Tappe di crescita

Le conquiste, graduali ma importantissime, del bambino dalla nascita fino agli anni della scuola.

di Manuela Magri

Dicono che un essere umano impari più nei primi mesi di vita che nel resto della sua esistenza. Sembra assurdo, ma è davvero così. Perché è proprio nei primi anni che il bambino capisce le regole per sopravvivere prima e per stare al mondo poi. Ecco nel dettaglio il calendario dei progressi del piccolo.   ALLA NASCITA: il bambino è già perfettamente in grado di piangere e di succhiare il latte dal seno materno o dal biberon. Inoltre,... Leggi tutto

  • Commento inserito da ina il 13 marzo 2012 alle ore 15:36

    non capisco come sia possibile che tra 12 e i 15 mesi il bambino parli correttamente, e tra l'anno e mezzo e i 2 sa dire una ventina di parole (pipì, pupù, ecc..)

  • Commento inserito da F il 14 aprile 2011 alle ore 14:48

    SE LE MAESTRE SONO DISPERATE,NON è CERTO PER UN"FAMMI VEDERE"QUELLO è DEL TUTTO NORMALE,MA DA MAESTRA TI DICO CHE SUCCEDONO COSE BEN PIù SERIE.SIAMO NELL'ERA DEI REALITY E GARANTISCO CHE I GENITORI LI GUARDANO CON LORO E 1000 ALTRE PORCATE TRASMESSE.L'INTERPRETAZIONE DEI BAMBINI REINTERPRETATA NEL GIOCO SIMBOLICO SPESSO VA BEN OLTRE IL VOLER SCOPRIRE LA PROPRIA SESSUALITà.POSTO IL FATTO CHE UNA MAESTRA DEVE ESSERLO SOPRATTUTTO PRIMA PER I GENITORI E NON SENTIRSI DISPERATA DI FRONTE A CERTE COSE,MA DEVE PIUTTOSTO ESSERE PREPARATA.

  • Commento inserito da Valeria il 17 settembre 2010 alle ore 10:06

    non dargli troppa importanza, quando poi si sono easplorati smettono, è naturale.

  • Commento inserito da roberta il 28 luglio 2010 alle ore 21:49

    non ci trovo nulla di sbagliato, si chiama sessualità

  • Commento inserito da Sono Anna il 20 marzo 2009 alle ore 11:33

    Ho un bambino di 5 anni all'asilo fanno delle esplorazioni un pò strane tra maschietti del tipo fammi vedere come è il tuo etc. le maestre sono disperate e preoccupate per questa nuova generazione e non è facile spiegare al bambino quello che fa anche perchè ti cambia sempre il discorso. Grazie Anna





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network