Arancione: albicocca, pesca e melone

La frutta arancione, tipica dell'estate, con tante ricette per piatti gustosi, freschi e sani.

Articoli Correlati

Non dovrebbe mai mancare sulla tavola dei bambini. In estate, soprattutto, quando serve per reintegrare i sali minerali persi con la sudorazione. E quando permette di programmare una dieta sana, leggera, ricca di vitamine e nutrimenti indispensabili per lo sviluppo e per la crescita. È la frutta che nella bella stagione si riveste di colore e assume e un sapore e un profumo intensi che la rendono buonissima. Iniziamo, quindi, questa settimana un viaggio alla scoperta dei frutti estivi, fornendovene i valori e le caratteristiche nutrizionali e qualche ricetta per offrirli in modo creativo e originale, classificandoli in base al colore della loro polpa.
A confronto, quindi, meloni, pesche e albicocche.


L'ALBICOCCA
Le albicocche sono composte per l'80% di acqua. Sono ricche di potassio, un minerale indispensabile per una crescita sana, e di vitamina A (che ha la funzione di cooperare nel trattamento di alcuni disturbi della vista e nella crescita ossea e dentale e di aumentare la resistenza alle infezioni e mantenere la salute e l'elasticità della pelle), B (indispensabile per regolare le funzioni del sistema nervoso, del cuore e dei muscoli e per promuovere una crescita e uno sviluppo regolari), C (per proteggere le cellule dai radicali liberi, per accelerare i processi di cicatrizzazione delle ferite, per fortificare le difese immunitarie e, soprattutto, per facilitare l'assorbimento di ferro, contribuendo a curare i casi di anemia) e PP (ha, soprattutto, il compito di permettere ad alcuni enzimi di funzionare nel modo corretto). Inoltre, contengono diversi oligoelementi quali magnesio, fosforo e ferro. Consumate fresche, le albicocche hanno proprietà astringenti e sono particolarmente indicate nella cura delle diarree del bambino. Secchi, invece, hanno proprietà lassative. Possono essere introdotte nell'alimentazione del neonato dopo l'anno di età, magari sotto forma di succo o frullato.
Sorbetto di albicocche


Ingredienti:
  • 250 gr di albicocche
  • 4 cucchiai di miele
  • Succo di un limone
  • Acqua
    Come procedere:
    Fate sciogliere il miele in mezzo litro d'acqua. Tagliate le albicocche a pezzetti e frullatele aggiungendo poco a poco l'acqua aromatizzata con il miele e successivamente il succo del limone. Mescolate il tutto e mettete il composto a riposare nel freezer. Per 3 volte, a scadenza di un'ora una dall'altra, estraete il composto dal freezer, rimescolate e rimettetelo in freezer. Servite freddo come dolce o per merenda a metà pomeriggio.

     

    LA PESCA
    Le pesche sono composte per il 90% di acqua cosa che le rende particolarmente diuretiche e ne fa un frutto dal potere fortemente depurativo, capace di incrementare le funzionalità dei reni e dell'intestino. Sono ricche di potassio, zuccheri e vitamine A, B e C. Sono energetiche, dissetanti e, grazie alla presenza dell'acino cianidrico, vermifughe. Hanno proprietà astringenti se mangiate fresche a possono essere utilizzate per contrastare casi di diarrea nel bambino. Secche, al contrario, ha proprietà lassative. Possono essere introdotte nell'alimentazione del neonato dopo l'anno di età, magari sotto forma di succo o frullato.
    Budino alla pesca
    Ingredienti:
     

  • 1 kg di pesche
  • 10 biscotti secchi
  • 200 gr di zucchero
  • 2 uova
    Come procedere:
    Schiacciate le pesche, precedentemente sbucciate e tagliate, con una forchetta in una terrina. Unite lo zucchero e le uova sbattute. Imburrate uno stampo da budino, spolverizzatelo con i biscotti sbriciolati, riempitelo con il composto di pesche e infornate per circa 45 minuti. Lasciate raffreddare e servite a temperatura ambiente.

     

    IL MELONE
    Composto per il 90% di acqua, ricchissimo di potassio, calcio, sali minerali e vitamina C è, per eccellenza, il frutto dell'estate. Dolce, saporito, dissetante viene utilizzato indistintamente come frutta a fine pasto e per prerare piatti sia dolci che salati. Ha proprietà diuretiche e lassative e favorisce la rigenerazione cutanea rallentando l'invecchiamento delle cellule. Grazie, poi, al bassissimo apporto calorico (solo 33 calorie per 100 gr) è particolarmente consigliato nelle diete ipocaloriche. I neonati possono cominciare a mangiarlo a partire dall'ottavo mese, frullato con acqua e ghiaccio.

    Risotto al melone e menta
    Ingredienti:
     

  • 4 pugni di riso
  • Un litro di brodo di carne
  • La polpa di un melone
  • Parmigiano reggiano grattugiato
  • Una noce di burro
  • 2 cucchiai di foglia di menta tritata
    Come procedere:
    Lessate il riso per 6-7 minuti, scolatelo e continuate la cottura a fuoco lento, con brodo di carne. Al momento di mantecare, aggiungete un frullato di polpa di mezzo melone, una noce di burro e parmigiano reggiano grattugiato. Prima di servire cospargete il risotto con foglie di menta tritate (2 cucchiai) e con la polpa, ridotta a cubetti del mezzo melone rimasto.

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Cibi-anti-stress

Lo stress si combatte a tavola

Se le vacanze sono già un ricordo lontano e la sveglia al mattino, gli impegni lavorativi, la gestione familiare.... aumentano il livello di stress giornaliero, provate a ritrovare tranquillità e pace inserendo questi alimenti nella vostra dieta.

continua »
Snack_time

La merenda per la scuola

Frutta, un pacchetto di biscotti secchi o crackers salati, una fetta di torta… Cosa proporre ai bimbi per l’intervallo a scuola che fornisca loro nutrimento ed energia senza, però, appesantirli e 'riempirli' con calorie inutili.

continua »
Cortilia-verdure

5 trucchi per far mangiare le verdure ai bambini

Il mio bambino non mangia le verdure! Quante voltte abbiamo detto o sentito questa frase?  Dai piatti che sprizzano creatività ai centrifugati, dai giochi in cucina alle micro porzioni. Ecco 5 trucchi per far mangiare le verdure ai bambini, divertendoli e coinvolgendoli.

continua »
Latte_vegetale

Latte vegetale: le alternative al latte vaccino

Di riso, di soya, di mandorle… Il latte vegetale, consumato da vegani e vegetariani, può diventare un’ottima alternativa al latte vaccino anche per chi vegano e vegetariano non lo è. Particolarmente indicato in caso di intolleranza al lattosio o in presenza di virus gastrointestinali quando latte e latticini andrebbero evitati.

continua »

Cerca altre strutture






Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network