Pet therapy al nido per migliorare la vita del bambino

La pet therapy viene sempre più spesso indicata come un importante strumento per aiutare i bambini, anche quelli molto piccoli, a stabilire una relazione con gli animali e, attraverso questa, a mettere in atto processi di apprendimento atti a sviluppare intelligenza emotiva, autostima e rispetto per gli altri. 

di Alessia Altavilla

Qual è il rapporto dei bambini con gli animali? Come possono gli animali diventare per loro maestri di vita e accompagnarli in un percorso di crescita e sviluppo in cui l'interazione funga da traino e movente di apprendimento?
Al Ministero dell'Ambiente e dell'Istruzione se lo sono chiesto e hanno stabilito che l'educazione ambientale dovesse diventare una materia obbligatoria a scuola dalla materna alle superiori. L'idea è quella di insegnare ai bambini e agli adolescenti a rapportarsi nel modo corretto verso l'ambiente e ciò che li circonda.


Guardando al futuro, quindi, sono sempre più numerose le strutture che si propongono attività assistite per un progetto a 360 gradi che porti bambini e genitori alla scoperta degli animali, del diverso da noi e del corretto approccio ai pet.

PET TERAPHY: A CHE PRO

Che gli animali abbiano un ruolo terapeutico e di cura verso alcune patologie anche gravi (basti pensare all'autismo o alla sindrome di down) è risaputo. Che possano svolgere un ruolo 'educativo' anche verso i bimbi più piccini è, invece, una novità degli ultimi anni.
Dal punto di vista dello sviluppo emotivo, tra i benefici che apportano nella psiche e nei comportamenti dei bimbi, maggiore consapevolezza, una spiccata sensibilità e la capacità di essere empatici verso gli altri. Inoltre, le esperienze riportate nella cura e nel gioco con l'animale vengono trasferite facilmente nella vita vera in una sorta di apprendimento attivo dei comportamenti. In altre parole, un bambino abituato a prendersi cura del suo cane o del suo gatto, riuscirà facilmente a prendersi cura di un fratello, un amico, un cugino sviluppando attenzione e rispetto per le esigenze dell'altro.
Dal punto di vista fisico, invece, sembra che i bambini che crescono con cani, gatti e animali domestici sviluppino meno infezioni respiratorie rispetto a quelli che non hanno alcun contatto.

PET TERAPHY AL NIDO
Maith Onlus da anni propone diversi progetti sviluppati all'interno di nidi e micronidi milanesi per portare i bambini alla scoperta degli animali da compagnia  sin dalla primissima infanzia nella convinzione che un contatto precoce attivi e faciliti lo sviluppo dei processi di apprendimento.
Tra gli obiettivi del progetto, infatti, incrementare le capacità di concentrazione, facilitare il dialogo e la socializzazione (capacità di integrazione degli elementi della diversità), arricchire il patrimonio lessicale, facilitare un adeguato sviluppo psicomotorio, aumentare la sensibilizzazione e la responsabilizzazione nei confronti di altri esseri viventi, sviluppare una adeguata interazione bambino-animale, stimolare le capacità sensoriali e motorie, incentivare la partecipazione attiva ad attività di gruppo, incrementare le capacità di ascolto e di attenzione.
L'animale, infatti, per il bambino è caricato di una grande valenza emotiva, e le azioni di accarezzarlo e coccolarlo originano un gradevole e sereno contatto fisico che è per eccellenza uno dei principali fattori di comunicazione interpersonale in quanto orienta alla stimolazione della creatività, del desiderio di conoscere e dalla capacità di osservazione.
Per saperne di più www.maith.it 

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

RigurgitoGastroesofageo

Il reflusso del neonato: sintomi, cause, rimedi

Il reflusso gastroesofageo del neonato, con o senza rigurgito, è un processo fisiologico causato da una serie di fattori, non ultimo l'immaturità del cardias, la valvola che impedisce la risalita del cibo dallo stomaco all'esofago. Tranne in rari casi, non provoca particolari disturbi al bambino e tende a scomparire con il passare dei mesi.

continua »
Neonato-inverno

Passeggiate invernali

Una passeggiata nel parco nelle giornate fredde anche con bambini di pochi giorni di vita, Prendendo tutte le precauzioni del caso.

continua »
BioNike

Come proteggere la pelle del bambino

La pelle del neonato è molto delicata e vulnerabile soprattutto nei primi mesi di vita

continua »
Pulizia_nasino

Igiene del neonato: la pulizia del nasino

La pulizia del nasino è importantissima nei primi mesi di vita per evitare che un banale raffreddore si possa trasformare in qualcosa di più grave (sinusite, otite…). Andrebbe eseguita tutti i giorni come gesto di igiene quotidiana e ripetuta più volte al giorno se il raffreddore è nella fase acuta.

continua »

Cerca altre strutture

Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network