Prime parole

Nel percorso di crescita compiuto dal bebè, l'acquisizione del linguaggio rappresenta una tappa fondamentale.

Articoli Correlati

Ma-ma-ma. Pa-pa-pa. Ta-ta-ta. Probabilmente i primi suoni che sentirete uscire dalla bocca di vostro figlio saranno questi. Una ripetizione apparentemente senza alcun senso di sillabe attraverso le quali il bambino cerca di comunicare i suoi stati emotivi e i suoi bisogni a chi gli sta intorno.
Questa fase, che di solito si verifica intorno al 7°/9° mese di vita, viene definita lallazione e corrisponde, secondo gli esperti, ai primi tentativi di esplorazione della lingua madre compiuti dal piccolo. Si ritiene anche che in questo momento il neonato inizi a distinguere il proprio io dall'altro da sé, prendendo coscienza del suo essere.


Al periodo della lallazione - variabile da bambino a bambino e influenzato da innumerevoli fattori - segue una fase (generalmente, intorno all'anno di età) durante la quale il piccolo capisce il significato delle parole che utilizza e se ne serve per farsi comprendere nelle principali manifestazione della sua esistenza quotidiana (per esempio: 'mamma - pappa' per dire che ha fame, vuole mangiare…; 'mamma - nanna' per intendere che ha sonno; 'pipì-pupù' se vuole che gli si cambi il pannolino….).
All'inizio, il suo vocabolario è formato da una ventina di parole, spesso pronunciate scorrettamente e mai legate a formare frasi complesse. È, infatti, intorno ai 2 anni che l'acquisizione del linguaggio da parte dei bambini subisce un'impennata e questi iniziano a esprimersi attraverso frasi compiute di una certa complessità (il loro vocabolario a questo punto dovrebbe essere composto da una cinquantina di parole). Capiscono il significato di pronomi quali 'mio' e 'tuo' e sono capaci di descrivere diverse situazioni e stati d'animo della loro vita.
A questa prima fase definita, nel suo complesso, prelinguistica, segue la fase linguistica vera e propria, durante la quale il bambino accresce il suo vocabolario aumentando, così, la sua capacità espressiva e la sua abilità nel comunicare anche pensieri astratti, non riferibili all'universo tangibile che lo circonda.

L'influenza dei genitori prima e degli educatori poi nell'acquisizione del linguaggio da parte del bimbo è fondamentale, sin dai primi mesi.
Sebbene, infatti, in parte, la lallazione si verifichi solo dopo che si è sviluppata la muscolatura orale e la capacità audio-espressiva, essa è anche determinata dalle cure e dalle attenzione che il neonato riceve proprio nelle sue prime settimane. La stimolazione del linguaggio, quindi, deve avvenire quanto prima e mamma e papà non devono mai smettere di parlare con il loro bambino, anche quando questi non è in grado di comprendere i loro discorsi. Ciò non significa forzare i tempi (che, invece, vanno rispettati e assecondati), ma semplicemente favorire nel piccino l'apprendimento delle parole e dei loro significati.
 

  • I futuri genitori possono cominciare a parlare al bimbo quando questi è ancora nella pancia della mamma. Il neonato, infatti, alla nascita troverà familiari la voce dei genitori e non ne sarà turbato.
  • La lettura ad alta voce di fiabe e filastrocche semplici può iniziare sin dalle prime settimane di vita del bambino, modulando la voce e i suoni in base alle situazioni descritte nel libro. Nonostante, infatti, il piccolo non sia ancora in grado di decodificare il contenuto di quanto letto, imparerà a riconoscere il contenuto emotivo della lettura, associando espressioni e suoni a determinate parole.
  • È fondamentale che mamma e papà si rivolgano sempre al bebè formulando le parole in modo corretto, senza storpiature e senza imitare i suoni emessi dal bimbo.
  • Non appena il piccino comincia a formulare le prime frasi di senso compiuto, è bene sollecitarlo, per esempio per mezzo di libri, immagini…, a descrivere quanto ha di fronte.
  • Le filastrocche e i giochi mnemonici rivestono durante i primi anni un ruolo fondamentale. La ripetizione delle parole, infatti, la modulazione dei suoni, il ritmo cadenzato che le contraddistingue, sono importantissime per il processo di acquisizione del linguaggio perché innescano nel bambino un senso di attesa che questi cercherà di colmare attraverso l'anticipazione delle parole stesse più volte ascoltate e attraverso la mimica. Ecco perché intorno ai due anni i bimbi chiedono che venga letta loro sempre la stessa fiaba, raccontata sempre con le medesime parole. È un processo di immagazzinamento decisivo.
  • Mamma e papà, i nonni, gli insegnanti… hanno il dovere di guidare il bimbo verso la corretta pronuncia di tutte le parole, senza sgridarlo quando sbaglia, ma correggendolo ogniqualvolta storpi i vocaboli.
  • Non appena il piccino inizierà a formulare le prime domande, è consigliabile non anticipare le risposte, ma dargli il tempo di completare la frase trovando le parole giuste per esprimere i concetti.

  • Commento inserito da ciccio il 12 febbraio 2011 alle ore 17:25

    la mia piccola principessa a 16 mesi dice mamma e papà e baubau e straordinaria
    ti amo sara

  • Commento inserito da chiara il 4 febbraio 2011 alle ore 09:42

    anche io ho un bimbo piccolo di 15 mesi e ancora è nella fase dei vocalizzi anche se capisce tutto e indica e sorride quando gli parli, sta attento alla tv quando gli metto le canzoncine ed è molto attratto dalla musica tanto che balla! ma non dice ancora niente neanche troppe volte mamma e papa' e a volte mi viene il timore che possano esserci problemi visti che lo paragono a sua sorella che agli stessi mesi sembrava un enciclopedia tanto ripeteva le parole in modo chiaro e preciso anche se difficili!!!!!!!!!!!la pediatra dice che i maschi sono piu' lenti infatti anche Daniel ha camminato a 13 mesi mentre la bimba a 12 andava gia' da sola!!!!!!!!!

  • Commento inserito da katia il 10 giugno 2010 alle ore 14:35

    la mia bimba ha9mesi,e dice mamma e papa'

  • Commento inserito da sasi il 27 dicembre 2009 alle ore 04:07

    gente, quando i bambini fanno ohhhhhhhhh......
    lasciateli fare, che e piu bello essere stupiti!!

  • Commento inserito da dunia il 1 settembre 2009 alle ore 23:13

    ho una bimba di 10 mesi e fino a poco tempo fa diceva mam e papà adesso sono un paio di settimane che per chiamarmi dice ohh ohh e cosi fa con mio marito lo chiama ohh ohh. mi devo preocupare?

  • Commento inserito da Francesca il 19 agosto 2009 alle ore 15:43

    Mia figlia ha 6 mesi da qualche giorno è in fase di lallazione e ieri forse in modo totalmente casuale mi ha guardata e ha detto mamma in modo chiaro cmq capisce perfettamente quando la chiamo per nome e se le chiedo dov'è il cane o dov'è il papà si gira nella direzione giusta... Cmq io insegno al nido e so perfettamente ke al di la degli stimoli ogni bimbo ha i suoi tempi sia per parlare ke per camminare

  • Commento inserito da LOREDANA il 27 marzo 2009 alle ore 16:54

    TITTI TUO FIGLIO SARA' UN GENIO, MA TUO NIPOTE STA BENISSIMO, COMINCERA' A PARLARE DIRETTAMENTE CON FRASI DI SENSO COMPIUTO

  • Commento inserito da sara il 16 marzo 2009 alle ore 18:06

    tutti i bambini hanno tempidiversi

  • Commento inserito da debora il 11 marzo 2009 alle ore 16:19

    ciao e vero che ognuno ha i suoi tempi io ho una bimba di 9 mesi e fa solo aaaaaaaaaa e poi da sola borbotta ma mi capisce benissimo quando la chiamo o gli chiedo dove è il papà o il nostro cane o se i nonni gli dicono dove è la mamma quindi con il tempo tutti parlano

  • Commento inserito da raffa il 27 febbraio 2009 alle ore 15:55

    Il mio bambino ha quasi 18 mesi e dice: mamma, papa, babba/o, caca, gaga e tata. Mi sembra poco mi devo preoccupare? Capisce tutto e indica se non compreso.

  • Leggi tutti i commenti

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Scatola-Baci

La scatola dei baci

Un'idea molto originale, ispirata a un libro, per aiutare i bimbi ad affrontare il distacco da mamma e papà: una scatola piena di baci da tirare fuori quando la mancanza dei genitori diventa insostenibile.

continua »
SAM2017

SAM - Settimana Mondiale Allattamento al seno

Si celebra dall'1 al 7 ottobre la Settimana Mondiale dell'Allattamento Materno (SAM), voluta per promuovere la cultra dell'allattamento al seno come forma esclusiva di alimentazione almeno fino a 6 mesi e per sensibilizzare l'opinione pubblica sull'argomento.

continua »
Genitorialita

Genitori: che fare?

Cosa significa essere genitori oggi? A cosa servono gli incontri di Terapia Familiare e perché può essere utile che una coppia decida di prendere parte a sessioni di training alla genitorialità? Ce ne parla la dottoressa Cristina Savatteri.

continua »
Paura-neonati

Di cosa hanno paura i neonati?

Dalla paura degli estranei e dell'abbandono a quella per i rumori forti, 3 paure molto comuni tra i neonati e i consigli per aiutarli a superarle.

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network