Il reflusso del neonato: sintomi, cause, rimedi

Il reflusso gastroesofageo del neonato, con o senza rigurgito, è un processo fisiologico causato da una serie di fattori, non ultimo l'immaturità del cardias, la valvola che impedisce la risalita del cibo dallo stomaco all'esofago. Tranne in rari casi, non provoca particolari disturbi al bambino e tende a scomparire con il passare dei mesi.

di Alessia Altavilla

Il reflusso gastroesofageo è la risalita del contenuto gastrico nell'esofago con o senza rigurgito e/o vomito. È un evento fisiologico abbastanza frequente che si verifica più volte al giorno in lattanti, bambini e adulti. Non va considerato una malattia e non deve essere trattato con farmaci.
Si parla, invece, di patologia (MGE) quando la risalita del contenuto gastrico comporta l'insorgenza di segni, sintomi e complicanze. E' una malattia piuttosto rara, spesso difficile da diagnosticare nel lattante e che va diagnosticata quanto prima anche attraverso esami specifici per evitare al bambino problemi anche gravi.



CAUSE DEL REFLUSSO NEL NEONATO
Nella sua forma non patologica, il reflusso gastroesofageo nel neonato ha diverse cause:

  • l'alimentazione prevalentemente liquida
  • l'immaturità del cardias, la valvola che impedisce la risalita del cibo dallo stomaco all'esofago
  • il fatto che passino sdraiati la maggior parte del loro tempo


COME COMPORTARSI
A meno che il reflusso (con o senza vomito) comprometta gravemente la salute del bambino (e, come abbiamo visto sopra, i casi di questo tipo sono piuttosto rari), non va trattato farmacologicamente: col tempo, infatti, soprattutto dopo il passaggio a un'alimentazione di tipo solido, la situazione tenderà a migliorare da sola senza lasciare traccia alcuna.
Esistono, però, piccoli accorgimenti per aiutare il bambino, in particolare quando ci si trova di fronte a situazioni di reflusso accompagnate da rigurgito:

  • tenere il bambino in posizione eretta dopo averlo allattato evitando di metterlo immediatamente sdraiato nel lettino o nella carrozzina
  • dopo la pappa, aiutare il bambino a fare il ruttino
  • interrompere le poppate con brevi pause
  • mettere il bambino a dormire con la schiena leggermente sollevata, in modo da aiutarlo nel processo di digestione

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Denti_neonato

Il primo dentino

Il primo dentino: un momento vissuto con gioia da parte dei genitori, che può provocare problemi al neonato. Vediamo cossa si può fare.

continua »
Linguaggio_neonato

Lo sviluppo del linguaggio e le prime parole

Sebbene la lallazione inizi molto prima, di solito intorno agli 8-9 mesi, lo sviluppo del linguaggio vero e proprio, in cui il bambino prova a chiamare oggetti e persone associandoli a un nome, è successivo e si verifica, generalmente, tra i 13 e i 18 mesi.

continua »
dermatite-atopica-640x320

Dermatite atopica del bebè

È la malattia cronica più frequente tra i neonati. Per fortuna tende a diminuire d'intensità man mano che il bambino cresce. Può essere trattata con creme specifiche e piccoli accorgimenti quotidiani.

continua »
Passeggini-guida-acquisti

Come scegliere il passeggino con le 5W

In un'ottica di consigli per l'acquisto, ecco 5 parametri da tenere sempre in considerazione quando si sceglie il passeggino/carrozzina per il proprio bambino.

continua »

Cerca altre strutture

Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network