire la sua conoscenza delle cose..

  • Commento inserito da marianna il 15 marzo 2011 alle ore 21:52

    no non e giusto

  • Commento inserito da ylenia il 30 novembre 2010 alle ore 09:54

    il mio bimbo di 13 mesi frequenta il nido da 3-4. Purtroppo anche lui ha il vizio di mordere anche improvvisamente e la responsabile mi sta addirittura minacciando di non tenerlo più perché devegiustificarsi davantialle mamme dei bambini che vengono morsi. Quando è con me basta che io gli dica di no e smette. Consigli???

  • Commento inserito da Fabrizio il 24 novembre 2010 alle ore 09:49

    nostra figlia ha 2 anni e otto mesi ed ha incominciato a mordere ogni volta che un amichetto gli porta via un gioco o si arrabbia con qualcuno, strillare e punire non hanno portato a grandi risultati, ma è vero..lei capisce benissimo che mordendo fa male, ho solo paura di farle provare la stessa sensazione rischiando id incattivirla e non di farla smettere

  • Commento inserito da claudia il 10 settembre 2010 alle ore 12:21

    mio figlio ha quasi 12 mesi e da un po' di tempo quando si innervosisce morde me e mio marito per protesta. non mi sembra si tratti di desiderio di attirare la nostra attenzione e benevolenza...non sappiamo come comportarci

  • Commento inserito da fragola il 9 agosto 2010 alle ore 12:38

    anche io ho avuto mio figlio fino a tre anni mordeva i bambini che gli portavano via i giochi ,ho avuto le mamme contro di me è stata una situazione molto brutta addiritura mi dicevano che non era educato bene ....ma intanto mio figlio ora è un bimbo tranquillo

  • Commento inserito da gaia il 7 maggio 2010 alle ore 23:38

    io ho lo stesso problema di laura volevo sapere se era riuscita a risolvere parlare di psicologi infantili mi sembra un pò esagerato...

  • Commento inserito da LAURA il 21 maggio 2009 alle ore 15:44

    Il mio bambino di due anni morde i bambini durante il gioco sia per dimostrazione di affetto sia per ottenere ciò che vuole. Nonostante ho un atteggiamento molto duro e cerco di fargli capire che sbaglia, non ho ancora ottenuto risultati. Cosa posso fare? Devo preoccuparmi? La mia pediatra dice che devo rivolgermi a uno psicologo infantile, è proprio necessario?

  • Commento inserito da Paola il 22 settembre 2008 alle ore 12:55

    Dal logopedista perchè morde? Non l'ho mai sentito. Il logopedista è utile se il piccolo ha problemi a parlare (e in seguito) a scrivere. Ti direi di non esagerare.

  • Commento inserito da enrica il 22 settembre 2008 alle ore 04:53

    il morso potrebbe anche essere una dimostrazione di affetto mossa da incintenibile eccitazione...?

  • Leggi tutti i commenti

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

adorra_home

Comodità estrema o stile inconfondibile?

Adorra o Mya? Se questo è il problema cerchiamo di risolverlo!

continua »
Treviso-riciclapannolini

Riciclare i pannolini? Ora si può

Inaugurato a Treviso il primo impianto per il riciclo dei pannolini. Da una tonnellata di pannolini si ricaveranno 150 kg di cellulosa, 75 kg di plastica e 75 kg di polimero super assorbente.

continua »
BEBE_NEW

Un nuovo standard per la sicurezza in auto: arriva il seggiolino con Airbag

E’ stato presentato ufficialmente il 18 ottobre 2017. E’ il nuovissimo AxissFix Air , che ha una caratteristica “invisibile”, ma davvero innovativa: è l’unico seggiolino al mondo con Airbag integrati.

continua »
Scatola-Baci

La scatola dei baci

Un'idea molto originale, ispirata a un libro, per aiutare i bimbi ad affrontare il distacco da mamma e papà: una scatola piena di baci da tirare fuori quando la mancanza dei genitori diventa insostenibile.

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network