Videogames e bambini, i pro e i contro

Già a partire dall’età prescolare una buona parte del tempo libero dei nostri bambini è dedicata ai videogames.

Articoli Correlati

di Valeria Signori

Già a partire dall’età prescolare una buona parte del tempo libero dei nostri bambini è dedicata ai videogames.

Il mercato ne offre di molti tipi e su supporti diversi, dal Pc, alla Play Station, dal Nintendo portatile alla Wii. Alcuni giochi hanno una lunga carriera come Super Mario, i Pokemon o FIFA aggiornato annualmente con i giocatori di calcio. Altro che figurine! Possiamo essere giocatori o allenatori e possiamo costruirci anche il giocatore come lo vorremmo! Altri giochi durano lo spazio di una stagione e poi scompaiono. L’interattività dei video giochi, le grafiche sempre più verosimili e le avventure a cui si può partecipare, rendono questi giochi veramente interessanti per i nostri bambini.





Se ne discute ancora ampiamente, alcuni genitori ritengono opportuno vietarli del tutto ai propri figli, altri invece non sono così rigidi sull’argomento.

I rischi di questo genere di giochi sono soprattutto legati al loro abuso, infatti conseguenze negative dei videogiochi usati in modo scorretto o ossessivo (video giochi, ma anche televisione) sono la riduzione degli spazi dedicati all’attività fisica e sociale, stanchezza mentale che può avere ricadute negative sul rendimento scolastico. Un rapporto disturbato con il videogioco e la televisione può portare a sostituire completamente le relazioni sociali favorendo isolamento e individualismo.

D’altra parte ci sono anche delle cose positive nei videogiochi, sono stimolanti in quanto sono giochi senso-motori, stimolano la comprensione dei compiti da svolgere, abitua a gestire obiettivi e sotto-obiettivi, può favorire autocontrollo e gestione delle emozioni, capacità di prendere decisioni velocemente, affrontare difficoltà, prendere iniziative. Inoltre possono favorire apprendimenti su alcune tematiche specifiche e conoscenze relative a terminologie tecniche.

Insomma, più che l’uso, che pare essere non così male, è l’abuso che deve preoccupare il genitore, che deve sorvegliare e mettere, se necessario, un freno alle ore dedicate ai video giochi e alla televisione. In ogni caso, è sempre importante che i genitori non lascino stabilire ai propri figli da soli, i tempi, le modalità e gli argomenti dei videogiochi. In particolare, per ciò che concerne le tematiche dei giochi, è consigliabile valutare bene i contenuti dei videogames acquistati, evitando sempre sfide violente o eccessivamente competitive.


 

Il gioco più giocato al mondo è Super Mario con 240milioni di copie vendute, pensate se le materie scolastiche avessero qualche supporto interattivo per il proprio apprendimento, quanto sarebbero più interessati i nostri ragazzi.

 

  • Commento inserito da WOW!!! il 5 novembre 2017 alle ore 14:58

    Ben fatto questo articolo:bravi!e STATO DAVVERO UTILE

  • Commento inserito da WOW!!! il 5 novembre 2017 alle ore 14:55

    Ben fatto questo articolo:bravi!

  • Commento inserito da Moustapha il 6 dicembre 2016 alle ore 19:13

    Molto utile questo articolo,mi ha aiutato a fare un compito

  • Commento inserito da Fede il 30 maggio 2016 alle ore 15:18

    È molto utile per i temi scolastici

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Scandinavia

Gli Scandinavi lo fanno meglio

Punto di riferimento per il design, il sistema scolastico, il welfare, la cultura hygge, gli Scandinavi stanno imponendo ovunque anche il modello educativo e genitoriale come il migliore del mondo. Ecco le 6 ragioni per le quali in Nord Europa i bambini sarebbe più felici e i genitori più sereni.

continua »
Troppi-giocattoli

5 motivi per smettere di comprare giocattoli

Il giocattolo è il pane quotidiano del bambino. La maggior parte degli esperti, però, sottolinea come i bimbi che ne hanno pochi crescano meglio e siano più sereni. Ecco come liberarsi del superfluo.

continua »
Alfabeto-Montessori

Attività creative per insegnare a scrivere ai bambini

Seguendo il metodo Montessori, ecco alcune attività ludiche e creative allo stesso tempo da proporre ai bambini per insegnar loro a leggere. 

continua »
rugbytots

Avete mai sentito parlare di rugbytots?

Nato in Inghilterra 11 anni grazie all'idea di Max Webb, il rugbytots è un programma di motricità che si avvale della palle ovale come strumento destinato ai bambini in età prescolare.

continua »

Cerca altre strutture






Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network