Svezzamento: prodotti freschi o confezionati?

Sono molti i pediatri che al momento dello svezzamento consigliano ai genitori di acquistare prodotti confezionati, possibilmente biologici, che garantiscono maggiore sicurezza. Quali sono i plus? Perché nei primi mesi questo potrebbe avere senso?

Articoli Correlati

di Alessia Altavilla

Lo svezzamento è un momento molto delicato e importante della vita del bambino: il passaggio da un'alimentazione esclusivamente liquida a quella solida, infatti, rappresenta la prima vera tappa di crescita del piccolo che, un cucchiaino dopo l'altro, si avvicina al mondo dei grandi.
Sono questi gli anni in cui inizia a formarsi il gusto ed è questo il momento in cui mamma e papà devono cercare di adottare quei comportamenti virtuosi che porteranno il bambino ad avere un'alimentazione sana e variegata anche negli anni successivi.


Non esiste una regola per iniziare. 
Generalmente, la maggior parte dei pediatri, preferisce aspettare i 6 mesi del bimbo mantenendo per tutto il primo periodo un'alimentazione mista. 
A seconda delle indicazioni, è possibile iniziare con il dolce (la frutta della merenda) o con il salato (normalmente le prime pappe del pranzo) e, in linea di massima, gli ingredienti vengono inseriti uno per volta in modo da individuare immediatamente eventuali allergie e problematiche.


CIBI FRESCHI O CONFEZIONATI?
Anche in questo caso, non esiste una regola. Alcune mamme preferiscono acquistare dal rivenditore di fiducia la frutta, la verdura, la carne e il pesce necessari per la preparazione delle pappe. Altre, invece, per mancanza di tempo ma, il più delle volte, su indicazione del pediatra, acquistano prodotti confezionati che garantiscono una maggiore sicurezza dal punto di vista dei controlli e della provenienza degli ingredienti.
A prescindere, quindi, dalle proprie scelte, è importante essere certe che davvero le materie prime selezionate siano sane e nutrienti, dalle elevate qualità organolettiche e provenienti da aree geografiche certificate. 
Se, quindi, avete un rivenditore di fiducia che possa garantire sulla provenienza dei suoi prodotti e del quale vi fidate, nessun problema a optare per ingredienti freschi da prepare in casa.
Se, però, così non dovesse essere, non è detto che la soluzione dell'homemade sia la più indicata per il benessere del bambino.
La qualità degli ingredienti, infatti, è nei primi anni di vita e durante lo svezzamento in particolare molto importante; questi devono essere semplici e proposti, laddove si opta per i prodotti confezionati, senza conservanti, coloranti, esaltatori di sapore (lo stesso zucchero andrebbe evitato durante lo svezzamento).
Non tutti i prodotti biologici, però, sono tali e non tutto quello che sui banchi dei supermercati viene venduto come biologico lo è davvero.
Come orientarsi, quindi?
  • Informandosi sempre sulla provenienza della materia prima
  • Verificando la catena di controlli subiti dal prodotto finito una volta immesso sul mercato
  • Scegliendo materie prime fresche
  • Leggendo le etichette dei prodotti confezionati e optando per quelli che contengono il minor numero di voci

 

 

 


 

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Paura-neonati

Di cosa hanno paura i neonati?

Dalla paura degli estranei e dell'abbandono a quella per i rumori forti, 3 paure molto comuni tra i neonati e i consigli per aiutarli a superarle.

continua »
Insserimento-si-no

L'inserimento con la presenza dei genitori è davvero utile?

Dopo anni a difenderne l'importanza e il valore, ora i genitori italiani si ribellano. L'inserimento al nido o alla materna con la presenza dei genitori non piace. Costretti a chiedere ferie e permessi, mamme e papà chiedono che il sistema sia rivisto. Serve davvero l'inserimento a scuola dei piccoli?

continua »
chiedimidipiu_hp1

Dubbi e domande? Chiedimi di più, mamma!

Nasce Chiedimi di più mamma. Il portale che con l'aiuto di esperti e specialisti risponde a tutte le domande delle mamme e dei papà offrendo loro uno spazio amico dove confrontarsi.

continua »
12-24_mesi

Dai 12 ai 24 mesi: il secondo anno di vita del bambino

Pensavate che il peggio fosse passato? Che dopo le notti insonne, l'allattamento, lo svezzamento, i dentini... Tutto sarebbe andato via liscio almeno fino all'adolescenza? Ebbene no. Benvenuti nel secondo anno di vita. Quando i bambini iniziano a prendere coscienza di sé e a dire no (e non solo).

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network