Primi tre anni in musica

Nei primi anni di vita del bambino la musica rappresenta uno strumento importantissimo per lo sviluppo del suo sistema cognitivo. Ecco perché è fortemente consigliato avvicinare i bimbi alla musica quando ancora sono neonati. Ce ne parla Elena Costa, ideatrice di Bimbincanto.

Articoli Correlati

di Alessia Altavilla

La Music Learning Theory di Edwin Gordon sostiene che l’apprendimento della musica segua processi analoghi all’apprendimento del linguaggio:
l'educatore, dunque, accompagna il bambino nel mondo dei suoni rispettando le sue fasi evolutive e i suoi tempi di apprendimento e gli permette di apprendere la musica con la stessa naturalezza con la quale apprende la lingua materna.



Abbiamo chiesto a Elena Costa, musicista e Insegnante Certificata Audiation Institute, e ideatrice della scuola di musica Bimbincanto di approfondire l'argomento. Ed ecco cosa ci ha detto.

Perché è importante iniziare fin da piccolissimi?
I primi 3 anni di vita del bambino costituiscono un momento speciale per il suo sviluppo cognitivo. La ricerca sulla plasticità neuronale del cervello umano ha dimostrato come già dalla nascita il bambino è in grado di scoprire e riconoscere in modo istintivo e spontaneo la ricchezza dei modi in cui i suoni si organizzano.

Come si svolge una lezione di musica secondo il metodo di Edwin Gordon?
L'educatore guida i bambini, attraverso la voce e il movimento, in un percorso fatto di gioco, ascolto, silenzi e sguardi e fornisce ai bambini un primo vocabolario di suoni che lentamente verrà da loro imitato e in seguito assimilato.
L'obiettivo è quello di creare un dialogo musicale con il bambino in modo creativo e consapevole.
Fino a 36 mesi il genitore o la figura di riferimento, partecipa attivamente agli incontri, spesso coinvolto nel canto di semplici accompagnamenti musicali. Condivide così con il suo bambino la scoperta e la bellezza di questo nuovo linguaggio espressivo. Dopo i primi 3 anni i bambini partecipano alla lezione in autonomia, con l'educatore e i compagni.
Vengono proposti giochi di gruppo e momenti di ascolto nei quali, attraverso la voce, il silenzio e il movimento, l'educatore mette in atto le competenze musicali che i bambini svilupperanno gradualmente.
In questo modo vengono accompagnati verso l'acquisizione dell'intonazione e del senso del ritmo.

Elena tiene corsi di musica per bambini dagli 0 ai 36 mesi e dai 3 ai 6 anni il martedì mattina nel centro Mindfulness Project di Milano, in via Cenisio 5, e il sabato mattina presso AttivaMenteLab, in via Canobio 8 a Novara.

Per maggiori informazioni o per scrivere direttamente a Elena

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

NomiBebe2017

Come si chiamano i bambini nati nel 2017?

I nomi di tendenza del 2017. Come si chiamano i bambini nati in questi 3 mesi e quali sono le tendenze per i prossimi 9? Ecco un elenco di nomi popolari e decisamente inflazionati per i piccoli del 2017.

continua »
RigurgitoGastroesofageo

Il reflusso del neonato: sintomi, cause, rimedi

Il reflusso gastroesofageo del neonato, con o senza rigurgito, è un processo fisiologico causato da una serie di fattori, non ultimo l'immaturità del cardias, la valvola che impedisce la risalita del cibo dallo stomaco all'esofago. Tranne in rari casi, non provoca particolari disturbi al bambino e tende a scomparire con il passare dei mesi.

continua »
Pettheraphy

Pet therapy al nido per migliorare la vita del bambino

La pet therapy viene sempre più spesso indicata come un importante strumento per aiutare i bambini, anche quelli molto piccoli, a stabilire una relazione con gli animali e, attraverso questa, a mettere in atto processi di apprendimento atti a sviluppare intelligenza emotiva, autostima e rispetto per gli altri. 

continua »
Neonato-inverno

Passeggiate invernali

Una passeggiata nel parco nelle giornate fredde anche con bambini di pochi giorni di vita, Prendendo tutte le precauzioni del caso.

continua »

Cerca altre strutture

Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network