Gli asili più belli del mondo

A forma di gatto o di balena, realizzate solo con materiali riciclati o concepite come vere e proprie opere d'arte, frutto dello studio e del lavoro di equipe di esperti, architetti, designer, pedagogisti, operatori dell'infanzia... Ecco alcuni degli asili più belli del mondo.

Articoli Correlati

di Alessia Altavilla

Chi ha detto che andare a scuola debba necessariamente essere 'brutto' o noioso?
Ci sono scuole e asili realizzati in modo così spettacolare che ogni bambino del mondo non potrebbe che morire dalla voglia di entrarci e frequentarle. Strutture così ben pensate che ogni genitore sarebbe felice di poterci iscrivere i propri figli. Molte si trovano all'estero, purtroppo. Anche in Italia, però, qualcosa, poco, si sta muovendo. E chissà che magari tra qualche decennio anche i piccoli italiani potranno frequentare luoghi del genere.


IN GERMANIA UN ASILO A FORMA DI GATTO
Si trova a Karisruhe, in Germania, questo asilo a forma di gatto dove i bambini entrano, letteralmente, passando dalla grande bocca del micione che funge da entrata. L'asilo si sviluppa su due piani, illuminati a giorno dalle due grandi finestre della facciata che rappresentano gli occhi del gatto. Le zampe sono le ali laterali dell'edificio e la coda sul retro può essere utilizzata come scivolo per i giochi all'aperto. All'interno ci sono diverse aree gioco, la cucina, la sala da pranzo,il guardaroba e i servizi. Tutto è estremamente funzionale. Tutta la struttura è ecosostenibile, il tetto è un prato verde e gli spazi gioco sono tantissimi, sia dentro che fuori.


IN URUGUAY LA SCUOLA RICICLATA
I lavori sono appena cominciati, coinvolgendo tutta la popolazione locale e i bambini che la frequenteranno. L'Uruguay, però, si pone al centro dell'attenzione per la decisione di costruire la prima scuola pubblica interamente realizzata con materiali di riciclo: vecchi pneumatici, lattine, bottiglie di vetro.... L'architetto, l'americano Michael Reynolds, in un'intervista ha dichiarato che una scuola ecosostenibile al 100% permette di realizzare strutture pubbliche in qualunque zona del mondo, anche quelle più povere, dal momento che tutta la popolazione può attivamente prendervi parte con materiale che, normalmente, si riesce a recuperare facilmente ovunque.

IN SPAGNA UNA VERA E PROPRIA OPERA D'ARTE
Opera dell'architetto Alejandro Muñoz Miranda il Centro Infantil Municipal in El Chaparral di Granada è un'opera d'arte a tutti gli effetti. Lo spazio si allarga e si comprime seguendo precisi giochi di luce, zone aperte e zone chiuse, mura e cielo. Corridoi, zone di passaggio, aule, servizi... creano un movimento costante che viene amplificato dalle diverse pendenze su cui la scuola è costruita. Vetro e cemento si alternano mettendo in comunicazione gli ambienti esterni e quelli interni. Colori accesi segnano le zone di gioco comune, i luoghi di passaggio, le aree comuni. Per le classi, invece, è stato scelto solo vetro trasparente che conferisce leggerezza e luminosità all'ambiente.

IN GIAPPONE RING AROUND A TREE
Anche in questo caso due architetti di grido - Yui e Takaharu Tezuka - e un progetto architettonico che nasconde, in realtà, un progetto educativo.
A Fujy, Ring around a tree è sostanzialmente un enorme cerchio a spirale che ruota intorno a un albero e collega questo spazio - adibito a area giochi, insegnamento delle lingue straniere e spazio di attesa per l'autobus - al corpo principale del Fujy Kindergarden. L'idea è quella che attraverso una serie di piani che si susseguono e una struttura che vista dal punto di vista di un bambino appare infinita, i piccoli possano mettere in atto meccanismi di apprendimento con il corpo. Tutti gli elementi funzionali, ringhiere, passamano..., sono sottilissimi, il pavimento interno è in legno, le pareti di vetro, il pavimento esterno coperto con tappetoni morbidi per attutire le eventuali cadute e tutto è pensato per assicurare totale libertà di movimento e azione. I bambini possono salire e scendere da ogni lato e sperimentare ogni tentativo di raggiungere la cima o la base. Un progetto didattico, insomma, prima ancora che architettonico.

E IN ITALIA?
E' sicuramente l'Asilo Nido di Guastalla, costruito nel giro di tre anni sulle ceneri dei due asili nido - Rondine e Pollicino - distrutti in seguito al terremoto del 2012 che ha scosso l'Emilia Romagna, il nido italiano più bello, perfettamente in grado di gareggiare con altre strutture blasonate nel resto del mondo. Costato 3,2 milioni di euro, finanziato in parte dalla Regione, in parte con le donazioni ricevute in seguito al sisma e, per quasi metà della somma, dal Comune, la struttura, che non ha ancora un nome (saranno determinanti in questo senso le proposte fatte dai bambini che lo frequenteranno), ricorda la sagoma di una balena che rimanda, da un lato alla fiaba di Pinocchio, dall'altra al ventre materno. Realizzato dall'architetto Mario Cucinella interamente in legno e vetro secondo i principi dell'architettura sostenibile (l'acqua piovana serve per bagnare il giardino e alimentare i wc, mentre i pannelli fotovoltaici forniscono circa il 40% dell'energia necessaria per far funzionare la struttura), il nido ospita 120 bimbi dagli 0 ai 3 anni e si ispira ai principi di Reggio Children.

 

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Scatola-Baci

La scatola dei baci

Un'idea molto originale, ispirata a un libro, per aiutare i bimbi ad affrontare il distacco da mamma e papà: una scatola piena di baci da tirare fuori quando la mancanza dei genitori diventa insostenibile.

continua »
SAM2017

SAM - Settimana Mondiale Allattamento al seno

Si celebra dall'1 al 7 ottobre la Settimana Mondiale dell'Allattamento Materno (SAM), voluta per promuovere la cultra dell'allattamento al seno come forma esclusiva di alimentazione almeno fino a 6 mesi e per sensibilizzare l'opinione pubblica sull'argomento.

continua »
Genitorialita

Genitori: che fare?

Cosa significa essere genitori oggi? A cosa servono gli incontri di Terapia Familiare e perché può essere utile che una coppia decida di prendere parte a sessioni di training alla genitorialità? Ce ne parla la dottoressa Cristina Savatteri.

continua »
Paura-neonati

Di cosa hanno paura i neonati?

Dalla paura degli estranei e dell'abbandono a quella per i rumori forti, 3 paure molto comuni tra i neonati e i consigli per aiutarli a superarle.

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network